Keystone
GRECIA
25.09.20 - 07:000
Aggiornamento : 17:09

«Se mai è esistito un inferno sulla terra, quello era Moria»

Parola di Lena Headey, l'attrice de “Il Trono di Spade” che ha visitato Lesbo due volte: «Il clima era già incendiario»

LESBO - «Ho visitato Moria due volte, nel 2016 e nel 2019. In tre anni le cose sono cambiate radicalmente, raggiungendo nuove vette di disperazione», queste le parole di Lena Headey - attrice resa celebre per il ruolo di Cersei ne “Il Trono di Spade” - attiva da tempo nell'ambito umanitario e per la questione dei rifugiati con l'International Rescue Committee (IRC).

«Arrivava gente di tutte le età, sembravano dei criminali, dei prigionieri anche se non lo erano. La capienza era già stata superata del doppio, arrivando poi a sei volte tanto», conferma Headey in un editoriale per la CNN, «non c'era spazio, si dormiva ammucchiati, con sconosciuti, si facevano delle pareti finte con le coperte per ritagliarsi degli spazi. I bagni erano una disgrazia e mancava pure l'acqua corrente».

Una vita quotidiana che ha il sapore dell'incubo: «Le donne in generale erano troppo spaventate per lasciare le loro tende, avevano paura per loro ma anche per i loro figli. La minaccia di possibili violenze sessuali era onnipresente. Ottenere cibo voleva dire fare l coda per ore, per ricevere porzioni insufficienti. In molti semplicemente rinunciavano, per l'attesa o per la paura della violenza, e deperivano».

L'epilogo del campo, con l'incendio che lo ha distrutto non stupisce l'attrice: «Si poteva sentire la natura incendiaria di quel posto, quando vedi tanta disperazione negli occhi della gente... C'era furia, senso di perdita e disperazione ma anche abbandono e incertezza per il futuro. Quell'inferno in terra è bruciato, ma l'emergenza è ancora lì - ora più che mai. Forse però questo è un punto di partenza, per qualcosa di migliore».

Da qui l'appello: «La Grecia da sola non ce la può fare, è necessario trovare una soluzione sostenibile dal punto di vista delle infrastrutture ma anche per quanto riguarda l'integrazione: la gente non deve essere lasciata da sola, deve essere resa parte di un qualcosa. Il contributo della Germania e della Francia è un inizio, ma l'Unione Europea può - e deve - fare di più».

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
2 ore
Compra un involtino e ci trova dentro un dito umano
È successo in provincia di Ravenna, subito scattati gli accertamenti. Il prodotto era stato confezionato in Spagna
MONDO
3 ore
Tre giorni di camera ardente per rendere omaggio a una leggenda
La salma di Diego Armando Maradona verrà esposta nel palazzo presidenziale della Casa Rosada di Buenos Aires.
STATI UNITI
4 ore
Alla fine Trump ha graziato Michael Flynn, il prossimo sarà Bannon?
L'amnistia al suo ex-consigliere, condannato durante il Russiagate, potrebbe essere la prima di una lunga serie
FOTO
THAILANDIA
5 ore
Sembrava ketamina, ma non lo era
Colossale «incomprensione» delle autorità thailandesi, che avevano annunciato un sequestro da un miliardo di dollari
STATI UNITI
13 ore
Ecco perché il vaccino non fermerà subito la pandemia
Previene la malattia, ma non l'infezione. Ma per l'esperta, «quando si vedrà l'effetto, lo faranno anche i più scettici»
FOTO
GERMANIA
16 ore
Pirata della strada semina il caos nel Baden-Württemberg
Ha rubato veicoli e provocato svariati incidenti, 150 poliziotti sono entrati in azione
ARGENTINA
16 ore
Una vita tra grandi colpi e cadute: il ricordo di Maradona
Il "Pibe de Oro" è scomparso oggi a 60 anni a causa di una crisi cardiaca
ARGENTINA
18 ore
È morto Maradona
L'ex calciatore si è spento a causa di un arresto cardiorespiratorio.
ITALIA
18 ore
L'Italia e lo sci: «L'UE non può vietare proprio nulla»
In merito alle pressioni di Roma, la Commissione precisa: «Ogni Stato membro decide autonomamente».
GERMANIA
19 ore
Soldati condannati perché gay: la Germania cancella le loro "colpe"
«Sono stati ufficialmente sfavoriti fino al 2000». Dovrebbero essere riabilitati e ricevere un indennizzo.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile