Immobili
Veicoli
Parco Archeologico di Ercolano
ITALIA
05.10.20 - 22:360

Quei neuroni preservati (per 2'000 anni) dopo l'eruzione

Il ritrovamento di un cervello vetrificato a Ercolano era stato annunciato a inizio anno. E la ricerca non si ferma

NAPOLI - A inizio anno, il Parco Archeologico di Ercolano aveva annunciato il ritrovamento di alcuni frammenti di cervello (vetrificato) di una delle vittime della violenta eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Una scoperta, già straordinaria di suo, che oggi si arricchisce.

Come svela uno studio pubblicato dalla rivista scientifica PLOS One, all'interno di quel cervello sono stati rinvenuti neuroni umani. Un fatto assolutamente raro, ha spiegato l'antropologo forense Pier Paolo Petrone, responsabile del Laboratorio di Osteobiologia Umana e Antropologia Forense presso l'Università Federico II di Napoli.

«Il rinvenimento di tessuto cerebrale in resti umani antichi è un evento insolito - ha detto l'esperto - ma ciò che è estremamente raro è la preservazione integrale di strutture neuronali di un sistema nervoso centrale di 2000 anni fa, nel nostro caso a una risoluzione senza precedenti». Il processo di vetrificazione indotto dall'eruzione ha di fatto "congelato" le strutture cerebrali «preservandole intatte fino a oggi».

La scoperta fornisce nuove e chiare indicazioni sul rapido raffreddamento delle ceneri che investirono Ercolano nelle prime fasi dell'eruzione. Un nuovo tassello che si inserisce ora nelle ricerche, impegnate a ricostruire a ritroso le varie fasi dell'eruzione con l'obiettivo di valutare i tempi di esposizione alle alte temperature e del raffreddamento dei flussi, i cui risultati troveranno applicazione non solo negli ambiti dell'archeologia e della bioantropologia, ma anche nella gestione delle emergenze future nell'area vesuviana.

Parco Archeologico di Ercolano
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
2 ore
Il giallo di Camilla Canepa, i dottori sapevano che era vaccinata
La 18enne e la sua famiglia avevano avvisato i medici, nonostante questo non sono state seguite le linee guida dell'Isth
BRASILE
6 ore
«Dovrebbero difenderli, non sterminarli»
Sotto accusa i funzionari del Dipartimento governativo degli Affari Indigeni (FUNAI) per un insabbiamento
RUSSIA / UCRAINA
14 ore
Russia-Ucraina: l'ottimismo scarseggia, ma si va avanti
La risposta fornita da Usa e Nato è invece stata gradita da Kiev: «Nessuna obiezione dal lato ucraino»
REGNO UNITO
16 ore
I reati sessuali sono in aumento. «Per il governo non è una priorità»
Nei primi nove mesi del 2021 in Inghilterra e in Galles sono stati denunciati quasi 70mila stupri
STATI UNITI
19 ore
Vietato dalla scuola un romanzo sull'Olocausto
L'autore Art Spiegelman, vincitore del premio Pulitzer, si è detto «sconcertato»
COSTA RICA
21 ore
Assalto no-vax all'ospedale per «salvare un bambino dal vaccino»
Una trentina di persone è riuscita a fare irruzione nel nosocomio, ma non ad arrivare al bambino al quarto piano
MONDO
1 gior
«I casi gravi sono dovuti alla coda della Delta»: lo studio
L'osservazione dell'Istituto di ricerca Altamedica sull'evoluzione della variante: «Dati veramente tranquillizzanti»
TAGIKISTAN
1 gior
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
1 gior
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
1 gior
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile