Keystone
STATI UNITI
06.09.20 - 19:040
Aggiornamento : 19:34

Giallo sui semi dalla Cina: Amazon blocca le vendite negli Stati Uniti

Mai ordinati, i sacchettini sono stati recapitati in tutto il mondo. Washington invita gli americani non piantarli.

SEATTLE - Migliaia di pacchi sospetti contenenti semi, per la maggior parte provenienti dalla Cina, sono stati recapitati nelle case di tutto il mondo durante l'estate. Un giallo che spinge ora Amazon a bloccare le vendite di piante di origine straniera negli Stati Uniti mentre le autorità americane indagano sul fenomeno, preoccupate per la potenziale minaccia all'agricoltura e ai consumatori.

I semi finora identificati vanno da quelli di "gloria del mattino" a quelli di senape, ma anche erbe nocive malate. Per ora comunque non sussiste alcun allarme anche se l'attenzione resta alta. Da qui l'invito delle autorità agli americani a non piantarli perché la loro origine sconosciuta li rende pericolosi.

I pacchetti che contengono i semi misteriosi hanno nella maggior parte timbri postali cinesi alimentando i dubbi delle autorità americane, e aprendo un possibile nuovo fronte di scontro fra Washington e Pechino, fra le quali la tensione è già alta fra il coronavirus, la legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong e la guerra commerciale.

La Cina però avrebbe fatto sapere che il timbro è contraffatto e chiesto l'invio di alcuni dei pacchetti per poter avviare un'indagine. Una richiesta, secondo indiscrezioni, effettuata anche a Canada e Regno Unito, gli altri due paesi 'invasi' dai semi arrivati via posta senza essere stati ordinati.

Il motivo delle spedizioni resta ancora tutto da chiarire, ma non si esclude che possa trattarsi di una "brushing scam", ovvero la truffa portata avanti da alcuni venditori che acquistano i loro stessi prodotti online utilizzando gli account di falsi acquirenti a cui hanno rubato le credenziali. Il pacco viene quindi recapitato all'indirizzo del malcapitato destinatario, consentendo al venditore-truffatore di scrivere una recensione positiva sul prodotto e di aumentare le sue vendite.

Il divieto delle vendite di semi stranieri negli Stati Uniti da parte di Amazon è scattato il 3 settembre e il colosso lo ha già comunicato ai venditori. La decisione, spiega Amazon, rientra «negli sforzi in atto per proteggere i consumatori e migliorare la loro esperienza».
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
2 ore
Feste nonostante le restrizioni: Boris Johnson segnalato alla polizia
La Metropolitan Police sta valutando le segnalazioni di due parlamentari laburisti
GERMANIA
10 ore
Trovati cinque cadaveri all'interno di un'abitazione
Il fatto è avvenuto a Königs Wusterhausen, a sud di Berlino: si tratta di due adulti e tre bambini
Stati Uniti
18 ore
Incriminati i genitori del killer di Oxford
La scuola li aveva convocati per esprimere alcune preoccupazioni. Irreperibili per alcune ore, sono stati arrestati
Italia
1 gior
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
1 gior
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
1 gior
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
1 gior
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
1 gior
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
1 gior
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
1 gior
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile