Archivio Keystone
EGITTO
30.07.20 - 09:070

Due anni di prigione per dei video su TikTok

Il Tribunale del Cairo ha condannato sei giovani donne con l'accusa di aver violato i «valori familiari»

IL CAIRO - Due anni di carcere, più una multa di quasi 16'000 euro ciascuna: è questo il verdetto emesso all'inizio di questa settimana da un tribunale del Cairo nei confronti di due giovani donne egiziane per aver fatto dei video su TikTok. L'accusa: «violazione dei valori familiari».

Altre tre giovani donne sono state condannate l'altro ieri a due anni di carcere per lo stesso motivo, e infine, ieri un'altra donna è stata multata e condannata a tre anni di reclusione sempre per aver violato la «morale pubblica» con i propri video TikTok.

È il più recente episodio di una lunga guerra culturale che sta avendo luogo in Egitto, nella quale il comportamento delle donne (e l'utilizzo dei social media) è perennemente sotto la lente d'ingrandimento. Anche tre uomini, giudicati colpevoli di aver aiutato alcun delle donne a realizzare e pubblicare i video, hanno ricevuto la stessa sentenza. 

Le condanne di questa settimana sono state le prime relative a una serie di almeno nove arresti che hanno avuto luogo da aprile. Si tratta di giovani donne egiziane che sono diventate popolari su TikTok, la nota applicazione di video musicali.

Nelle loro sentenze, i giudici hanno accusato le imputate di aver pubblicato video di danza «indecenti», che violano i valori familiari, e che invitano alla «scostumatezza». Secondo la dichiarazione dell'accusa, i video delle giovani incoraggiano inoltre la tratta di esseri umani. 

Gli attivisti locali hanno definito la sentenza «oltraggiosa, un attacco alle libertà civili», ha spiegato Vanessa Ullrich, un'esperta di diritti umani di Amnesty International. «La sentenza mostra come le autorità egiziane usino accuse inventate e vaghe come «violazione dei valori familiari» e «incitamento alla scostumatezza» contro le donne che hanno il potenziale di influenzare altre ragazze, questo per controllare le piattaforme online e per rafforzare i sistemi sociali e legali patriarcali», ha detto Ullrich al portale tedesco DW.

Numerose persone in diverse parti del mondo hanno protestato online contro il verdetto, ed è stato lanciato un appello, sia in arabo che in inglese, sulla piattaforma di petizione Change.org. «Temiamo e ci preoccupiamo per questa repressione sistematica che si rivolge alle donne con un basso reddito», si legge nella petizione, «viene loro negato il diritto di disporre del proprio corpo, di vestirsi liberamente e di esprimersi».

I social media sono uno spazio molto contestato in Egitto, dove il Governo esercita uno stretto controllo su ciò che viene pubblicato. Numerosi egiziani sono infatti stati incarcerati per determinati post su Twitter e Facebook ritenuti critici nei confronti del governo, o del presidente Abdel Fattah el-Sisi, e almeno cinquecento siti web di notizie sono stati recentemente bloccati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
22 min
«La variante indiana è più contagiosa», l'OMS alza il livello di guardia
I dati a riguardo sono ancora al vaglio ma non dovrebbe esserci motivo di preoccupazione. I vaccini? Ancora efficaci
SPAGNA
2 ore
«La Spagna non merita questo caos»
C'è confusione dal punto di vista legale: alcune Comunità autonome hanno potuto reintrodurre il coprifuoco, altre no
FOCUS
2 ore
Un mostro nascosto negli spogliatoi
Dovevano solo educare i ragazzi allo sport. Si sono trasformati in aguzzini e stupratori.
STATI UNITI
8 ore
I vaccini anti-Covid possono modificare il ciclo mestruale?
L'eventualità non è presente tra gli effetti collaterali, ma le segnalazioni si moltiplicano.
ISRAELE
11 ore
Pioggia di razzi tra Gerusalemme e Gaza: la tensione è massima
Il premier israeliano Netanyahu: «Hamas ha varcato la linea rossa. Pagherà un duro prezzo»
RUSSIA
14 ore
San Marino diventa lo "spot" del vaccino Sputnik
Nove vaccinati su dieci nell'enclave, che ormai conta pochi casi attivi, hanno ricevuto il siero russo.
FRANCIA
14 ore
Addio al serial killer Michel Fourniret: è la fine del «Mostro delle Ardenne»
Con la complicità della moglie, violentò e uccise almeno 9 ragazze, alcune delle quali erano ancora minorenni
MONDO
16 ore
Vaccini, Covid, farmaci: i social media sono invasi dalle fake news
Le piattaforme social non riescono a moderare i contenuti falsi sulla pandemia
ITALIA
18 ore
24enne vaccinata per sbaglio con 6 dosi di Pfizer
È successo a Carrara, la ragazza è rimasta in ospedale per 24 ore sotto osservazione. Aperta un'indagine interna
NUOVA ZELANDA
20 ore
I presenti affrontano l'accoltellatore: «Un gesto eroico»
Quattro persone, raggiunte dall'aggressore, sono rimaste ferite: tre di loro sono in condizioni critiche
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile