keystone-sda.ch (Gonzalo Fuentes)
Ci vorranno vari miliardi di dollari per far ripartire Beirut e il Libano.
+3
LIBANO
01.09.20 - 06:300

Per ricostruire Beirut (e il Libano) servono fino a 8,1 miliardi di dollari

Una valutazione della Banca Mondiale identifica i bisogni più immediati e le strategie a medio termine per la ripartenza

BEIRUT - I danni alle infrastrutture e all'economia libanese causati dalla devastante esplosione nel porto di Beirut si aggirano tra i 6,7 e gli 8,1 miliardi di dollari (tra 6 e 7,3 miliardi di franchi svizzeri).

È una nuova valutazione compiuta dagli esperti della Banca Mondiale, in cooperazione con l'Unione europea e le Nazioni unite e in stretta collaborazione con le organizzazioni attive sul territorio e le autorità locali.

Le stime preliminari evidenziano danni fino a 4,6 miliardi di dollari solamente nelle infrastrutture, mentre le perdite previste per il tessuto economico nazionale potrebbero arrivare a 3,5 miliardi di dollari. «I settori colpiti più pesantemente sono edilizia, trasporti e cultura materiale e immateriale (compresi siti religiosi e archeologici, monumenti nazionali, teatri, archivi, librerie e monumenti».

I tre principali effetti economici della gigantesca esplosione avvenuta nel porto di Beirut sono: perdite nell'attività economica causata dalla distruzione del capitale fisico (infrastrutture, merci, strumenti produttivi e così via); impedimenti commerciali; mancato gettito fiscale per il governo. Il tutto va a sommarsi su una situazione economica già molto critica.

Quanto serve per ripartire - La Banca Mondiale ritiene che per la ripartenza del settore pubblico siano necessari fondi fino a 2,2 miliardi di dollari - 760 milioni immediatamente o al più tardi entro la fine dell'anno. «I bisogni del settore dei trasporti sono i più elevati, seguiti da cultura ed edilizia». I fondi necessari per soddisfare il fabbisogno immediato di alloggi si aggirano tra i 30 e i 35 milioni di dollari, ma potrebbero arrivare a 230 milioni alla fine del 2021. Un immediato sostegno finanziario fino a 275 milioni di dollari sarebbe indispensabile per far ripartire 5200 micro-imprese e 4800 piccole imprese, che danno lavoro a migliaia di libanesi.

Gli aiuti internazionali - Dato lo stato d'insolvenza del Libano e la mancanza di sufficienti riserve di valuta estera, «gli aiuti internazionali e gli investimenti privati ​​saranno essenziali per la ripresa e la ricostruzione globale. L'attuazione da parte del Libano di un programma di riforme credibile sarà fondamentale per accedere all'assistenza internazionale allo sviluppo e per sbloccare fonti di finanziamento esterne e private» aggiunge l'organizzazione.

Il lavoro del team getta le basi «per un'agenda di riforme, ripresa e ricostruzione che ispiri speranza per un futuro migliore per tutti i libanesi» e nel quale la popolazione possa avere «un ruolo di guida». Gli sforzi di ricostruzione, sottolinea la Banca Mondiale, «richiederanno non solo il ripristino e la ricostruzione di edifici e infrastrutture danneggiati, ma anche la rigenerazione d'istituzioni e strutture di governo». L'area del porto, ora completamente distrutta, dovrà essere ricostruita con criteri moderni, una migliore localizzazione e una gestione più efficace e trasparente.

keystone-sda.ch (Gonzalo Fuentes)
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile