Keystone
EUROPA
30.09.20 - 20:480
Aggiornamento : 21:29

Disastro Francia, semi lockdown a Madrid

I contagi tendono ad aumentare in tutto il continente. Nell'Esagono si torna sopra i dodicimila contagi.

In Spagna sono quasi 4'000, mentre il Regno Unito estende di sei mesi l'emergenza.

PARIGI - La pandemia di coronavirus sta tornando in maniera prepotente anche nel Vecchio Continente. Francia e Spagna restano le nazioni più colpite e in terra iberica si pensa a un lockdown parziale per la capitale Madrid. A Londra, invece, si è deciso di prorogare per altri sei mesi lo stato d'emergenza valido per tutto il Regno.

Semaforo rosso a Berlino - Nel sistema di allerta della città di Berlino il semaforo delle nuove infezioni è passato da giallo a rosso, il grado più altro di allarme. Mentre gli altri due colori di allerta sono ancora su verde: quello che riguarda l'occupazione dei posti-letto in terapia intensiva in ospedale e il tasso di riproduzione di contagio, ancora su 0,93. L'elemento che ha fatto scattare il rosso nella capitale tedesca è il numero di contagi che ha superato la soglia dei 30,2 in sette giorni per 100.000 abitanti. Nella giornata di martedì i nuovi casi nell'intera area metropolitana sono stati 288, raggiungendo i 14. E con 787 casi totali finora. Il Senato della città ha annunciato che ci saranno restrizioni.

Madrid blindata - Il governo spagnolo ha detto di aver raggiunto un accordo con le autorità regionali per l'estensione di un lockdown parziale a tutta la città di Madrid, dove i casi di positività al coronavirus sono in forte aumento. Dei 3'897 contagi nazionali delle ultime 24 ore, ben 1'586 sono stati segnalati nella capitale. Nel Paese iberico sono inoltre stati registrati altri 177 morti, che vanno a sommarsi ai 486 decessi registrati nell'ultima settimana.

Dodicimila in Francia - Se la Spagna soffre, va ancora peggio nella vicina Francia. È infatti tornato a salire oltre quota 12.000 il numero dei nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore. Ai 12'845 contagi vanno aggiunti anche 64 nuovi decessi che portano a 31'956 il tragico bilancio da inizio pandemia. Alto ma stabile rispetto a ieri il tasso di positività, fissato al 7,6%.

Emergenza prolungata - Resta in vigore per almeno altri 6 mesi la legislazione d'emergenza approvata a fine marzo dal Parlamento britannico per garantire poteri speciali d'intervento all'esecutivo di fronte alla pandemia. Il rinnovo del Coronavirus Act ha ottenuto alla fine stasera una maggioranza schiacciante - 306 voti di scarto - alla Camera dei Comuni, dopo un dibattito non privo di polemiche, ma da cui il governo di Boris Johnson è riuscito a far uscire un testo sostanzialmente intatto. Il voto si è svolto sullo sfondo di dati che confermano il rimbalzo di contagi e decessi da Covid-19 nel Regno, la cui diffusione - hanno avvertito Boris Johnson e i suoi consiglieri scientifici Patrick Vallance e Chris Whitty - ha ripreso ad andare «in una direzione negativa» a livello nazionale: sebbene con focolai più concentrati, un contesto di maggiore preparazione del Paese e un'intensità di diffusione al momento «differente» e «più lenta» rispetto alla primavera.

Balzo rumeno - Un nuovo, sensibile balzo dei contagi si è verificato in Romania, dove nelle ultime 24 ore i nuovi casi di coronavirus sono stati 2'158, rispetto ai 1'470 di ieri. Il totale da inizio epidemia è salito a 127'572. Da ieri si sono registrati altri 33 decessi, che portano a 4'825 il numero delle vittime nel Paese che resta la regione balcanica maggiormente colpito dal Covid-19.

Triste record in Slovenia - In aumento i contagi anche in Bulgaria, dove i nuovi casi sono stati 276, poco più della Bosnia-Erzegovina che ha registrato nelle 24 ore 242 contagi e 13 decessi. Si mantiene elevata la curva dei contagi pure in Croazia, con 213 casi e cinque morti, e in Slovenia che con 203 nuovi casi ha registrato oggi il nuovo record giornaliero d'infezioni, per la prima volta sopra quota 200. La Slovenia ha registrato anche un altro decesso. Il Montenegro ha segnalato 197 contagi e cinque vittime, la Macedonia del Nord 194 casi e due morti.

Situazione migliore in Kosovo e Serbia - Una migliore situazione epidemiologica hanno registrato anche oggi Serbia e Kosovo, rispettivamente con 72 e 46 nuovi contagi. In entrambi i Paesi non si sono registrati altri decessi nelle ultime 24 ore.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
VECCHIOTTO 1 anno fa su tio
Il covid 19 ammazza ma fa dimenticare anche i problemi e la politica ci sguazza
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
2 ore
Chi arriva dall'estero ripudia vivere a Roma
Chi se ne va dal proprio Paese si trova alla grande a Kuala Lumpur, Malaga e a Dubai, malissimo invece a Roma
STATI UNITI
11 ore
Omicron sbarca negli Usa
Un primo caso registrato in California mette in allarme le autorità sanitarie. E anche la Borsa
STATI UNITI
13 ore
Astroworld: metà delle famiglie delle vittime rifiuta l'offerta di Travis Scott
Il rapper si era offerto di pagare le spese per i funerali dei giovani che hanno perso la vita durante il suo concerto
STATI UNITI
15 ore
Donald Trump positivo al Covid già prima del dibattito con Joe Biden?
È la tesi dell'ex-capo del personale della Casa Bianca che ne parla nel suo libro, per il magnate però sono «fake news»
FOTO
GERMANIA
18 ore
Un ordigno bellico è esploso a Monaco
Il bilancio è di quattro feriti, uno dei quali sarebbe in gravi condizioni. Il traffico ferroviario è stato bloccato
STATI UNITI
20 ore
Alice Sebold ha chiesto scusa all'uomo assolto dal suo stupro (40 anni dopo)
Il nome di Anthony Broadwater è finalmente pulito: non è più nel registro degli autori di reati sessuali
STATI UNITI
22 ore
«Il peggior incubo di ogni genitore»
È salito a tre morti e otto feriti il bilancio della sparatoria nel liceo di Oxford. Il racconto di un testimone
OLIVIERO TOSCANI
23 ore
«Timbri sui corpi come nei lager. Oggi i social sono la Auschwitz mentale»
Le sue foto sull'Aids hanno fatto il giro del mondo. Il fotografo italiano racconta quel periodo.
Stati Uniti
1 gior
Sparatoria in un liceo: tre morti e sei feriti
La polizia ha fermato il killer, si tratterebbe di un ragazzo di 15 anni
FOTO
STATI UNITI
1 gior
«Su quell'aereo ho trasportato diverse volte anche Bill Clinton»
Secondo giorno di processo per la vice di Epstein, alla sbarra il pilota della coppia: «Lei era chiaramente il numero 2»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile