keystone-sda.ch (Paul Zinken)
Il dissidente è in coma farmacologico alla Charité di Berlino
GERMANIA
24.08.20 - 18:000
Aggiornamento : 18:39

Navalny: scoperte tracce di avvelenamento

A confermarlo è l'ospedale tedesco in cui l'oppositore russo è in cura. Si tratterebbe di potenti neurotossine.

BERLINO - I medici dell'ospedale Charité di Berlino hanno scoperto «tracce di avvelenamento» nei test clinici a cui è stato sottoposto l'oppositore russo Alexei Navalny. Non escludono inoltre «effetti a lungo termine» dovuti al veleno. Stando al nosocomio, tuttavia, Navalny non è in pericolo di vita.

I loro colleghi russi di Omsk, dove il dissidente era stato ricoverato dopo aver sofferto un malore mentre era in volo verso Mosca, avevano escluso questa possibilità.

Navalny sarebbe stato avvelenato con una sostanza tossica della famiglia degli inibitori della colinesterasi, che agiscono sul sistema nervoso, hanno reso noto i medici tedeschi. In pratica una potente neurotossina.

I medici precisano tuttavia che la sostanza specifica deve ancora essere identificata e hanno dunque iniziato «un nuovo set di analisi». Navalny, che è in coma farmacologico, è in condizioni gravi ma non in pericolo di vita, viene curato con l'atropina, un farmaco usato per curare gli agenti nervini.

I medici non si azzardano a fare previsioni sulle conseguenze dell'avvelenamento, ma non escludono che possano esserci danni a lungo termine, in particolare del sistema nervoso.

Le anticolinesterasi possono assumere molte sembianze. Come farmaci anestetici o nel trattamento dell'Alzheimer. Oppure si possono trovare nei disinfestanti. Ma non solo. Molti inibitori sono prodotti da alcuni serpenti velenosi. Data la loro efficacia, sono anche alla base di diversi gas nervini, come il Sarin.

Il 'Novichok' - la sostanza a quanto pare usata per avvelenare l'ex agente del Kgb riparato in Gran Bretagna Serghei Skripal - rientra in questa categoria di sostanze e sarebbe stato prodotto nell'Unione Sovietica e poi in Russia tra il 1971 e il 1993.

«La Russia punisca i colpevoli» - La cancelliera tedesca Angela Merkel ha chiesto alla Russia che vi sia un'inchiesta completa e che i responsabili dell'avvelenamento di Alexei Navalny paghino le conseguenze sul piano legale. Lo si legge in un comunicato della cancelleria. «Alla luce del rilevante ruolo che il signor Navalny svolge nell'opposizione politica in Russia, le istituzioni locali sono chiamate con urgenza a chiarire questi fatti in modo completo e in piena trasparenza», si legge nella nota congiunta di Merkel e del suo ministro degli Esteri, Heiko Maas. «I responsabili devono essere sottoposti a un'inchiesta e risponderne davanti alla legge», aggiungono la cancelliera e il ministro. «Speriamo che Navalny possa guarire completamente. I nostri auspici sono diretti alla famiglia, sottoposta a una dura prova», conclude la nota.

keystone-sda.ch / STF (SERGEI ILNITSKY)
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
ITALIA
3 sec
Un nuovo tesoro a Pompei, e dalla terra sbuca un carro splendido
Si tratta di un cocchio da parata con decorazioni incredibili e che è salvo per un soffio
FOTO
ITALIA
31 min
Nell'ultimo sabato in giallo, sui Navigli di Milano scatta il rave
Grande movimento, ma anche tanti controlli nell'ultimo fine settimana prima che la Lombardia torni arancione
FOTO
BIRMANIA
1 ora
Manifestante uccisa da un colpo esploso dalla polizia birmana
Continua l'uso indiscriminato della forza da parte degli agenti per sedare i cortei di protesta in diverse città
ITALIA
4 ore
Sardegna prima in zona bianca: «Ma non è un "liberi tutti"»
Palestre e cinema aperti. L'assessore regionale alla Sanità, però, mette in guardia da un'eccessiva rilassatezza.
FRANCIA
5 ore
All'asta un Van Gogh che non avete mai visto
“Scène de rue à Montmartre” era rimasto nascosto in una collezione privata e ci si aspetta sia venduto per milioni
STATI UNITI
7 ore
Vaccini anti Covid: picchi da record per le azioni dei produttori
Moderna e AstraZeneca hanno conosciuto i valori più alti degli ultimi cinque anni. Pfizer ci è andata vicina.
ITALIA
8 ore
«Truffa» milionaria ai danni di un imprenditore arabo: 42enne svizzero arrestato a Venezia
L'operatore finanziario avrebbe sottratto 126 milioni di euro. Era latitante.
BRASILE
12 ore
Il Brasile di fronte alla quarta ondata
L'OMS: «Che sia un monito per tutto il mondo, la pandemia non è finita e ogni rilassamento è pericoloso»
RUSSIA
12 ore
Dzerzhinsky non tornerà davanti al quartier generale dell'intelligence russa
È stato cancellato il referendum sul ripristino del monumento dedicato al fondatore del KGB
STATI UNITI
12 ore
Usa: la Camera approva il maxi-piano di aiuti
Si tratta di un pacchetto da 1'900 miliardi di dollari per contrastare gli effetti della pandemia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile