Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STR (Wason Wanichakorn)
+4
THAILANDIA
15.10.20 - 09:210
Aggiornamento : 11:44

Caos e proteste, in centinaia sfidano i divieti del Governo

Il Governo ha dichiarato in nottata lo stato d'emergenza, vietando gli assembramenti per disperdere i manifestanti

I thailandesi non si sono però fatti intimorire, e in centinaia stanno sfidando le misure appena introdotte

BANGKOK - Centinaia di persone sono scese per le strade di Bangkok sfidando il divieto di assembramenti appena imposto dal governo.

Centinaia di giovani manifestanti anti-governativi sono affluiti attorno alla Ratchaprasong Intersection a Bangkok, sfidando lo stato di emergenza proclamato nella notte che vieta assembramenti di più di cinque persone. Nell'area, per contenere una protesta annunciata già questa mattina, è presente un massiccio contingente di forze di polizia.

La tensione è alta, con i manifestanti che chiedono il rilascio dei venti attivisti - tra cui alcuni tra i maggiori leader - arrestati nella notte per il loro ruolo nelle proteste di ieri, che hanno portato all'assedio della sede del governo e a un incontro ravvicinato con la limousine che trasportava il re Vajiralongkorn e la regina Suthida.

La Ratchaprasong Intersection, nel pieno centro di Bangkok, era il cuore della cittadella delle "camicie rosse" occupata per un mese e mezzo dagli allora manifestanti anti-governativi nel 2010. Quelle proteste furono represse con almeno 92 morti e 2'000 feriti.

La risposta delle autorità - Il governo thailandese, lo ricordiamo, ha proclamato nella notte lo stato di emergenza, che vieta assembramenti di più di cinque persone e la pubblicazione di notizie o messaggi nocivi per la sicurezza nazionale.

Lo ha annunciato la tv di Stato. «È estremamente necessario introdurre urgenti misure per porre fine a questa situazione in modo rapido ed efficace per mantenere l'ordine», è stato detto dai canali statali. Il provvedimento è entrato in vigore da subito, alle 4 di notte locali.

Intanto almeno 20 attivisti per la democrazia, fra cui quattro dei maggiori leader, sono stati arrestati questa mattina a Bangkok dopo la proclamazione dello stato di emergenza.

Lo riferiscono i media thailandesi. Tra gli arrestati ci sono Anon Nampha, Parit Chiwarak, Panupong Jadnok e Panusaya Sithijirawattanakul, tra i più attivi nei comizi alla folla e nel reiterare le richieste per un nuovo governo, una nuova Costituzione e lo stop alla persecuzione dei dissidenti politici.

In particolare, Panusaya (21 anni) è la studentessa che per prima in agosto lesse un manifesto per la riforma della monarchia davanti a una folla di studenti. Alcuni tra gli arrestati, come Anon e Parit, sono già stati arrestati con l'accusa di sedizione negli ultimi tre mesi, e poi rilasciati su cauzione. Dopo le proteste di ieri, però, le autorità sembrano intenzionate a stroncare sul nascere il movimento.

Ieri, dopo aver accerchiato la sede del governo, i manifestanti avevano gridato insulti e alzato tre dita - il segno della resistenza alla dittatura nel film "The Hunger Games" - al passaggio dell'automobile che trasportava il re Vajiralongkorn e la regina Suthida, una scena impensabile nel regno fino a poco tempo fa. I manifestanti chiedono un nuovo governo che rimpiazzi quello del generale golpista Prayuth Chan-ocha, una nuova Costituzione al posto di quella scritta dai militari, e lo stop alla persecuzione dei dissidenti politici.

keystone-sda.ch / STR (Rapeephat Sitichailapa)
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
1 ora
Quirinale, niente di fatto anche oggi
Le schede bianche sono state la costante anche della seconda votazione
GERMANIA
2 ore
Il 18enne che ha sparato ai compagni «avrebbe potuto fare una strage»
«Le persone devono essere punite» aveva scritto al padre via Whatsapp, pochi minuti prima
LE FOTO
OCEANO PACIFICO
9 ore
Tra gli aiuti diretti a Tonga, un focolaio di Covid
Sulla "HMAS Adelaide" della marina australiana ci sono 23 membri dell'equipaggio positivi al coronavirus
ITALIA
11 ore
Da Amadeus, a Vasco e Siffredi: i non "quirinabili" votati
Pioggia di schede bianche ieri a Montecitorio, ma non senza qualche nome curioso. E no, non è la prima volta.
COREA DEL NORD
13 ore
La Corea del Nord testa nuovi missili
Il Sud avvisa: «Dobbiamo condurre un'analisi dettagliata»
UCRAINA/RUSSIA
21 ore
Dalla «minaccia russa» all'«isteria europea», il confine è sempre più rovente
Stati Uniti e Regno Unito richiamano a casa i dipendenti delle ambasciate e la Nato manda rinforzi armati all'Ucraina
ITALIA
23 ore
Presidente della Repubblica italiana: nulla di fatto nella prima giornata di votazione
Le schede bianche sono state 672. Domani si ricomincia
MEDIO ORIENTE
1 gior
Missili verso Abu Dhabi, si infiamma lo scontro con gli Huthi
I ribelli dicono di aver colpito anche la zona di Dubai, dagli Emirati non giunge però nessuna conferma
RUSSIA
1 gior
Omicron è in Russia, dove metà della popolazione non è vaccinata
La variante è correlata a un tasso minore di ricoveri. Sarà però così anche dove gli immunizzati sono la minoranza?
FOTO
GERMANIA
1 gior
Heidelberg, spari nel campus: uno dei feriti è morto. «È stato uno studente»
La polizia, accorsa con un ampio contingente, ha comunicato che l'aggressore si è tolto la vita.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile