Keystone
STATI UNITI
18.08.20 - 15:110
Aggiornamento : 16:17

Trump attacca Michelle Obama: «Siediti comoda e guarda!»

Il presidente americano ha reagito stizzito al discorso dell'ex first lady alla convention democratica.

WASHINGTON - Donald Trump replica duramente all'attacco lanciatogli da Michelle Obama alla convention democratica. L'attuale inquilino della Casa Bianca ha messo sotto accusa la presidenza del marito Barack e del suo vice Joe Biden, dalla gestione dell'influenza suina allo «spionaggio» della sua campagna e si è vantato dei suoi successi per poi darle un consiglio stizzito: «Siediti comoda e guarda!».

«Per favore, qualcuno spieghi a Michelle Obama che non sarei qui, nella meravigliosa Casa Bianca, se non fosse per il lavoro che ha fatto suo marito. Biden è stato meramente un ripensamento, una buona ragione per quell'endorsement tardivo e non entusiastico», scrive in una raffica di tweet.

«Io e la mia amministrazione abbiamo costruito la più grande economia nella storia, di qualsiasi Paese, che era spenta, abbiamo salvato milioni di vite e ora sto costruendo un'economia ancora più grande di prima. I posti di lavoro abbondano, il Nasdaq è già a un livello record, il resto seguirà. Siediti comoda e guarda!», incalza.

Trump accusa il team Obama-Biden di aver dato all'influenza suina una risposta «debole e patetica», con «la grande differenza che ottenne il via libera dalle fake news corrotte».

Il presidente inoltre contesta all'amministrazione Obama-Biden di essere «la più corrotta della storia, compreso il fatto di essere stati sorpresi a spiare la mia campagna, il più grande scandalo nella storia del nostro Paese. Si chiama tradimento e altro. Grazie per le tue gentili parole Michelle!», conclude sarcastico.

Critiche anche ai repubblicani filo Biden - Donald Trump è irritato dalla mossa di Joe Biden di aprire la sua coalizione ai repubblicani che lo criticano. Per questo oggi è tornato ad attaccare l'ex governatore dell'Ohio John Kasich, che ieri ha parlato alla convention dem: «Un perdente» che «ora va dall'altra parte alla disperata ricerca d'importanza», ha twittato.

Ma anche Miles Taylor, un ex dirigente della sua amministrazione, che ha servito come capo dello staff al dipartimento della Sicurezza nazionale: «Un ex dipendente arrabbiato di nome Miles Taylor, che non conosco (mai sentito), ha detto che se n'è andato e ha abbracciato il circuito delle fake news», ha cinguettato. «Ci metteranno tutti contro», ammonisce.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
CINA
50 min
La Cina risponde al mondo: «Non politicizzate l'origine del virus»
Secondo Pechino, i politici di USA e altri Paesi «fanno accuse irragionevoli contro la Cina»
NEPAL
1 ora
Manca ossigeno, mancano vaccini: al Nepal «serve aiuto urgente»
L'appello di Amnesty International è rivolto sia ai leader locali che alla comunità internazionale
ITALIA
2 ore
La Lombardia saluta il giallo
Altre 6 Regioni italiane accolgono il bianco e salutano gran parte delle restrizioni
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
4 ore
L'invasione della magicicada negli USA, «anche al cioccolato»
L'insetto dagli occhi rossi ha conquistato 15 Stati, e anche una pasticceria del Maryland
MONDO
13 ore
Ecco come è finito il G7 in Cornovaglia
I sette grandi fanno fronte (scomposto) contro le "autocrazie"
ITALIA
17 ore
Uccisi due bambini e un anziano, killer trovato morto in casa
L'uomo si sarebbe sparato prima dell'arrivo delle forze dell'ordine.
ITALIA
21 ore
Spari vicino a Roma, morti un uomo e due bambini
L'uomo armato responsabile della sparatoria si è barricato in casa
CINA
22 ore
«Un piccolo gruppo di paesi non può decidere le sorti del mondo»
Un portavoce cinese ha commentato in modo critico quanto sta accadendo in Cornovaglia
ITALIA
1 gior
Con 76 profughi nascosti nel Tir
Il mezzo è stato fermato ieri sera nei pressi di un casello dell'A4 in provincia di Udine.
CARBIS BAY
1 gior
Dal G7 un piano globale anti-virus
Le pandemie future andranno prevenute dall'alleanza degli Stati. Ma in Cornovaglia frattura sulla Cina
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile