keystone-sda.ch (STR)
Il consolato statunitense di Chengdu.
CINA / STATI UNITI
24.07.20 - 07:270
Aggiornamento : 12:04

Tensioni con gli USA, la Cina fa chiudere il consolato americano a Chengdu

Mike Pompeo ha nel frattempo definito il Presidente cinese Xi Jinping «adepto di un'ideologia totalitaria»

Secondo Pechino, l'attuale tensione tra i due Paesi è stata causata esclusivamente dagli Stati Uniti

WASHINGTON - La Cina ha ordinato la chiusura del consolato Usa di Chengdu, in risposta a un analogo provvedimento americano che ha colpito la rappresentanza cinese di Houston, in Texas. Lo si legge in una nota del ministero degli Esteri di Pechino.

Le misure adottate dalla Cina, in merito alla chiusura del consolato americano di Chengdu, il capoluogo del Sichuan, «sono una risposta legittima e necessaria alle azioni irragionevoli degli Usa e conformi al diritto e alle norme di base dei rapporti internazionali, nonché alle pratiche diplomatiche», viene indicato nel comunicato. Pechino invita Washington «a creare le condizioni necessarie per il ritorno alla normalità delle relazioni bilaterali».

Questa mattina, il ministero degli Esteri ha notificato all'ambasciata Usa che la Cina «ha deciso di revocare la licenza per l'istituzione e il funzionamento del consolato generale degli Stati Uniti a Chengdu e di presentare i requisiti specifici perché il consolato generale fermi tutte le attività», si legge nella nota. 

«Attività incompatibili» - Alcuni componenti del personale in servizio presso il consolato generale Usa di Chengdu «si sono impegnati in attività incompatibili col loro status diplomatico, interferendo negli affari interni della Cina e danneggiando i suoi interessi sulla sicurezza». Secondo il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin, la Cina «ha fatto molte dichiarazioni» in tal senso e gli Usa «lo sanno bene».

L'editor-in-chief del Global Times, Hu Xijin, ha scritto su Twitter che la chiusura del consolato, comunicato questa mattina all'ambasciata americana di Pechino, dovrebbe essere completata in 72 ore, entro quindi le ore 10 di lunedì mattina.

La chiusura del consolato generale americano di Chengdu è «una risposta legittima e necessaria», ha aggiunto Wang, senza fornire alcun dettaglio sulle "attività incompatibili" con lo status diplomatico addebitate. I media statali, tuttavia, hanno parlato a tal proposito di raccolta di dati e informazioni sul Tibet, una regione altamente sensibile per Pechino, e sulle strutture di difesa e gli armamenti presenti nello Sichuan e nelle regioni vicine.

Risposta ai fatti del 21 luglio - Il 21 luglio gli Stati Uniti «hanno provocato unilateralmente l'incidente, chiedendo all'improvviso alla Cina di chiudere il consolato generale di Houston, in grave violazione di diritto internazionale e norme di base delle relazioni internazionali e delle disposizioni pertinenti del trattato consolare sino-americano, danneggiando gravemente le relazioni sino-americane».

La situazione attuale tra Cina e Stati Uniti «è qualcosa che la Cina non vuole vedere e la responsabilità pesa esclusivamente sugli Stati Uniti. Invitiamo ancora una volta gli Usa a revocare immediatamente la decisione errata e a creare le condizioni necessarie per il ritorno alla normalità delle relazioni bilaterali», conclude la nota.

Pompeo sulla Cina - Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha ammonito «il mondo libero» su una Cina «sempre più autoritaria», sottolineando la necessità di «trionfare sulla nuova tirannia del partito comunista». Intervenuto alla Richard Nixon Presidential Library, in California, Pompeo ha quindi definito Xi Jinping «adepto di una ideologia totalitaria».

«Se il mondo libero non cambierà la Cina comunista, la Cina comunista cambierà noi», ha affermato Pompeo usando toni senza precedenti.

Il segretario di Stato americano ha anche motivato la decisione di chiudere il consolato cinese di Houston, in Texas, sottolineando come la sede diplomatica era «un covo di spie» per ottenere soprattutto segreti industriali.

La frode sui visti - Gli Stati Uniti hanno anche arrestato tre cittadini cinesi che, insieme alla ricercatrice di Pechino rifugiatasi nel consolato di San Francisco, sono accusati di spionaggio per conto dell'Esercito di liberazione cinese e di frode sul fronte dei visti di soggiorno negli Usa.

Gli agenti dell'Fbi - rende noto il Dipartimento di giustizia americano - hanno anche interrogato in almeno 25 città statunitensi altre persone sospettate di essere segretamente affiliate alle forze armate cinesi ed entrate negli Usa mentendo alle autorità al fine di ottenere i visti.

Houston, accuse «prive di senso» - Il consolato generale cinese a Houston, in Texas, «è allo stato ancora operativo». Lo ha confermato in conferenza stampa il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin, rinnovando l'appello agli Usa sul «ritiro della decisione sbagliata di chiusura».

Le accuse statunitensi «sono infondate e prive di senso», ha aggiunto Wang, in merito alla sede diplomatica definita dal Dipartimento di Stato come un hub di spionaggio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 anno fa su tio
occhio per occhio, dente per dente.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Corea del Sud
5 ore
Per i sudcoreani Squid Game è tutti i giorni
La serie Netflix non si discosta poi tanto dalla realtà: i sudcoreani hanno un debito pro-capite pari a 44'000 dollari
UNIONE EUROPEA
7 ore
Senza vaccino e Green pass il Covid dilaga
L'incubo della pandemia è tornato soprattutto nelle nazioni a bassa percentuale di vaccinati e con poche restrizioni.
Germania
8 ore
Volevano formare un gruppo di mercenari, arrestati due soldati tedeschi
Cercavano di assoldare 150 soldati e avevano tentato di contattare l'Arabia Saudita per avere un sostegno economico
MONDO
11 ore
Come per l'influenza, il freddo influisce anche sul Covid
È quanto emerge da uno studio quantitativo dell'Istituto di Barcellona per la salute globale.
ITALIA
14 ore
Boom di certificati medici per dribblare il "green pass"
Dall'entrata in vigore dell'obbligo, lo scorso 15 ottobre, le cifre sono decollate. Quella delle vaccinazioni molto meno
AUSTRALIA
17 ore
Un milione per ritrovare Cleo Smith
L'ipotesi della polizia è che sia stata rapita: la cerniera della tenda era troppo alta per la bambina
STATI UNITI
20 ore
Trovati resti umani e oggetti appartenenti al fidanzato di Gabby Petito
Bisognerà attendere l'autopsia per stabilire se il corpo appartiene veramente a Brian Laundrie, scomparso da 37 giorni
STATI UNITI
22 ore
Topi infetti, boom di casi di leptospirosi a New York
Una persona è deceduta. Nel 2021 le chiamate per segnalare le infestazioni sono aumentate del 20%
BRASILE
1 gior
Bolsonaro accusato di crimini contro l'umanità
Sono pesanti le accuse rivolte dalla Commissione parlamentare d'inchiesta al presidente brasiliano.
AFGHANISTAN
1 gior
Giovane pallavolista decapitata dai Talebani
La giocatrice della nazionale giovanile afghana è stata assassinata a inizio ottobre. Si chiamava Mahjabin Hakimi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile