Keystone
L'imprenditrice afroamericana di Harlem Tren'ness Woods-Black.
STATI UNITI
08.09.20 - 06:000
Aggiornamento : 07:18

L'emergenza devasta Harlem: «Il quartiere non sarà più lo stesso»

L'intera città sta vivendo una crisi senza precedenti. Raccontiamo quello che sta succedendo nel quartiere di Harlem

L'imprenditrice afroamericana di Harlem Tren'ness Woods-Black parla di situazione drammatica: «Non c'è più tempo».

di Redazione
Manuela Cavalieri e Donatella Mulvoni

NEW YORK - «Se dovesse continuare così, Harlem uscirà da questa crisi terribilmente sfigurata». È unanime l’allarme che lanciano commercianti, piccoli imprenditori e leader dello storico quartiere nero di New York.

L’emergenza economica e sanitaria legata al Covid-19 morde ferocemente quest'area a nord di Manhattan, che ha custodito per decenni cultura e storia della rigogliosa e vibrante comunità afroamericana: dalla musica, al teatro, alla spiritualità, all’arte, al soulfood.

Usa parole di fuoco Tren’ness Woods-Black, imprenditrice afroamericana: «Molti piccoli negozianti hanno chiuso, altri rischiano di farlo presto. Loro sono la spina dorsale del quartiere, che ora rischia di cambiare per sempre». Tren’ness è l’erede della leggendaria Sylvia Woods, che nel 1962 fondò il ristorante nero forse più famoso d’America.

Woods-Black è stata chiamata dal governatore di New York Andrew Cuomo a far parte di una commissione di 116 imprenditori che supervisiona le fasi di riapertura. «La pandemia – ci dice - ha solo accelerato il disastro. La situazione era già al limite. Molti esercizi commerciali erano allo stremo, tanti avevano chiuso i battenti. A New York gli afroamericani sono il 20% della popolazione, ma solo il 2% della comunità imprenditoriale. Per la comunità nera, riprendersi da questo disastro sarà ancora più difficile».

Da anni Harlem fa i conti con le conseguenze della gentrificazione (la trasformazione di una zona, da quartiere popolare ad area di pregio, con un cambiamento della composizione sociale e dei prezzi). Tra tutte il caro-affitti, piaga che ha messo in ginocchio tante imprese locali. A dare il colpo di grazia arriva il lockdown. A pagare soprattutto i ristoranti. Per una ordinanza del sindaco Bill DeBlasio, la fase 2 newyorkese non prevede la possibilità di accogliere i clienti all’interno, ma soltanto in giardini e patii, spesso “rubati” a strade e marciapiedi.

Secondo gli esperti ci vorranno dai due a tre anni prima che i ristoranti tornino ad avere le entrate che avevano prima dell’emergenza. Senza parlare dei posti di lavoro che andranno persi per sempre. Ma il problema non è solo dei ristoratori. «Per le imprese gestite da minoranze i tempi di ripresa saranno più lunghi» teme Woods-Black. «Le misure previste dal governo non sono sufficienti. Il Paycheck Protection Program (PPP) offre prestiti ai piccoli imprenditori, a patto che la compagnia riassuma tutti i dipendenti con lo stesso stipendio. Si tratta di condizioni difficilissime da rispettare. Molti imprenditori hanno rinunciato agli aiuti, preferiscono chiudere».

Una cosa è certa per Woods-Black: non c’è più tempo. Servono interventi seri e incisivi da parte dell’amministrazione Trump come pure della città. Bisogna fare presto o per Harlem sarà troppo tardi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Stati Uniti
6 ore
Incriminati i genitori del killer di Oxford
La scuola li aveva convocati per esprimere alcune preoccupazioni. Irreperibili per alcune ore, sono stati arrestati
Italia
17 ore
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
20 ore
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
22 ore
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
1 gior
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
1 gior
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
1 gior
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
1 gior
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
SVIZZERA / MONDO
1 gior
Quegli svizzeri con le piantagioni "problematiche"
Public Eye denuncia la situazione gestita dagli uffici di Ginevra e Zugo, e punta il dito contro la politica svizzera.
STATI UNITI
1 gior
Jack Dorsey, tutti i volti del più atipico dei miliardari hi-tech
Un po' donnaiolo, un po' santone il co-fondatore di Twitter ha confermato il suo addio all'azienda. Vi raccontiamo chi è
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile