Immobili
Veicoli
Poliziotti ammanettano una famiglia afroamericana, bambine comprese: il filmato indigna
Facebook
STATI UNITI
06.08.20 - 16:370

Poliziotti ammanettano una famiglia afroamericana, bambine comprese: il filmato indigna

Gli agenti sospettavano che la loro auto fosse rubata. Il numero di targa corrispondeva. Lo Stato d'immatricolazione no

AURORA - Un altro video shock sulla violenza della polizia verso la comunità afroamericana scuote l'America dopo quello dell'uccisione di George Floyd e diversi altri che sono emersi negli ultimi mesi. Ad Aurora, in Colorado, alcuni poliziotti hanno fermato, fatto mettere pancia a terra e ammanettato due sorelle afroamericane e le loro figlie minorenni di 17, 14, 12 e 6 anni col sospetto che avessero rubato il veicolo su cui viaggiavano. Gli agenti, però, avevano letto male la targa.

L'episodio, che risale a domenica, è stato filmato da un passante e diffuso sui social. Nel video si sentono le bambine urlare e piangere. Dopo che l'episodio è emerso sui media, i poliziotti hanno ammesso di essere stati tratti in inganno dalla targa della vettura, che combaciava con quella dell'auto rubata, ma era di un altro Stato. Le donne sono state fermate mentre tornavano alla loro macchina dopo aver trovato chiuso il negozio dove volevano andare a farsi la manicure. La capa della polizia di Aurora, Vanessa Wilson, si è scusata e ha offerto una terapia psicologica alle piccole.

In Georgia, nella contea di Forsyth, un giudice ha ordinato invece la diffusione di due video sulla morte per asfissia a inizio dicembre 2019 di un detenuto afroamericano, il 56enne John Neville, dopo che era caduto dalla branda più alta della cella. Nelle immagini si vede il prigioniero con la faccia a terra che grida «non posso respirare» mentre gli vengono messe le manette ai polsi e un sacchetto anti sputo e anti morso in testa. Neville è morto due giorni dopo in ospedale e secondo l'autopsia il decesso è stato causato da un arresto cardiaco per asfissia nei lunghi minuti in cui è rimasto immobilizzato. Ora cinque agenti penitenzieri e un'infermiera sono stati incriminati per omicidio colposo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
RUSSIA
59 min
Putin è stato operato per un cancro?
Nuove voci sullo stato di salute dello "zar": il ricovero; i filmati già pronti e i sosia per sostituirlo in pubblico.
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
Le truppe ucraine di Kharkiv arrivate al confine con la Russia
In corso negoziati per evacuare Mariupol, anche per coloro che si trovano nell'acciaieria, ha fatto sapere il presidente
COREA DEL NORD
16 ore
Covid, per la Corea del Nord è come essere ancora nel 2020
Nel Paese sono stati rilevati oltre 820mila casi. Dopo aver rifiutato i vaccini, Pyongyang chiederà ora aiuto alla Cina?
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
18 ore
«L'esercito russo è in un vicolo cieco»
Il presidente ucraino Zelensky prevede una nuova offensiva delle truppe di Mosca nel Donbass. Ma non abbassa la testa
FINLANDIA
22 ore
Nato, la Finlandia chiederà ufficialmente l'adesione
Lo ha annunciato il presidente finlandese Sauli Niinistö in conferenza stampa
STATI UNITI
1 gior
Dopo la strage «ha riposto l'arma, si è inginocchiato e consegnato»
Nell'assalto, in un supermercato di Buffalo, sono rimaste uccise almeno 10 persone. Il 18enne si trova in custodia
STATI UNITI
1 gior
Sparatoria al supermercato: 8 morti
È successo a Buffalo nello stato di New York. L'autore sarebbe un 18enne suprematista bianco
RUSSIA
1 gior
Nuove voci su una malattia di Putin
Secondo un oligarca intercettato il presidente russo avrebbe un «tumore al sangue»
PORTOGALLO
1 gior
Abramovich non può vendere casa
Una villa da 10 milioni di euro è stata bloccata in Portogallo. Aveva già un acquirente
ITALIA
1 gior
Inaugurato un ponte da record
Il "Ponte del Sole" si trova a Dossena, nel Bergamasco, ed è lungo 505 metri.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile