Deposit
STATI UNITI
18.08.20 - 23:000

Quel naso che può trovare (anche) il Covid-19

I cani da coronavirus? No, non è una gag, ma per addestrarli ci vuole molto lavoro e non è detto che poi siano efficaci

CHICAGO - Se può percepire la presenza di molecole di sostanze stupefacenti, esplosivi e anche sindromi incipienti, vuoi che non possa farlo anche per il coronavirus? E così sono diversi gli istituti di ricerca che hanno deciso di puntare sull'olfatto canino per proporre un metodo alternativo per identificare il Covid-19.

Gli studi, portati avanti in Germania, Londra e Stati Uniti procedono, e pare con discreto successo: «Per alcuni cani bastano 10 settimane per riuscire a identificare la presenza del virus» ha spiegato al Washington Post Cynthia Otto dell'Università della Pennsylvania, «ma, per quanto vogliamo fornire al mondo questa risorsa, bisogna procedere con cautela per essere sicuri che il tutto sia etico, sicuro e davvero scientifico».

Il passaggio al “mondo vero”, infatti, è uno degli ostacoli più grandi: «Una cosa è identificare un campione in un ambiente controllato, l'altra una persona infetta in una folla rumorosa di un aeroporto. A sbagliare, si fa più male che bene», conferma Otto

Altra sfida, è quella della (grande) domanda: «Rischia di essere una goccia nel mare», aggiunge Perdita Barran dell'Università di Manchester, «considerando l'urgenza internazionale, il costo di addestrare un singolo cane è elevatissimo: ogni persona con il Covid-19 emana un odore diverso, a dipendenza del grado dell'infezione. Formare un cane è un lavoro lungo e impegnativo».

Già, ma cosa si usa per fargli sentire l'odore del Covid? Dipende, per quanto riguarda i quadrupedi di Philadelphia i materiali sono stati diversi: urina, saliva, sebo della pelle. Alcuni campioni presi da pazienti ricoverati, altri da coronavirus-positivi non così gravi da necessitare l'ospedalizzazione.

«I cani non sentono l'odore del virus, ma quello delle cellule umane morenti perché infettate, noi li chiamiamo composti organici volatili», spiega la professoressa di chimica dell'Università dell'Illinois Kenneth Suslick.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
CINA
2 ore
Perché in tantissimi facevano il tifo per un pluriomicida cinese in fuga
Aveva accoltellato un'intera famiglia ma tutti speravano che potesse farla franca, la tragica storia di Ou Jinzhong
STATI UNITI
4 ore
Colin Powell è morto di Covid 19
L'ex Segretario di Stato americano aveva 84 anni lottava da tempo con la malattia
LE IMMAGINI
ITALIA
5 ore
Idranti e lacrimogeni, manifestanti sgomberati con la forza
Le operazioni al porto potranno riprendere senza rallentamenti, ma i lavoratori annunciano che lo scioperò continuerà
Stati Uniti
9 ore
I piloti degli aerei stanno perdendo la mano e fanno fatica a volare
Dopo la pandemia gli errori e il rischio di disastri aerei sono aumentati. Sotto la lente il caso degli Stati Uniti
Spagna
10 ore
«La prostituzione rende schiave le donne del nostro Paese»
Il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez ha fatto sapere domenica di voler abolire il sesso a pagamento
NUOVA GUINEA
11 ore
Pirati del mare, criminali armati fino ai denti
Agiscono perché agevolati dalla polizia corrotta e da chi detiene il potere. Ecco dove non andare mai per mare
REGNO UNITO
22 ore
Delta, zero restrizioni... e così i contagi oltremanica volano
Il Regno Unito registra in media 40mila nuovi casi al giorno. La situazione ospedaliera resta però sotto controllo
Cina
1 gior
La Cina vola intorno al mondo, ma nessuno lo sapeva
Il governo Biden teme un dispiegamento delle forze. Diversa la musica da Pechino: «Non stiamo attaccando nessuno»
ITALIA
1 gior
15enne uccisa da un colpo di fucile in casa, a sparare è stato il fratellino
Svolta nelle indagini nella tragica morte avvenuta ieri in un'abitazione del Bresciano
Francia
1 gior
Sessant'anni fa Parigi si svegliò nel sangue
Oggi la Francia commemora un massacro che pochi conoscono e sui cui bisogna fare ancora chiarezza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile