Keystone
ITALIA
03.08.20 - 16:280

Novartis e Roche assolte in Italia per il caso Avastin-Lucentis

Caduta l'accusa di accordo illecito fra i colossi farmaceutici per due farmaci simili ma dai prezzi molto diversi

ROMA - Novartis e Roche sono state assolte in Italia dall'accusa penale di essersi accordate illecitamente per ostacolare, attraverso la diffusione di notizie false, l'uso di un farmaco molto economico, l'Avastin di Roche, a vantaggio di un prodotto molto più costoso, ma sostanzialmente identico, il Lucentis di Novartis.

Un tribunale di Roma ha stabilito l'insussistenza del reato di aggiotaggio (azione speculativa illecita volta a provocare variazioni artificiose dei prezzi delle merci al fine di ricavarne un rapido e grande profitto) e ha assolto da questa accusa gli amministratori delegati delle due aziende in carica all'epoca dei fatti, ha indicato in un comunicato Novartis, che accoglie con "soddisfazione" il pronunciamento.

La sentenza, rileva la casa farmaceutica renana, rappresenta una svolta decisiva in una lunga e complessa vicenda giudiziaria, che trae origine da un provvedimento dell'Autorità italiana Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) su presunte pratiche anticoncorrenziali relative alla commercializzazione del farmaco oftalmico Lucentis.

Alla base del provvedimento era l'ipotesi che Novartis e Roche avessero dato vita a un accordo per scoraggiare, nel trattamento di una grave patologia oftalmica come la maculopatia essudativa, l'utilizzo di Avastin, considerato un'alternativa terapeutica valida e meno cara rispetto a Lucentis.

Novartis ha sempre contestato la decisione dell'AGCM, giudicando infondato il presupposto che i due farmaci possano essere in concorrenza tra loro, dal momento che Lucentis «è specificamente progettato, sviluppato e prodotto per l'uso oculare intravitreale, mentre Avastin è un farmaco oncologico che non è mai stato approvato per patologie oculari».

Il provvedimento antitrust, che risale al 2014, ha generato negli anni diversi procedimenti, tra i quali anche uno penale per il reato di aggiotaggio. Ora il Tribunale di Roma, rileva l'azienda, «ha accertato l'assoluta inconsistenza di questa accusa e, nell'accogliere in pieno le tesi difensive di Novartis, riconosce che i due farmaci in questione non si pongono in concorrenza tra di loro, ma sono casomai alternativi poiché Avastin poteva essere impiegato solo nelle indicazioni oftalmiche non coperte da Lucentis».

La sentenza ha inoltre accertato che nessuna delle due aziende ha mai fornito informazioni false o tendenziose sia agli operatori sanitari sia alle autorità regolatorie. In particolare, queste ultime «sono sempre state poste nella condizione di esercitare il proprio ruolo in maniera pienamente informata e indipendente, per quanto concerne tanto la definizione del prezzo del farmaco quanto gli aspetti legati alla sicurezza dei pazienti».

Infine, «i contatti intercorsi tra le aziende nonché tra queste e le Autorità regolatorie sono sempre stati funzionali all'adempimento di specifici obblighi di legge». Emerge quindi «con evidenza che l'azienda ha sempre agito nell'interesse dei pazienti, in particolare per quanto riguarda l'appropriatezza e la sicurezza dei trattamenti», conclude Novartis.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
44 min
Pacco sospetto da AstraZeneca: fermato un 53enne
Non è da escludere che possa essersi trattato di un tentativo d'intimidazione o di una beffa scriteriata.
CINA
3 ore
Dal virus creato negli Usa al vaccino Pfizer che ti uccide, le teorie web che vanno forte in Cina
E che il governo sostiene (e diffonde) per una strategia ben precisa e che c'entra con il team dell'OMS a Wuhan
STATI UNITI
3 ore
#GameStock, o come un forum social sta trollando la finanza mondiale
Generando valore (e perdite) per decine di miliardi di dollari, tutto partendo da una boutade su Reddit
ITALIA
6 ore
Mezza Italia verso il giallo, ma la Lombardia è in bilico
Un'eventuale riduzione del rischio non dovrebbe cambiare nulla per quanto riguarda gli spostamenti transfrontalieri.
STATI UNITI
8 ore
Il capo dei Proud Boys era un informatore dell'FBI
Lo sostiene il Guardian. Enrique Tarrio ha però smentito: «Non ricordo nulla»
STATI UNITI
8 ore
Boom di ricavi per Facebook alla fine del 2020
A pesare è stato soprattutto lo shopping online e l'aumento dell'utilizzo della piattaforma con la pandemia
STATI UNITI
9 ore
Apple, trimestre d'oro in piena seconda ondata
Risultati da record per il colosso di Cupertino, che supera per la prima volta la soglia dei 100 miliardi di ricavi
FOTO
CINA
9 ore
«L'indagine potrebbe durare anni»
Gli esperti dell'Oms, arrivati in Cina due settimane fa, inizieranno oggi i lavori a Wuhan
MONDO
17 ore
Sì al turismo del vaccino, ma solo se sei (molto) ricco
Alcune agenzie propongono viaggi all inclusive, con tanto di doppia dose e un soggiorno da favola.
MONDO
18 ore
Vaccino, Bill Gates: nazioni povere in ritardo di 6-8 mesi
Il programma Covax consegnerà le prime dosi il mese prossimo, ma i quantitativi iniziali saranno «molto modesti»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile