Deposit
GRAN BRETAGNA
30.09.20 - 17:560

L'aerazione degli uffici può aumentarne il rischio Covid

Tutta colpa della "ventilazione miscelata" usata per riscaldare gli uffici

Lo rivela uno studio condotto dai ricercatori dell'Università di Cambridge

CAMBRIDGE - I sistemi di aerazione di molti edifici, progettati per mantenere all'interno degli uffici temperature confortevoli e per aumentare l'efficienza energetica, potrebbero aumentare, specie per il prossimo inverno, il rischio di esposizione al coronavirus.

A dirlo è uno studio condotto dai ricercatori dell'Università di Cambridge che è stata pubblicata sul Journal of Fluid Mechanics.

Gli studiosi hanno notato come i sistemi di "ventilazione miscelata", progettati per mantenere le condizioni uniformi in tutte le parti della stanza, disperdono i contaminanti nell'aria, in modo uniforme, in tutto lo spazio. Questi contaminanti possono includere goccioline e aerosol, che potenzialmente possono contenere virus.

La ricerca ha evidenziato l'importanza di una buona ventilazione e di indossare una mascherina per mantenere la concentrazione di contaminanti a un livello minimo e, così, mitigare il rischio di trasmissione di Sars-Cov-2, il virus che causa il Covid-19.

"Con l'avvicinarsi dell'inverno nell'emisfero settentrionale le persone iniziano a trascorrere più tempo all'interno, comprendere il ruolo della ventilazione è fondamentale per stimare il rischio di contrarre il virus e aiutare a rallentarne la diffusione", dice Paul Linden, ricercatore dell'ateneo di Cambridge.

Il team ha dimostrato che il flusso d'aria nelle stanze è complesso e dipende dal posizionamento di prese d'aria, finestre, porte e dai flussi convettivi generati dal calore emesso dalle persone e dalle apparecchiature che si trovano in un edificio. Ma ci sono anche altre variabili che influenzano il rischio di esposizione al virus, come le persone che si muovono o che parlano o le porte che si aprono o che si chiudono.

Lo studio suggerisce che, se progettata correttamente, la ventilazione "a dislocamento" potrebbe ridurre il rischio di miscelazione e contaminazione incrociata del respiro, mitigando così il rischio di esposizione.

"Tenere le finestre aperte e indossare una maschera sembra essere il miglior consiglio - commenta Linden - Chiaramente questo è un problema minore nei mesi estivi, ma è motivo di preoccupazione nei mesi invernali".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE
MONDO
LIVE
«Per saperne di più su Omicron saranno necessarie 2-3 settimane»
Intato l'Oms parla di «potenziale elevato di diffusione» della nuova variante, diversi Paesi annunciano nuove misure
ISRAELE / ITALIA
7 ore
Respinto il ricorso del nonno: il piccolo Eitan rientra in Italia
La conferma della Corte Suprema israeliana: il piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone sarà presto in Italia
SUDAFRICA
7 ore
«Omicron? Sintomi più lievi, ma anziani e casi a rischio stiano attenti»
Le parole della dottoressa sudafricana che ha scoperto la nuova variante: «Preoccupati? No. Sul chi vive? Sì»
REGNO UNITO
7 ore
Bufera di neve: 60 persone bloccate per due giorni in un pub
Una bufera legata alla tempesta Arwen ha isolato completamente il Tan Hill Inn, impedendo ai presenti di tornare a casa
STATI UNITI
13 ore
Minorenni reclutate per Epstein? Ghislaine Maxwell a processo
La 59enne ex compagna di Epstein si è dichiarata non colpevole di tutti i capi d'accusa
FRANCIA
1 gior
«Troppi morti nella Manica, è inaccettabile»
Lo ha detto il Ministro francese Gérald Darmanin, in un meeting relativo alla situazione dei migranti
PERÙ
1 gior
Trema la terra nel nord del Perù: scossa di magnitudo 7,5
Non sono al momento segnalate vittime, ma i danni materiali sembrano essere ingenti
ITALIA
2 gior
I No-Pass lanciano gli home bar: «Come al ristorante ma a casa»
È L'ultima idea nata sui social per eludere il Super Green Pass che entrerà in vigore il prossimo sei dicembre.
MILANO
2 gior
A Milano da oggi si torna alla mascherina all'aperto
La disposizione sarà valida in tutto il centro città almeno fino al 31 dicembre.
KOSOVO
2 gior
Attacca uno scuolabus imbracciando un Kalashnikov
La mattanza è avvenuta ieri sera nel villaggio di Gllogjan: deceduti due studenti e l'autista.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile