Deposit
Foto illustrativa.
MONDO
20.10.20 - 11:060

Rubano 20'000 dollari e li versano in beneficenza

Degli hacker si stanno comportando alla "Robin Hood", ma gli esperti non sono convinti: «È per il senso di colpa?»

Gran parte delle associazioni benefiche, comunque, hanno dichiarato che non accettano soldi provenienti da atti criminali

NEW YORK - Un gruppo di hacker ha donato in beneficenza una gran somma di denaro, precedentemente rubata, a due associazioni a favore dei bambini e delle persone più in difficoltà.

Si tratta di due donazioni in Bitcoin dal valore di circa 10'000 dollari, ed è una prima volta per il cybercrimine, che ha lasciato gli esperti piuttosto sconcertati.

Gli hacker, attivi principalmente sul darknet, sostengono di aver estorto milioni di dollari a diverse aziende, ma con l'obbiettivo di «rendere il mondo un posto migliore», come riporta la Bbc.

Il post sul darknet - Il 13 ottobre, gli hacker autori del gesto hanno pubblicato un post su un blog, affermando di aver preso di mira grandi aziende redditizie. Con degli attacchi ransomware, i cybercriminali tengono in ostaggio i sistemi informatici delle imprese, fino al pagamento di un riscatto. 

Un classico crimine nel 2020, ma questa volta con un risvolto benefico: «Pensiamo che sia corretto che una parte del denaro vada in beneficenza» spiegano poi gli hacker, «non importa quanto pensiate che il nostro lavoro sia pessimo, siamo felici di sapere che abbiamo aiutato a cambiare la vita di qualcuno. Oggi abbiamo inviato le prime donazioni», scrivono, allegando le ricevute come prova.

Le associazioni - I cybercriminali hanno inviato le due donazioni a due enti di beneficenza, The Water Project e Children International.

Children International, che aiuta e sostiene bambini, famiglie e comunità in diversi Paesi del mondo ha dichiarato che non si terrà il denaro ricevuto. Lo ha confermato un portavoce alla Bbc: «Se la donazione è legata a un attacco hacker, non abbiamo intenzione di tenere i soldi».

Il Progetto Acqua, che lavora per migliorare l'accesso all'acqua pulita nell'Africa subsahariana, non ha invece risposto alle richieste di commento.

Una mossa che preoccupa gli esperti - La strategia degli hacker viene vista come uno sviluppo particolare e preoccupante, sia moralmente che legalmente, da parte degli esperti in cybercrimine.

Brett Callow, analista delle minacce presso la società di sicurezza informatica Emsisoft, ha dichiarato al portale britannico che questo modo d'agire è nuovo e alquanto curioso. Sulla domanda del perché, Callow non è sicuro: «Forse aiuta ad alleviare il loro senso di colpa? Vogliono essere percepiti come personaggi alla Robin Hood piuttosto che come estorsori senza una coscienza?» si chiede l'esperto.

In ogni caso, è un passo molto insolito: «per quanto ne so, è la prima volta che dei criminali donano in beneficenza una parte dei loro profitti ottenuti tramite riscatto».

Il gruppo hacker coinvolto è relativamente nuovo sulla scena, ma sembra avere contatti e legami con altri gruppi criminali online, e un'analisi del mercato delle cripto-valute conferma che stanno attivamente estorcendo fondi alle vittime.

La piattaforma online - Anche il modo in cui gli hacker hanno donato la somma è motivo di preoccupazione da parte delle autorità. Le donazioni sono infatti state fatte attraverso la piattaforma "The Giving Block", che permette contributi in criptovalute e che è utilizzata da numerosi enti, anche noti, tra cui Save the Children o Rainforest foundation.

Un portavoce della piattaforma ha confermato al quotidiano inglese di non essere al corrente del fatto che queste donazioni siano state fatte da cybercriminali. «Se si scoprisse che queste donazioni sono effettivamente state fatte usando fondi rubati, inizieremmo naturalmente il lavoro per restituirli al legittimo proprietario».

Tuttavia, The Giving Block non ha fornito dettagli su quali informazioni raccolgono sui loro donatori. 

Nel frattempo, sono già molti gli enti che hanno dichiarato che non prenderanno mai consapevolmente del denaro ottenuto attraverso atti e modalità criminali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
NUOVA ZELANDA
1 ora
Caduto in acqua, sopravvive 14 ore nell'Oceano Pacifico
Un punto nero all'orizzonte, rivelatosi essere una boa, ha salvato la vita dell'uomo
STATI UNITI
3 ore
E voi che pensavate che la pazza corsa di GameStop fosse finita
E invece continua, con un'impennnata del 102% nell'ultima giornata. E sì, nessuno ha ancora capito il perché
AUSTRALIA
3 ore
Google e Facebook obbligati a pagare per le notizie, così l'Australia sfida la Valley
La legge, una prima mondiale, è stata approvata dal parlamento dopo diverse difficoltà
UNIONE EUROPEA
3 ore
Per viaggiare ci vorrà il "passaporto verde"? Se ne discute oggi
Il tema non è all'ordine del giorno del Consiglio Europeo, ma è quello di cui tutti parlano.
STATI UNITI
4 ore
Moderna incrementa la produzione di vaccino
Annunciate fino a un miliardo di dosi per il 2021 e 1,4 miliardi per il 2022.
MONDO
6 ore
La città dei milionari? Londra scavalca New York
Un londinese su 10 possiede un patrimonio di oltre 720mila sterline
AUSTRALIA
6 ore
Somministra a due anziani il quadruplo del vaccino: medico australiano allontanato
Non aveva partecipato alla formazione impartita a tutti i dottori impegnati nella campagna.
MONDO
13 ore
Come si capisce se la campagna vaccinale sta andando bene?
Ci sono vari indicatori da tenere in considerazione e «prove crescenti» che le somministrazioni siano efficaci
REGNO UNITO
16 ore
Nuova luce sulle app contro il Covid: «Meglio del contact tracing manuale»
Lo sostengono due studi recenti, ma a due condizioni: il sostegno pubblico e l'integrazione nei sistemi sanitari
TURCHIA
16 ore
I documenti legano i jet usati dagli assassini di Khashoggi a Mohammed bin Salman
Lo ha svelato la CNN, citando documenti "top secret" canadesi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile