Archivio Keystone
EGITTO
30.07.20 - 09:070

Due anni di prigione per dei video su TikTok

Il Tribunale del Cairo ha condannato sei giovani donne con l'accusa di aver violato i «valori familiari»

IL CAIRO - Due anni di carcere, più una multa di quasi 16'000 euro ciascuna: è questo il verdetto emesso all'inizio di questa settimana da un tribunale del Cairo nei confronti di due giovani donne egiziane per aver fatto dei video su TikTok. L'accusa: «violazione dei valori familiari».

Altre tre giovani donne sono state condannate l'altro ieri a due anni di carcere per lo stesso motivo, e infine, ieri un'altra donna è stata multata e condannata a tre anni di reclusione sempre per aver violato la «morale pubblica» con i propri video TikTok.

È il più recente episodio di una lunga guerra culturale che sta avendo luogo in Egitto, nella quale il comportamento delle donne (e l'utilizzo dei social media) è perennemente sotto la lente d'ingrandimento. Anche tre uomini, giudicati colpevoli di aver aiutato alcun delle donne a realizzare e pubblicare i video, hanno ricevuto la stessa sentenza. 

Le condanne di questa settimana sono state le prime relative a una serie di almeno nove arresti che hanno avuto luogo da aprile. Si tratta di giovani donne egiziane che sono diventate popolari su TikTok, la nota applicazione di video musicali.

Nelle loro sentenze, i giudici hanno accusato le imputate di aver pubblicato video di danza «indecenti», che violano i valori familiari, e che invitano alla «scostumatezza». Secondo la dichiarazione dell'accusa, i video delle giovani incoraggiano inoltre la tratta di esseri umani. 

Gli attivisti locali hanno definito la sentenza «oltraggiosa, un attacco alle libertà civili», ha spiegato Vanessa Ullrich, un'esperta di diritti umani di Amnesty International. «La sentenza mostra come le autorità egiziane usino accuse inventate e vaghe come «violazione dei valori familiari» e «incitamento alla scostumatezza» contro le donne che hanno il potenziale di influenzare altre ragazze, questo per controllare le piattaforme online e per rafforzare i sistemi sociali e legali patriarcali», ha detto Ullrich al portale tedesco DW.

Numerose persone in diverse parti del mondo hanno protestato online contro il verdetto, ed è stato lanciato un appello, sia in arabo che in inglese, sulla piattaforma di petizione Change.org. «Temiamo e ci preoccupiamo per questa repressione sistematica che si rivolge alle donne con un basso reddito», si legge nella petizione, «viene loro negato il diritto di disporre del proprio corpo, di vestirsi liberamente e di esprimersi».

I social media sono uno spazio molto contestato in Egitto, dove il Governo esercita uno stretto controllo su ciò che viene pubblicato. Numerosi egiziani sono infatti stati incarcerati per determinati post su Twitter e Facebook ritenuti critici nei confronti del governo, o del presidente Abdel Fattah el-Sisi, e almeno cinquecento siti web di notizie sono stati recentemente bloccati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SPAGNA
1 ora
Coronavirus: aumento dei casi in Spagna, “effetto Settimana Santa”
La trasmissione del virus è attualmente «più lenta» grazie all'effetto dei vaccini e di alcune restrizioni
UNIONE EUROPEA
4 ore
Ursula, ma non solo: UE, dove il potere è donna
Per la prima volta della storia continentale detengono ruoli chiave (e non c'è "sofagate" che tenga)
FOTO
VANUATU
4 ore
Una tribù in lutto: venerano il principe Filippo come un dio
Secondo alcuni aborigeni, il Duca di Edimburgo sarebbe «il figlio dalla pelle bianca di una divinità delle montagne»
FOTO
FRANCIA
7 ore
Spari fuori da un ospedale di Parigi: un morto e un ferito
La persona che ha aperto il fuoco è in fuga, secondo un testimone è stata una sorta di esecuzione
ITALIA
9 ore
Vaccinare le isole per far ripartire il turismo
L'Italia sta discutendo la possibilità di attuare un piano. Ma c'è già chi storce il naso e chiede uguaglianza per tutti
CINA
11 ore
Vaccini cinesi inefficaci? La retromarcia di Pechino
Per Gao Fu, capo del CDC cinese, si è trattato di un fraintendimento: «Le mie parole riportate fuori contesto»
FOTO
STATI UNITI
14 ore
Minneapolis, la polizia spara: muore un ragazzo di 20 anni
Il giovane aveva tentato la fuga durante un controllo. Scontri tra manifestanti e gli agenti
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
15 ore
Direttamente da New York: vado a vaccinarmi sull'autobus
Con un centro mobile, che gira per i quartieri e può dispensare fino a 200 dosi al giorno. Siamo andati a vederlo
BELGIO
16 ore
Scappa da un party illegale dalla finestra, 21enne perde la vita
All'arrivo della polizia, il giovane ha cercato di fuggire, cadendo nel vuoto
FRANCIA
23 ore
Puntare tutto sui vaccini è «una scommessa un po' azzardata»
Per l'epidemiologo Antoine Flahault bisogna pensare a una strategia di "circolazione minima" del virus
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile