Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
L'oligarca Evgeny Prigozhi, a sinistra, serve da mangiare a Vladimir Putin.
RUSSIA / GERMANIA
08.09.20 - 10:200

Il "capo" dei troll russi paga le cure a Navalny, «mi deve dei soldi»

Prigozhin, lo "chef di Putin", avrebbe pagato tutte le spese necessarie per il pieno recupero dell'oppositore russo

MOSCA / BERLINO - Evgeny Prigozhin - l'oligarca russo capo della società Concord nonché l'uomo che si celerebbe dietro alla fabbrica dei troll e alla compagnia d'armi privata Wagner conosciuto anche con il soprannome di "chef di Putin" - ha fatto un bonifico da 1 milione di rubli (13.200 dollari) all'ospedale Charité di Berlino per il trattamento dell'oppositore Alexei Navalny.

Lo ha detto il servizio stampa della società sulla sua pagina VK, riferisce l'agenzia Tass.

«Il servizio stampa della società Concord dice che Evgeny Prigozhin ha trasferito un'altra tranche da 1 milione di rubli alla clinica Charité per il trattamento di Navalny», indica la nota. «La clinica ha fornito informazioni sulle sue spese e questi fondi saranno sufficienti per ulteriori trattamenti e il pieno recupero di Navalny», si legge ancora. «Devono curarlo fino a quando non si sarà completamente ristabilito, mi deve dei soldi», ha detto Prigozhin stando al servizio stampa.

Il tribunale arbitrale di Mosca nell'ottobre 2019 ha deciso di confiscare a Navalny, all'attivista Lubov Sobol e alla Fondazione Anti-Corruzione un totale di 88 milioni di rubli (1,1 milioni di dollari) o 29 milioni di rubli da ciascuna parte a titolo di risarcimento dei danni morali in una causa intentata da Moskovsky shkolnik, impresa che fornisce cibo alle scuole (che fa capo alla galassia Prigozhin).

Il tribunale ha ordinato di eliminare la video-inchiesta sulla società poiché offusca la sua reputazione commerciale. In agosto, Prigozhin ha acquistato il debito di Navalny, Sobol e della Fondazione nei confronti di Moskovsky shkolnik (e ha incassato la parte dovuta da Sobol e la Fondazione).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
VERBANIA
55 min
Errori umani e una fune vecchia
L'inchiesta tecnica sulla tragedia del Mottarone ha portato i primi risultati, a un anno dall'evento
UCRAINA
2 ore
A Mariupol i bambini vengono "de-ucrainizzati"
La denuncia di Kiev: nella città conquistata dai russi è partita la propaganda di massa, anche nelle scuole
UCRAINA
4 ore
I destini paralleli delle fabbriche-bunker in Ucraina
Prima la Azovstal a Mariupol, ora la Azot di Severodonetsk
PERÙ
6 ore
Violenta scossa di terremoto in Perù: magnitudo 7.2
La popolazione è scesa in strada temendo scosse di assestamento
STATI UNITI
7 ore
«È morta a 10 anni, cercando di salvare i suoi compagni»
Mentre si ricostruiscono le azioni dell'omicida di Uvalde, il dolore dei famigliari delle vittime rimbomba nel mondo
INDIA
10 ore
Cinque ore bloccati sull'aereo, senza nessuna informazione
L'ira dei passeggeri che ieri dovevano volare con SpiceJet: «Ci hanno detto solo che c'era un server rotto»
MONDO
13 ore
Vaiolo delle scimmie, più colpito «chi ha più partner sessuali»
Le valutazioni del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC)
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
Kiev in allarme: «Segnali di escalation russa»
Nel frattempo, altri due soldati russi si sono dichiarati colpevoli di crimini di guerra. La sentenza il 31 maggio.
STATI UNITI
13 ore
«Ti amo. Vado a sparare in una scuola»
È emerso il contenuto dei messaggi inquietanti inviati dall'autore della strage alla scuola elementare
STATI UNITI
1 gior
«Sto per sparare in una scuola elementare»
I messaggi su Facebook del 18enne di Uvalde. Nella strage sono morti 19 bambini e due insegnanti
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile