Keystone
ITALIA
03.08.20 - 16:280

Novartis e Roche assolte in Italia per il caso Avastin-Lucentis

Caduta l'accusa di accordo illecito fra i colossi farmaceutici per due farmaci simili ma dai prezzi molto diversi

ROMA - Novartis e Roche sono state assolte in Italia dall'accusa penale di essersi accordate illecitamente per ostacolare, attraverso la diffusione di notizie false, l'uso di un farmaco molto economico, l'Avastin di Roche, a vantaggio di un prodotto molto più costoso, ma sostanzialmente identico, il Lucentis di Novartis.

Un tribunale di Roma ha stabilito l'insussistenza del reato di aggiotaggio (azione speculativa illecita volta a provocare variazioni artificiose dei prezzi delle merci al fine di ricavarne un rapido e grande profitto) e ha assolto da questa accusa gli amministratori delegati delle due aziende in carica all'epoca dei fatti, ha indicato in un comunicato Novartis, che accoglie con "soddisfazione" il pronunciamento.

La sentenza, rileva la casa farmaceutica renana, rappresenta una svolta decisiva in una lunga e complessa vicenda giudiziaria, che trae origine da un provvedimento dell'Autorità italiana Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) su presunte pratiche anticoncorrenziali relative alla commercializzazione del farmaco oftalmico Lucentis.

Alla base del provvedimento era l'ipotesi che Novartis e Roche avessero dato vita a un accordo per scoraggiare, nel trattamento di una grave patologia oftalmica come la maculopatia essudativa, l'utilizzo di Avastin, considerato un'alternativa terapeutica valida e meno cara rispetto a Lucentis.

Novartis ha sempre contestato la decisione dell'AGCM, giudicando infondato il presupposto che i due farmaci possano essere in concorrenza tra loro, dal momento che Lucentis «è specificamente progettato, sviluppato e prodotto per l'uso oculare intravitreale, mentre Avastin è un farmaco oncologico che non è mai stato approvato per patologie oculari».

Il provvedimento antitrust, che risale al 2014, ha generato negli anni diversi procedimenti, tra i quali anche uno penale per il reato di aggiotaggio. Ora il Tribunale di Roma, rileva l'azienda, «ha accertato l'assoluta inconsistenza di questa accusa e, nell'accogliere in pieno le tesi difensive di Novartis, riconosce che i due farmaci in questione non si pongono in concorrenza tra di loro, ma sono casomai alternativi poiché Avastin poteva essere impiegato solo nelle indicazioni oftalmiche non coperte da Lucentis».

La sentenza ha inoltre accertato che nessuna delle due aziende ha mai fornito informazioni false o tendenziose sia agli operatori sanitari sia alle autorità regolatorie. In particolare, queste ultime «sono sempre state poste nella condizione di esercitare il proprio ruolo in maniera pienamente informata e indipendente, per quanto concerne tanto la definizione del prezzo del farmaco quanto gli aspetti legati alla sicurezza dei pazienti».

Infine, «i contatti intercorsi tra le aziende nonché tra queste e le Autorità regolatorie sono sempre stati funzionali all'adempimento di specifici obblighi di legge». Emerge quindi «con evidenza che l'azienda ha sempre agito nell'interesse dei pazienti, in particolare per quanto riguarda l'appropriatezza e la sicurezza dei trattamenti», conclude Novartis.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Italia
1 min
Cannabis legale, «Mancano quattro giorni all'assassinio della democrazia»
Raccolte quasi 600mila firme online, ma moltissimi comuni non vogliono concedere i certificati elettorali
FOTO
GRECIA
3 ore
Forte terremoto a Creta, un morto e alcuni feriti
L'epicentro della scossa è stato localizzato a una ventina di chilometri a sud di Candia
GERMANIA
5 ore
L'Spd s'impone al fotofinish
I socialdemocratici avanti con il 25,7% dei voti, crollo dei conservatori. Quale coalizione per governare?
MONDO
6 ore
Le giovani generazioni «vivranno una vita senza precedenti»
Ci saranno più inondazioni, più siccità, più ondate di calore. È l'avvertimento di uno studio internazionale
GERMANIA
18 ore
Il dopo-Merkel da cardiopalma, per gli exit poll Spd e Cdu sono a pari merito
Stando ai sondaggi i due partiti di maggioranza sarebbero o fermi a quota 25% o comunque molto vicino
Regno Unito
19 ore
Sabina Nessa, arrestato il presunto assassino
La 28enne è stata accoltellata a morte lo scorso 17 settembre poco lontano dalla sua abitazione
FOTO
SAN MARINO
22 ore
San Marino alle urne per depenalizzare l'aborto
È una delle poche nazioni in Europa dove è ancora illegale, si vota oggi dopo una battaglia politica lunga 18 anni
GERMANIA
1 gior
Oggi in Germania si decide il volto del dopo-Merkel
Che si prospetta instabile, con un testa a testa fra Laschet e Scholz che non avranno i numeri per governare da soli
STATI UNITI
1 gior
Deraglia l'alta velocità: tre morti nel Montana
Un treno che correva tra Chicago e Seattle è uscito dai binari. Diversi i feriti
SPAGNA
1 gior
Altre bocche, altre eruzioni: chiuso l'aeroporto di La Palma
A preoccupare, nell'immediato, è la quantità di cenere che ha ricoperto l'isola
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile