keystone-sda.ch (LUCA ZENNARO)
+9
ITALIA
19.07.20 - 20:060

56 tir sul Ponte di Genova: è iniziato il collaudo statico

Le operazioni proseguiranno anche domani e nei giorni successivi

GENOVA - Tornano i mezzi sul ponte di Genova: il nuovo viadotto è praticamente finito ed è arrivato il giorno del collaudo statico. Il momento di maggior impatto visivo è a metà pomeriggio, quando sull'opera salgono contemporaneamente tutti i 56 tir da 44 tonnellate ciascuno previsti per le prove statiche e il ponte sul Polcevera viene caricato in totale con 2'500 tonnellate di peso. Sono passati 705 giorni dal tragico crollo del Morandi che il 14 agosto 2018 ha causato 43 vittime, 461 giorni dall'inizio dei lavori a metà aprile 2019.

«Questo cantiere non si è mai fermato, neanche durante l'emergenza Covid, e grazie al lavoro incessante di tanti è diventato il simbolo dell'Italia che può e deve realizzare i suoi obiettivi», commenta il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. «In Liguria costruiamo il futuro, oggi e domani, nonostante tutto e tutti. E ne siamo orgogliosi».

Le operazioni iniziano attorno alle 08.00. Nell'arco di un paio d'ore i camion in manovra sulla nuova struttura diventano otto, entrando sul viadotto per poi uscirne a marcia indietro. La mattina viene sostanzialmente impiegata tutta per le operazioni previste per la "fase zero" del collaudo: un transito dei tir in formazione serrata a marcia lenta per l'assestamento del viadotto, la prova a torsione con alcuni mezzi a percorrere la carreggiata nord e poi la carreggiata sud, e infine la prova di frenatura degli autoarticolati su un punto definito della struttura.

Poco dopo le 13.00 il collaudo statico registra una sospensione, in attesa di portare gli altri mezzi sul viadotto e le operazioni ricominciano quindi un paio d'ore dopo. Si riparte con l'esecuzione delle prove statiche vere e proprie. I tir vengono posizionati su porzioni prefissate dell'impalcato. L'idea è che vadano a determinare nella struttura stati di sollecitazioni superiori a quelli di esercizio.

Verso le 17.30 si arriva al "carico" di tutti i 56 autoarticolati sul nuovo ponte e di lì a poco, dopo un lento movimento della colonna, terminano anche le operazioni della giornata, lasciando spazio quindi alle misurazioni.

Nel collaudo alcuni sensori di deformazione rilevano in tempo reale le informazioni sulle sollecitazioni, via via che aumenta il carico. L'intera procedura simula delle condizioni che difficilmente si realizzeranno nella realtà con così tanti autoarticolati sopra il nuovo ponte.

Le prove statiche proseguiranno anche domani, mentre secondo le indicazioni della struttura commissariale potrebbero volerci fino a sei giorni per completare il collaudo.

È intanto già in corso il collaudo tecnico-amministrativo, mentre è stata affidata dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti alla struttura commissariale l'ispezione di viabilità, che sarà fatta dall'Azienda nazionale autonoma delle strade (Anas), già intervenuta sul collaudo statico assieme alle società Rina e PerGenova.

Sul viadotto resta ormai da completare solo l'asfaltatura più sottile, lo "strato di usura", oltre alla segnaletica. Quanto all'inaugurazione, l'attesa resta che avvenga nella prima decade di agosto.

keystone-sda.ch (LUCA ZENNARO)
Guarda tutte le 13 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
7 ore
Uccide commesso che non lo aveva servito perché senza mascherina
Una volta arrestato, il 49enne ha ammesso di aver agito per la rabbia causata dal rifiuto
STATI UNITI
9 ore
Trovato un corpo: potrebbe appartenere a Gabby Petito
Da qualche giorno non si hanno più notizie nemmeno del fidanzato Brian Laundrie
RUSSIA
12 ore
«Non è un attacco terroristico». Perm, il movente è l'odio
Le condoglianze del presidente Putin alle famiglie delle vittime. «Una tragedia enorme»
FOTO
SPAGNA
13 ore
«L'eruzione di Palma ha materia e intensità sufficiente per durare settimane»
L'allarme dell'Istituto geologico, intanto il fiume di lava inghiotte case (e scuole) nella sua corsa verso il mare
Afghanistan
17 ore
Sotto i talebani, i bambini nascono al buio e le madri muoiono
Ogni 10'000 nuovi nati, 638 donne perdono la vita. Secondo le Nazioni Unite è un numero destinato a crescere
FOTO E VIDEO
RUSSIA
19 ore
All'università armato fino ai denti, e fa una strage
Un giovane sparatore ha seminato morte e panico nel campus di Perm, negli Urali.
FOTO
SPAGNA
20 ore
Notte di fuoco a la Palma
Il nuovo vulcano sull'isola delle Canarie ha dato spettacolo fra lapilli e colate, sfollati in 5'000
ITALIA
22 ore
La raccolta firme digitale per i referendum sta cambiando l'Italia
Piace ai giovani ed è già un successo per cannabis e contro al Green Pass, resta critico però l'establishment
ISRAELE
1 gior
La zia di Eitan è in Israele: «Vogliamo riportarlo a casa al più presto»
La donna sarà anche un testimone chiave del procedimento aperto a Tel Aviv, in Italia incriminata una terza persona
FOTO
SPAGNA
1 gior
Così nasce un nuovo vulcano
Scosse, fumo e lapilli per il più giovane vulcano di Spagna. Per ora evacuata solo la popolazione a mobilità ridotta
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile