Immobili
Veicoli
Keystone
Il presidente bielorusso nel corso dell'intervista
BIELORUSSIA
08.09.20 - 13:530

Lukashenko ammette: «Forse sono rimasto al potere un po' troppo»

Il presidente bielorusso, tuttavia, continua a sostenere di essere l'unico a poter difendere il proprio Paese.

MINSK - Il contestato presidente bielorusso Aleksandar Lukashenko ha ammesso che «forse» è «rimasto un po' troppo» al potere, ma ha anche dichiarato di essere l'unico che «ora» può «difendere i bielorussi». Lo sostiene la tv di Stato russa dopo che Lukashenko è stato intervistato da alcuni media russi. Lo riportano la testata online Meduza e la Tass.

Il corrispondente della tv di Stato russa Yevgheny Rozhkov ha riferito la seguente dichiarazione di Lukashenko: «Sì, forse sono stato seduto un po' troppo, forse mi mostrano non solo in tv ma anche dal ferro da stiro e dalla teiera», ha detto usando un modo di dire russo utilizzato per descrivere qualcuno che compare ovunque, «ma veramente solo io ora posso difendere i bielorussi».

Non escluso il voto anticipato - Lukashenko non ha escluso la possibilità di elezioni presidenziali anticipate dopo una non meglio precisata riforma costituzionale. «Siamo pronti a una riforma costituzionale - ha dichiarato il presidente bielorusso - dopodiché non escludo elezioni presidenziali anticipate».

«Kolesnikova voleva fuggire dalla sorella» - Nel corso della stessa intervista, Lukashenko ha dichiarato che la dissidente Maria Kolesnikova, arrestata nelle scorse ore, «voleva davvero scappare in Ucraina perché presumibilmente lei lì ha una sorella». Per il presidente, il suo fermo è corretto.

Diversi osservatori, però, sospettano che si sia trattato di un'operazione dei servizi segreti di Minsk. Kolesnikova è stata arrestata nella notte alla frontiera tra Ucraina e Bielorussia mentre altri due dissidenti di cui non si sapeva nulla da ieri sono entrati in territorio ucraino.

Secondo una fonte citata dall'agenzia Interfax, Kolesnikova non ha attraversato la frontiera ucraina perché durante «il tentativo di deportazione di fatto» all'estero contro la sua volontà ha strappato il suo passaporto.

Europarlamento «preoccupato» per l'arresto di Kolesnikova - In merito al fermo dell'oppositrice Maria Kolesnikova, il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, ha intanto dichiarato su Twitter: «Siamo profondamente preoccupati per l'arresto di Maria Kolesnikova. Chiediamo piena chiarezza sul suo caso e il rilascio immediato di tutti i prigionieri politici in Bielorussia Siamo al fianco del popolo bielorusso nella sua lotta per la democrazia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
22 min
Chirurgo mette all'asta la radiografia di una vittima del Bataclan
La lastra è ancora disponibile su OpenSea, ma il prezzo, dopo che il medico è stato denunciato dai media, è stato tolto
GERMANIA
2 ore
Vaccino obbligatorio, il progetto è pronto a scaldare gli animi
Mercoledì inizieranno i dibattiti su una proposta interpartitica: un obbligo vaccinale per tutti gli over 18
DANIMARCA
4 ore
Quella di Omicron potrebbe essere l'ultima ondata
Lo ha dichiarato Hans Kluge, direttore per l'Europa dell'Oms
NORVEGIA
4 ore
Il primo viaggio in Europa dei talebani
Una delegazione è arrivata ad Oslo, numerose le riunioni previste
MONDO
5 ore
Un sottotipo di Omicron ancora più contagioso? Gli esperti: «Prudenza»
È stato denominato BA.2 e differisce del 50% con la variante base
TURCHIA
7 ore
Arrestata per un proverbio in Tv
L'accusa? Aver «platealmente insultato il Presidente» con un proverbio ritenuto offensivo
ITALIA
13 ore
Berlusconi e il Quirinale: «Per me questo è il senso di una vita»
Si trattava del coronamento di un sogno di bambino, avrebbe confessato lui stesso
ITALIA
14 ore
Scontro tra auto e bus, morti cinque giovani
Tremendo impatto frontale, sono tutti deceduti sul colpo
GERMANIA
14 ore
«Omicron e Delta potrebbero combinarsi»
Secondo il virologo Christian Drosten da Omicron e Delta potrebbe nascere una nuova, più pericolosa, variante.
STATI UNITI
1 gior
Un enorme rogo minaccia l'iconica Highway 1
L'incendio ha già mandato in fumo 600 ettari di vegetazione e costretto le autorità a evacuare una vasta area.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile