Keystone
POLONIA
14.06.20 - 12:330

Le truppe polacche invadono la Repubblica Ceca per sbaglio

La breve occupazione polacca di un territorio ceco è stata solamente un errore

PELHRIMOVY - Un'invasione militare polacca nel territorio ceco. A prima vista, sembrerebbe un fatto preoccupante e una dichiarazione di ostilità, ma in realtà, a quanto pare, le truppe polacche non sapevano di trovarsi in Repubblica Ceca.

Lo ha riportato il portale NPR, sulla base di quanto riferito dai media locali. Un portavoce del Ministero degli Esteri ceco ha confermato alla NPR, nel weekend, che «i soldati polacchi hanno erroneamente impedito ad alcuni cittadini di entrare in una chiesa in territorio ceco, in prossimità del confine con la Polonia».

I funzionari cechi hanno dichiarato che l'incidente è avvenuto a fine maggio nei pressi di un piccolo villaggio noto come Pelhřimovy, nell'est della Repubblica Ceca. Hanno inoltre spiegato che i loro diplomatici hanno immediatamente avvisato i loro omologhi polacchi, e che i soldati non sono più presenti sul luogo, di nuovo libero da visitare a piacimento.

Anche il Ministro degli Esteri polacco ha confermato l'incidente, contraddicendo però l'affermazione che era stato ufficialmente notificato. Né il ministero né l'ambasciata polacca a Praga ne sono stati formalmente informati, ha dichiarato un portavoce alla NPR.

«Nello spirito delle buone relazioni tra Polonia e Repubblica Ceca, crediamo che si sia trattato solo di un piccolo malinteso che è stato rapidamente chiarito», ha dichiarato l'ufficio stampa del Ministero in una dichiarazione. Secondo le ultime indiscrezioni pubblicate dai media locali, i soldati hanno infatti semplicemente stabilito la loro postazione nel posto sbagliato.

Il portavoce del Ministero degli Esteri ceco, Zuzana Štíchová, ha confermato che non ci sono rancori per il piccolo disguido: «Le nostre controparti polacche ci hanno assicurato in via ufficiosa che questo incidente è stato solo un malinteso causato dall'esercito polacco, senza alcuna intenzione ostile».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Annadimelide Annadimelide 4 mesi fa su fb
Tim Cuche 4 mesi fa su fb
Diego Malinconico😂
Diego Malinconico 4 mesi fa su fb
Tim Cuche gia capitato anche a noi ahahahaha
Tim Cuche 4 mesi fa su fb
Diego Malinconico sisi appunto ahah
Claudia Tettamanti 4 mesi fa su fb
Enrico Manetti 4 mesi fa su fb
L'Italia ha conquistato la Svizzera...con L' IGNAZIO....😁😁😁
Cristina Decarli 4 mesi fa su fb
Le volte che la Svizzera ha invaso il Liechtenstein 🤣
Giancarlo Schraner 4 mesi fa su fb
Cristina Decarli hai voglia, è capitato a noi, non solo li, ma anche sul confine con l'Austria.
Cristina Decarli 4 mesi fa su fb
Giancarlo Schraner mi pare che era capitato di notte una volta 😄
Giancarlo Schraner 4 mesi fa su fb
Cristina Decarli si, effettivamente, a quell'epoca non esistevano i GPS
Eddie Mombelli 4 mesi fa su fb
....ooooh le volte che abbiamo invaso il Lichtenstein senza volerlo!!!😅😅🤣🤣🤣
Livio Alpe 4 mesi fa su fb
Cosa volete che sia? Quante volte il solerte poliziotto Huber ha sconfinato a Bizzarone per sbaglio, mentre pattugliava il confine elvetico?
Laura Delmarco 4 mesi fa su fb
?
Mioara Itu 4 mesi fa su fb
Alessandro Vanni 4 mesi fa su fb
Domenico Monea Davide Para
Davide Para 4 mesi fa su fb
Alessandro Vanni Ahahaha ma che cosa ho letto??
Domenico Monea 4 mesi fa su fb
Attendiamo il mezzo ceco ad invadere la Polonia per rappresaglia.
Miftah Said 4 mesi fa su fb
Ignazio Quartu 😂😂😂
Ignazio Quartu 4 mesi fa su fb
Miftah Said 😂😂😂✌️
Giancarlo Schraner 4 mesi fa su fb
Quante volte è successo che il soldato svizzero si addormentasse sul treno e fosse svegliato a Como, con il fucile e tutto il resto? Invasione pure quello. Hahahahaha 🤣🤣
Lorenzo Negretti 4 mesi fa su fb
Giancarlo Schraner anni fa un drappello di soldati svizzeri passarono per errore dalla stazione di Domodossola;furono disarmati e riaccompagnati al confine dalla PS...capita...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AUSTRALIA
3 min
Melbourne esce dal lockdown "duro"
Oggi nello stato di Victoria non si sono registrati nuovi casi di Covid-19 per la prima volta dal 9 giugno
MONDO
12 min
«La seconda ondata è più forte della prima»
Nuovo record di casi giornalieri in Russia: sono più di 17mila
FOTO
WASHINGTON
2 ore
Un hotel in cui tutte le donne vorrebbero andare
Entri e sei davanti a 20mila assorbenti. È il tempio dell'uguaglianza e dell'emancipazione, fatto e gestito da donne
STATI UNITI
10 ore
Che colpo per Trump: nuova tregua Armenia-Azerbaigian
I governi dei due Stati s'impegnano a rispettare un "cessate il fuoco" umanitario
STATI UNITI
12 ore
Il virus di nuovo alla Casa Bianca
Cinque membri dello staff del vicepresidente statunitense Mike Pence sono risultati positivi al tampone
ITALIA
15 ore
«La pressione sugli ospedali sta diventando insostenibile»
I Medici ospedalieri italiani lanciano l'allarme: «Il nuovo dpcm potrebbe non bastare».
ITALIA
19 ore
«Non è un coprifuoco»
Il Presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte ha presentato le nuove misure che saranno in vigore da domani
ITALIA
22 ore
Nuovo giro di vite in Italia: ristoranti chiusi dalle 18
Firmato questa mattina il nuovo decreto. Le misure saranno in vigore da domani fino al 24 novembre
STATI UNITI
1 gior
«Trump tratta la presidenza come un reality show»
Barack Obama non ha risparmiato accuse all'indirizzo del suo successore alla Casa Bianca.
COREA DEL SUD
1 gior
Samsung: è morto il presidente Lee Kun-hee
È stato l'artefice della trasformazione di Samsung da un'azienda locale a un colosso mondiale.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile