Keystone
Juin: «Il diritto alla blasfemia non è un valore obsoleto ed è sostenuto dai francesi che hanno deciso di comprare questo numero»
FRANCIA
06.09.20 - 14:430
Aggiornamento : 15:16

Postano la prima di Charlie Hebdo con le vignette di Maometto: sospesi gli account Instagram di due collaboratrici

I profili di una giornalista e di una disegnatrice della rivista sono stati brevemente disattivati: «Allucinante».

PARIGI - Gli account Instagram di due collaboratrici di Charlie Hebdo sono stati brevemente disattivati tra sabato e domenica dopo che le due donne hanno condiviso l'immagine dell'ultima prima pagina del giornale satirico, che in occasione del processo per la strage del gennaio 2015 ha riproposto le vignette sul profeta Maometto che hanno suscitato tante polemiche. I loro profili, denunciano, sarebbero stati bloccati in seguito a una raffica di segnalazioni da parte degli utenti.

«L'ultima foto che avevo postato era la prima pagina di Charlie Hebdo», scriveva sabato la giornalista Laure Daussy su Twitter condividendo il messaggio di avviso di Instagram. «Si tratta quindi probabilmente di un hackeraggio o di una segnalazione di massa, nuova forma di censura. Allucinante», denunciava. Sempre via Twitter, domenica mattina la disegnatrice Corinne "Coco" Rey faceva sapere che la stessa cosa era capitata a lei.

Come riporta Le Figaro, i profili delle due collaboratrici della rivista risultavano ancora disattivati questa mattina alle 11 mentre erano tornati consultabili alle 13. «Il mio account era stato disattivato dai robot di Instagram in seguito a una campagna di segnalazioni di massa da parte di quelli che volevano censurare la prima di Charlie Hebdo», fa sapere Laure Daussy sul social stesso condividendo apposta nuovamente l'immagine della copertina. «Instagram ha accettato di riattivare subito il mio account e quello di Corinne Rey - ha aggiunto -. Resta il problema di queste campagne di segnalazione non appena un contenuto è considerato come "offensivo", che possono portare a questo tipo di censure assurde e automatiche».

Benché fosse stato stampato in 200mila copie, il triplo del normale, il numero di Charlie Hebdo con le vignette di Maometto riproposte in copertina per il processo è andato subito esaurito e ha dovuto essere ristampato. «Ciò mostra che siamo sostenuti, che la libertà d'espressione, la laicità e il diritto alla blasfemia non sono valori obsoleti e sono sostenuti dai francesi che hanno deciso di comprare questo numero», ha dichiarato all'AFP il disegnatore Juin. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ARABIA SAUDITA
1 ora
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
3 ore
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
5 ore
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
7 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
7 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
9 ore
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
STATI UNITI
12 ore
Cosa è successo quel giorno sul set di “Rust”
Tanta maretta nella troupe, un aiuto regista superficiale e molto stress dietro a quelle riprese finite in tragedia
STATI UNITI
16 ore
Ripulire le strade "razziste", il sogno americano di Alex
Si punta il dito perfino contro le vie dedicate a Cristoforo Colombo
ITALIA
22 ore
Dallo sballo allo stupro, Ghb la droga che dilaga
Disinibire ma anche sedare fino quasi al coma, perché questo stupefacente non è mai stato così popolare
STATI UNITI
1 gior
Milioni di guanti sporchi venduti come nuovi
In Thailandia esiste un mercato nero dei guanti per uso medico, che vengono semplicemente ridipinti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile