Keystone
Juin: «Il diritto alla blasfemia non è un valore obsoleto ed è sostenuto dai francesi che hanno deciso di comprare questo numero»
FRANCIA
06.09.20 - 14:430
Aggiornamento : 15:16

Postano la prima di Charlie Hebdo con le vignette di Maometto: sospesi gli account Instagram di due collaboratrici

I profili di una giornalista e di una disegnatrice della rivista sono stati brevemente disattivati: «Allucinante».

PARIGI - Gli account Instagram di due collaboratrici di Charlie Hebdo sono stati brevemente disattivati tra sabato e domenica dopo che le due donne hanno condiviso l'immagine dell'ultima prima pagina del giornale satirico, che in occasione del processo per la strage del gennaio 2015 ha riproposto le vignette sul profeta Maometto che hanno suscitato tante polemiche. I loro profili, denunciano, sarebbero stati bloccati in seguito a una raffica di segnalazioni da parte degli utenti.

«L'ultima foto che avevo postato era la prima pagina di Charlie Hebdo», scriveva sabato la giornalista Laure Daussy su Twitter condividendo il messaggio di avviso di Instagram. «Si tratta quindi probabilmente di un hackeraggio o di una segnalazione di massa, nuova forma di censura. Allucinante», denunciava. Sempre via Twitter, domenica mattina la disegnatrice Corinne "Coco" Rey faceva sapere che la stessa cosa era capitata a lei.

Come riporta Le Figaro, i profili delle due collaboratrici della rivista risultavano ancora disattivati questa mattina alle 11 mentre erano tornati consultabili alle 13. «Il mio account era stato disattivato dai robot di Instagram in seguito a una campagna di segnalazioni di massa da parte di quelli che volevano censurare la prima di Charlie Hebdo», fa sapere Laure Daussy sul social stesso condividendo apposta nuovamente l'immagine della copertina. «Instagram ha accettato di riattivare subito il mio account e quello di Corinne Rey - ha aggiunto -. Resta il problema di queste campagne di segnalazione non appena un contenuto è considerato come "offensivo", che possono portare a questo tipo di censure assurde e automatiche».

Benché fosse stato stampato in 200mila copie, il triplo del normale, il numero di Charlie Hebdo con le vignette di Maometto riproposte in copertina per il processo è andato subito esaurito e ha dovuto essere ristampato. «Ciò mostra che siamo sostenuti, che la libertà d'espressione, la laicità e il diritto alla blasfemia non sono valori obsoleti e sono sostenuti dai francesi che hanno deciso di comprare questo numero», ha dichiarato all'AFP il disegnatore Juin. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
9 ore
Bin Salman autorizzò il blitz per uccidere Khashoggi
È questo in sostanza il contenuto del rapporto dell'intelligence Usa diffuso questa sera
ITALIA
10 ore
La Lombardia da lunedì si tinge d'arancione
Aumenta il tasso di positività. Le province più colpite sono quelle di Milano, Brescia e Monza e Brianza
REGNO UNITO
11 ore
A 15 anni fuggì in Sira per unirsi allo Stato Islamico, ora non può più tornare a casa
La decisione della Corte Suprema britannica condanna una giovane sposa dell'Isis a un destino da apolide
GERMANIA
11 ore
Le famose calzature Birkenstock sono state rilevate da LVMH
L'affare si aggira attorno ai 4 miliardi di euro. L'intenzione è quella di espandersi anche in Asia
ITALIA
14 ore
Monitoraggio: Lombardia e altre quattro regioni ad «alto rischio»
Regioni italiane confinanti con il Ticino verso l'arancione, confermano i dati. Livello di rischio in peggioramento.
ITALIA
16 ore
«La terza ondata ha inizio»: l'Italia si tinge di rosso e arancione
Due regioni si apprestano a entrare in massima allerta. Sei potrebbero diventare arancioni. Una, la Sardegna, bianca.
STATI UNITI
20 ore
Attacchi in Siria: quando Biden e la sua portavoce criticavano Trump
Dopo il raid nella notte, emergono tweet che fanno indignare anche i sostenitori del neopresidente.
SIRIA
22 ore
Il primo attacco missilistico dell'era Biden, è in Siria e ha causato almeno 17 morti
Si tratta di una rappresaglia e ha colpito una base di miliziani sostenuti dall'Iran
FOCUS
22 ore
Andrea, 22 anni. Segni particolari: neonazista
È nemico dei neri. È negazionista. Diffondeva via web documenti in cui incitava l'eliminazione degli ebrei
PAKISTAN
22 ore
In Pakistan si produce troppa energia elettrica (ed è un problema)
Per la maggior parte proviene da centrali a carbone, i costi (non solo ambientali) sono molto alti.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile