Keystone
AUSTRALIA
19.10.20 - 10:210
Aggiornamento : 13:42

In Australia il 2020 è da record per i decessi a causa... degli squali

Il numero di attacchi resta stabile da anni mentre la letalità è esplosa, e si tenta di capire come mai

SYDNEY - Fra incendi fuori scala e il coronavirus, il 2020 in Australia verrà ricordato anche per un'altra cosa che si è rivelata eccezionalmente letale: gli squali. Stando a quanto riportato dalla CNN, infatti, quest'anno è quello con il maggior numero di vittime causate dal predatore marino da parecchio tempo a questa parte.

Nel 2020 il numero di bagnanti aggrediti da squali è rimasto stabile: si parla di circa una ventina. Ma, mentre nel 2019 non erano stati registrati decessi, quest'anno a perdere la vita sono stati in 7. L'ultimo, un surfista, scomparso e mai più ritrovato lo scorso ottobre. A svelarne il tragico destino, gli inequivocabili segni sulla sua tavola.

La media di vittime di squali per ogni anno si attesta solitamente attorno al singolo individuo, per trovare un annata con 7 morti bisogna andare indietro fino al 1934, più letale era stato solamente il 1929.

Quale il motivo di questo insolito boom? Se lo chiedono soprattutto gli esperti che puntano il dito contro il cambiamento climatico: con la devastazione delle barriere coralline, diverse specie di pesci hanno finito per migrare - alcune delle quali verso le rive - portando con sé anche i predatori: «Mai come quest'anno ho visto banchi così vicini alla costa», spiega alla CNN Culum Brown - professore del Dipartimento di biologia marina della Macquarie University -, «lo spostamento degli squali potrebbe esserne una naturale conseguenza».

Fra le altre possibili ipotesi, c'è anche il fatto che gli squali istintivamente seguono le acque più calde, solitamente più ricche di nutrienti e quest'anno lo sono state particolarmente.

Ma non deve per forza essere una questione di clima: «Potrebbe anche essere semplice (s)fortuna», continua Brown, «negli altri anni molti dei feriti hanno trovato già sulla spiaggia soccorritori formati o dottori, nel 2020 questo non è capitato. E basta davvero un attimo perché un morso di squalo si tramuti in una ferita fatale».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
4 ore
«Il vaccino? Non è una passeggiata»
La testimonianza di un partecipante ai trial di Moderna: «Ho avuto sintomi. Ma lo rifarò»
FOTO
AUSTRIA
6 ore
Tutti in coda, al via i test a tappeto
In caso di tampone rapido positivo viene subito effettuato anche un test molecolare
ITALIA
8 ore
«La sanità italiana è arrivata piuttosto fragile all'appuntamento con la pandemia»
A sostenerlo è l'istituto di ricerca Censis. Sulle restrizioni per Natale: «Quasi l'80% degli italiani è favorevole».
STATI UNITI
8 ore
Tutti i film di Warner Bros. nel 2021 andranno anche direttamente in streaming
Titoli come “Matrix 4”, “Dune” e “The Suicide Squad” non usciranno solo in sala. Una mossa senza precedenti
STATI UNITI
9 ore
Biden chiederà agli americani di portare la mascherina per 100 giorni
«Credo vedremo una riduzione significativa dei casi», ha promesso. La sua autorità, però, sarà limitata.
REGNO UNITO
11 ore
Vaccino anti Covid: primo carico arrivato nel Regno Unito
È stato depositato in un magazzino segreto. La distribuzione scatterà dal fine settimana.
ITALIA
11 ore
Obbligo di quarantena per chi rientra in Italia
Esentati coloro che viaggiano per motivi di lavoro o di studio
FOCUS
13 ore
Ammalarsi d'amore, sesso e Covid
Il virus ha sconvolto anche le modalità affettive e sociali d'interazione tra gli umani
MONDO
13 ore
Le motivazioni di chi fa circolare bufale e teorie del complotto
Ci sono quattro categorie di propagatori, secondo la classificazione di un saggio del 2009 di Cass Sunstein.
ITALIA
22 ore
Domani scatta il nuovo Dpcm, ecco le regole per le feste
Le ultime modifiche riguardano la scuola. Vietati gli spostamenti tra regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile