Keystone
PAESI BASSI
26.08.20 - 23:080

Mladic respinge le accuse: «Io, bersaglio della Nato»

Al Tribunale dell'Aja è andato in scena il processo d'appello nei confronti dell'ex capo militare dei serbi di Bosnia.

In primo grado il 78enne era stato condannato all'ergastolo per il genocidio di Srebrenica, l'assedio di Sarajevo e altri crimini contro l'umanità

L'AJA - Al Tribunale dell'Aja si sono conclusi in serata i due giorni di udienze del processo di appello a carico di Ratko Mladic, l'ex capo militare dei serbi di Bosnia condannato nel 2017 in primo grado all'ergastolo per il genocidio di Srebrenica, l'assedio di Sarajevo e altri crimini di guerra e contro l'umanità commessi durante il conflitto armato in Bosnia del 1992-1995. Stando ai media serbi, la sentenza è attesa in un periodo tra sei mesi e un anno.

Dopo l'intervento ieri dei legali della difesa, che avevano definito sbagliata la sentenza di primo grado, chiedendo il rilascio di Mladic e sollecitando una verifica delle sue capacità di affrontare il processo a causa delle sue precarie condizioni di salute, oggi è stata la volta dei rappresentanti dell'accusa, che hanno confermato l'intero dispositivo di colpevolezza dell'ex generale, chiedendo peraltro che Mladic venga dichiarato colpevole anche per l'unico punto per il quale era stato assolto in primo grado (genocidio in altri sei Comuni bosniaci).

A Mladic, che ha 78 anni e che è da tempo in precarie condizioni di salute, è stato consentito d'intervenire per dieci minuti in chiusura di udienza. Senza mascherina protettiva, che indossava invece ieri in aula, ma isolato da una cortina di vetro, l'ex generale ha nuovamente respinto le accuse di genocidio a Srebrenica e degli altri crimini di guerra, sostenendo di non essere stato lui a scatenare la guerra, e di essere stato bersaglio della Nato, durante il conflitto e ancora oggi. Tutte le accuse a suo carico, ha detto, provengono dalla Nato.

«Sono vivo e vegeto e vivrò fino a quando esisterà il nostro popolo, queste accuse sono un buco nell'acqua», ha detto Mladic. A gestire il processo di appello a Ratko Mladic è il Meccanismo residuale internazionale per i tribunali criminali, l'organismo che ha preso il posto del Tribunale penale internazionale dell'Aja per i crimini nella ex Jugoslavia (Tpi), che ha cessato la sua attività.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Cina
1 ora
La Cina vola intorno al mondo, ma nessuno lo sapeva
Il governo Biden teme un dispiegamento delle forze. Diversa la musica da Pechino: «Non stiamo attaccando nessuno»
ITALIA
5 ore
15enne uccisa da un colpo di fucile in casa, a sparare è stato il fratellino
Svolta nelle indagini nella tragica morte avvenuta ieri in un'abitazione del Bresciano
Francia
6 ore
Sessant'anni fa Parigi si svegliò nel sangue
Oggi la Francia commemora un massacro che pochi conoscono e sui cui bisogna fare ancora chiarezza
STATI UNITI
8 ore
L'assassino americano Robert Durst rischia di morire a causa dal coronavirus
Il 78enne, reso celebre per la sua clamorosa confessione nella serie tv “The Jinx”, era stato condannato all'ergastolo
STATI UNITI
8 ore
Bill Clinton ricoverato: presto verrà dimesso
L'ex-presidente era stato ospedalizzato con una certa urgenza settimana scorsa
FOTO
ITALIA
21 ore
"No green pass", nervi tesi a Milano
Cortei, proteste, slogan e qualche scontro con le forze dell'ordine. Migliaia di persone in piazza
STATI UNITI
22 ore
No vax, metà degli agenti di Chicago rischia lo stipendio
La disputa nata tra la linea dura promossa dalla sindaca e i sindacati contrari all'obbligo di mostrare il certificato
FOTO
Italia
1 gior
Proteste contro il fascismo, «è un attacco alla dignità di tutto il Paese»
Centro-sinistra e sindacati chiedono che venga rivista la Costituzione italiana con nuove riforme
Regno Unito
1 gior
Accoltellamento David Amess, «è terrorismo»
L'uomo arrestato figurava tra le persone ritenute a rischio radicalizzazione
STATI UNITI
1 gior
No, l'ivermectina non cura il Covid. Ecco il perché
L'Infectious Diseases Society of America ha pubblicato un'infografica per far chiarezza. E il verdetto non lascia dubbi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile