KEYSTONE
Il ponte di Brooklyn
STATI UNITI
04.10.20 - 20:360
Aggiornamento : 22:44

Torna il lockdown, da New York a Parigi

Chiuse scuole e attività «non essenziali» in otto quartieri della Grande Mela.

A Marsiglia e nella capitale francese coprifuoco per bar e ristoranti. E anche in Inghilterra e Israele la situazione è critica

NEW YORK - Il mondo che conta ormai 35 milioni di contagi dall'inizio della pandemia, cerca di correre ai ripari mentre la nuova ondata del coronavirus fa registrare, di giorno in giorno, nuove impennate dei casi. Con le grandi capitali simbolo del pianeta che impongono via via misure sempre più restrittive.

A cominciare da New York dove da mercoledì scatterà, in nove quartieri, un vero lockdown. Mentre l'America segue con il fiato sospeso le condizioni di salute del presidente Trump, infettato dal Covid, ad annunciare la stretta nella Grande Mela è stato il sindaco Bill De Blasio spiegando che saranno le zone di Brooklyn e Queens, focolai dei nuovi casi, a chiudere.

E anche Parigi stringe le maglie: a fronte dell'impennata dei casi (17 mila quelli nuovi registrati ieri in Francia) e la mancanza di un inversione della curva nella capitale e nell'Ile-de-France domani si passerà in "zona di allerta massima", color "scarlatto" invece dell'abituale rosso. Con la chiusura dei bar.

Segnali chiari che la seconda ondata del virus fa paura ormai quanto la prima. E potrebbe durare: «La strada può essere ancora accidentata, fino a Natale e oltre», ha messo in guardia Boris Johnson, primo ministro di un Paese, il Regno Unito, che continua a vedere impennarsi le curve epidemiologiche. L'ultimo dato, riferito a sabato, parla di un record 12'800 nuovi contagi in Gb anche se la cifra è difficilmente interpretabile con le medie dei giorni precedenti (circa 7 mila nuovi contagi ogni 24 ore) perché nel conteggio sono stati inclusi anche casi che non erano stati registrati nell'ultima settimana. Una situazione di allerta che continua a riguardare anche Israele dove il premier Benjamin Netanyahu valuta la possibilità di estendere il lockdown che scade il 14 ottobre.

Tornando in Francia, due settimane dopo la stretta che ha imposto a Marsiglia la chiusura generale di bar e ristoranti e a Parigi quella anticipata alle 22, il progredire apparentemente inarrestabile dei contagi, unito all'aumento di ricoveri e di occupazione di letti in rianimazione, ha costretto le autorità a tornare alle dolorose chiusure anche a Parigi. La rivolta dei ristoratori di Marsiglia non dovrebbe ripetersi a Parigi, anche perché i gestori di brasserie e bistrot hanno presentato al governo un proprio protocollo che - qualora riuscissero ad evitare di abbassare la saracinesca - si impegnano a rispettare: raccolta di nomi e indirizzi dei clienti, misurazione della febbre ad ogni avventore, tetto massimo di 8 coperti per ogni tavola.

Già giovedì scorso, sui criteri presi in considerazione dalle autorità sanitarie per definire il colore di un territorio sulla cartina di Francia, si erano accese tutte le spie nella regione di Parigi: il tasso di incidenza oltre la barra dei 250 casi per 100'000 abitanti, precisamente a 261; il tasso di occupazione di letti nelle rianimazioni da parte dei pazienti Covid-19 al 34,8% quando la soglia di allerta è fissata al 30%; infine, il tasso di incidenza del contagio per gli over 65 ben oltre la soglia critica di 100.

Il ministro della Salute, Olivier Véran - facendo digrignare i denti a sindaci e ristoratori della regione di Marsiglia costretti a chiudere dalla settimana scorsa - aveva concesso alla capitale altri 4 giorni per verificare la stabilità di questa tendenza al peggio. Non sono arrivate cifre a contraddire il trend in atto, quindi da domani mattina scatterà il giro di vite, dopo consultazione stasera con la sindaca Anne Hidalgo. La stessa prima cittadina, pur riconoscendo che la situazione è «molto grave» nella capitale, ha detto che «nulla è ancora deciso, si sta ancora discutendo». L'imput che Emmanuel Macron ha dato al governo è quello di continuare sempre, ove possibile, a tenere tutto aperto ed in funzione, ricorrendo alle misure di chiusura che penalizzano la società intera soltanto in casi estremi.

Quanto alla reazione dei parigini, il governo sembra almeno confortato da un sondaggio Elabe per BFM-TV secondo il quale il 61% degli abitanti dell'Ile-de-France sono favorevoli a una chiusura completa dei bar. Quanto ai ristoranti, il governo ha ceduto il passo al Consiglio scientifico, l'Authority che domani annuncerà se il protocollo autogestito dei ristoratori per rimanere aperti sia accettabile, almeno per qualche giorno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
9 ore
Bin Salman autorizzò il blitz per uccidere Khashoggi
È questo in sostanza il contenuto del rapporto dell'intelligence Usa diffuso questa sera
ITALIA
9 ore
La Lombardia da lunedì si tinge d'arancione
Aumenta il tasso di positività. Le province più colpite sono quelle di Milano, Brescia e Monza e Brianza
REGNO UNITO
10 ore
A 15 anni fuggì in Sira per unirsi allo Stato Islamico, ora non può più tornare a casa
La decisione della Corte Suprema britannica condanna una giovane sposa dell'Isis a un destino da apolide
GERMANIA
11 ore
Le famose calzature Birkenstock sono state rilevate da LVMH
L'affare si aggira attorno ai 4 miliardi di euro. L'intenzione è quella di espandersi anche in Asia
ITALIA
13 ore
Monitoraggio: Lombardia e altre quattro regioni ad «alto rischio»
Regioni italiane confinanti con il Ticino verso l'arancione, confermano i dati. Livello di rischio in peggioramento.
ITALIA
16 ore
«La terza ondata ha inizio»: l'Italia si tinge di rosso e arancione
Due regioni si apprestano a entrare in massima allerta. Sei potrebbero diventare arancioni. Una, la Sardegna, bianca.
STATI UNITI
19 ore
Attacchi in Siria: quando Biden e la sua portavoce criticavano Trump
Dopo il raid nella notte, emergono tweet che fanno indignare anche i sostenitori del neopresidente.
SIRIA
21 ore
Il primo attacco missilistico dell'era Biden, è in Siria e ha causato almeno 17 morti
Si tratta di una rappresaglia e ha colpito una base di miliziani sostenuti dall'Iran
FOCUS
21 ore
Andrea, 22 anni. Segni particolari: neonazista
È nemico dei neri. È negazionista. Diffondeva via web documenti in cui incitava l'eliminazione degli ebrei
PAKISTAN
22 ore
In Pakistan si produce troppa energia elettrica (ed è un problema)
Per la maggior parte proviene da centrali a carbone, i costi (non solo ambientali) sono molto alti.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile