Poliziotti ammanettano una famiglia afroamericana, bambine comprese: il filmato indigna
Facebook
STATI UNITI
06.08.20 - 16:370

Poliziotti ammanettano una famiglia afroamericana, bambine comprese: il filmato indigna

Gli agenti sospettavano che la loro auto fosse rubata. Il numero di targa corrispondeva. Lo Stato d'immatricolazione no

AURORA - Un altro video shock sulla violenza della polizia verso la comunità afroamericana scuote l'America dopo quello dell'uccisione di George Floyd e diversi altri che sono emersi negli ultimi mesi. Ad Aurora, in Colorado, alcuni poliziotti hanno fermato, fatto mettere pancia a terra e ammanettato due sorelle afroamericane e le loro figlie minorenni di 17, 14, 12 e 6 anni col sospetto che avessero rubato il veicolo su cui viaggiavano. Gli agenti, però, avevano letto male la targa.

L'episodio, che risale a domenica, è stato filmato da un passante e diffuso sui social. Nel video si sentono le bambine urlare e piangere. Dopo che l'episodio è emerso sui media, i poliziotti hanno ammesso di essere stati tratti in inganno dalla targa della vettura, che combaciava con quella dell'auto rubata, ma era di un altro Stato. Le donne sono state fermate mentre tornavano alla loro macchina dopo aver trovato chiuso il negozio dove volevano andare a farsi la manicure. La capa della polizia di Aurora, Vanessa Wilson, si è scusata e ha offerto una terapia psicologica alle piccole.

In Georgia, nella contea di Forsyth, un giudice ha ordinato invece la diffusione di due video sulla morte per asfissia a inizio dicembre 2019 di un detenuto afroamericano, il 56enne John Neville, dopo che era caduto dalla branda più alta della cella. Nelle immagini si vede il prigioniero con la faccia a terra che grida «non posso respirare» mentre gli vengono messe le manette ai polsi e un sacchetto anti sputo e anti morso in testa. Neville è morto due giorni dopo in ospedale e secondo l'autopsia il decesso è stato causato da un arresto cardiaco per asfissia nei lunghi minuti in cui è rimasto immobilizzato. Ora cinque agenti penitenzieri e un'infermiera sono stati incriminati per omicidio colposo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
LITUANIA
1 ora
Come mai in Lituania in questi mesi sta arrivando un incredibile numero di migranti
Da 70 all'anno a 2'700 in un mese, il perché di una crisi che per Vilnius (e l'UE) è tutta colpa della Bielorussia
FOTO
GIAPPONE
7 ore
La velocista bielorussa che è scappata dal suo team e ha cercato asilo politico
La 24enne aveva criticato sui social lo staff (parlando anche di doping) e stava per essere rimpatriata in via coatta.
MONDO
8 ore
Il bikini della discordia
Sportive e abbigliamento succinto: ora c'è chi dice no
ITALIA
23 ore
Pescara in fiamme, bagnanti in fuga dalle spiagge
Il forte vento alimenta il rogo, centinaia di persone evacuate
FOTO
FRANCIA / GERMANIA
1 gior
Un fine settimana di manifestazioni contro l'obbligo vaccinale
76 gli arresti sabato in Francia, oggi a Berlino tensione tra dimostranti e polizia
ITALIA
1 gior
Oltre 800 incendi nel fine settimana italiano
Per contrastare le fiamme in Sicilia sono al momento impegnati 806 uomini
STATI UNITI
1 gior
«I CDC hanno perso credibilità»
Il cambio di rotta dell'organo sanitario ha riacceso un forte dibattito, soprattutto in Georgia, Texas e Florida
GRECIA
1 gior
Otto feriti e venti case distrutte
Cinque villaggi evacuati nella regione di Patrasso, in Grecia. Le fiamme continuano ad avanzare
LE IMMAGINI
EUROPA
1 gior
Dove non piove, brucia: fiamme in Turchia, Grecia, Italia
L'Europa mediterranea nella stretta dei roghi: le alte temperature non danno tregua ai pompieri.
ITALIA
1 gior
Balzo dei contagi negli uomini under 40: «È l'effetto Europei»
È l'analisi contenuta nell'ultimo rapporto di aggiornamento Epidemia COVID-19 dell'Istituto superiore di sanità
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile