Keystone
L'educazione a distanza non è stata possibile per molti bambini.
MONDO
27.08.20 - 21:000

L'allarme dell'Unicef: «Un bambino su tre senza scuola durante il lockdown»

Più di 463 milioni di alunni non hanno potuto accedere all'apprendimento a distanza durante la chiusura degli istituti.

Al culmine delle misure d'isolamento quasi 1,5 miliardi di studenti erano stati colpiti dalle chiusure.

NEW YORK - Mentre tutti i paesi sono alle prese con i loro piani di "ritorno a scuola", almeno un terzo dei bambini in età scolare - 463 milioni - non hanno potuto accedere all'apprendimento a distanza quando i loro istituti sono stati chiusi per il Covid-19. Lo ha affermato il presidente di Unicef Italia Francesco Samengo sulla base di un nuovo rapporto dell'organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa dell'infanzia.

«Il numero di bambini la cui istruzione è stata completamente interrotta per mesi è un'emergenza educativa globale - ha detto Henrietta Fore, direttrice generale dell'Unicef -. Le ripercussioni potrebbero essere avvertite nelle economie e nelle società per i decenni a venire».

Al culmine delle misure di lockdown a livello nazionale e locale, quasi 1,5 miliardi di studenti sono stati colpiti dalla chiusura delle scuole, secondo i dati dell'Unicef. Circa il 70% dei bambini in età prescolare - 120 milioni - non può essere raggiunto dall'apprendimento a distanza. Almeno il 29% dei bambini delle scuole elementari - 217 milioni di studenti - si trova nella stessa situazione, così come il 24% circa degli studenti delle scuole secondarie di primo grado (78 milioni).

Secondo il rapporto, gli studenti delle famiglie più povere e quelli che vivono nelle zone rurali sono di gran lunga i più a rischio di perdere le lezioni durante le chiusure. A livello globale, il 72% degli scolari che non possono accedere all'apprendimento a distanza vivono nelle famiglie più povere dei loro paesi. Nei paesi a reddito medio-alto, gli scolari delle famiglie più povere rappresentano fino all'86% degli studenti che non possono accedere all'apprendimento a distanza. A livello globale, tre quarti degli scolari senza accesso vivono in zone rurali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
4 ore
Il coronavirus era già in mezzo mondo, prima di Wuhan
Un team cinese pensa che la prima trasmissione tra esseri umani possa aver avuto luogo nel subcontinente indiano
STATI UNITI
4 ore
Donald Trump si prepara alla prima intervista, Melania pensa a un libro
Il presidente degli USA dovrebbe parlare per la prima volta dopo la sua non rielezione domani (alle 16 ora svizzera).
ARGENTINA
5 ore
«Riesumate Maradona, voglio scoprire se è mio padre»
Il 19enne Santiago Lara è figlio di una modella morta anni fa in giovane età. «Non voglio soldi, solo la verità», dice.
FOTO
FRANCIA
6 ore
Disordini alla Marcia per le libertà
Manifestazione pacifica per quasi tutto il giorno, fino all'arrivo alla Bastiglia
ITALIA
10 ore
Alluvione in Sardegna, tre morti
L'area più flagellata dal maltempo è quella della provincia di Nuoro
FRANCIA / ITALIA
10 ore
Piste chiuse: proteste e timori di una mazzata economica
Centinaia di persone hanno manifestato a Gap, mentre una ricerca ipotizza una perdita di fatturato fino al 70% in Italia
FRANCIA
12 ore
Dopo un mese i negozi "non essenziali" sono stati riaperti
I commercianti dovranno rispettare un nuovo protocollo sanitario rafforzato
ITALIA
13 ore
Tredicesime più leggere a causa del Covid
Tre miliardi in meno nelle gratifiche natalizie degli italiani
ARGENTINA
14 ore
Selfie con il cadavere di Maradona, condotte varie perquisizioni
La procura penale di Buenos Aires ha aperto un fascicolo
AUSTRALIA
15 ore
Tre vittime di pedofilia citano in giudizio anche il Papa
Secondo il loro avvocato è un modo per mettere il Vaticano di fronte alle proprie responsabilità
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile