Keystone (archivio)
Attilio Fontana, presidente della Regione Lombardia.
ITALIA
07.06.20 - 18:360

Coronavirus: in Lombardia scoppia un "caso camici"

Bufera per una fornitura di materiale ordinato dalla Regione alla società legata alla famiglia di Attilio Fontana

MILANO - Scoppia un caso in Lombardia su un quantitativo di camici ordinati dalla Regione a una azienda di cui una piccola quota è di proprietà della moglie del Governatore Attilio Fontana. Ne scrive, con apertura in prima pagina, Il Fatto anticipando un servizio di Report, in onda domani sera. Fontana ha annunciato una querela al quotidiano. Mentre la direzione del giornale replica che l'inchiesta di Report «è molto precisa e circostanziata».

Il 16 aprile, durante l'emergenza, Aria (la centrale acquisti della Regione Lombardia) ha ordinato 513 mila euro di camici alla società Dama spa di cui è socia al 10% Roberta Dini moglie di Fontana si legge, in sintesi, su Il Fatto. Aria ha però replicato che si è trattato di una donazione e che non un euro è uscito dalla Regione, come spiegato nell'articolo dove peraltro si riporta lo storno delle fatture il 22 maggio (come detto dal ceo di Dama, il cognato di Fontana, Andrea Dini).

Fontana non ci sta - Dura la reazione di Fontana: «Ho dato mandato ai miei legali di querelare 'Il Fatto Quotidiano' in cui si racconta di una donazione di camici per protezione individuale forniti alla Regione Lombardia. Si tratta dell'ennesimo attacco politico vergognoso, basato su fatti volutamente artefatti e scientemente omissivi per raccontare una realtà che semplicemente non esiste». «Agli inviati della trasmissione televisiva Report - prosegue Fontana - avevo già spiegato per iscritto che non sapevo nulla della procedura attivata da Aria SpA e che non sono mai intervenuto in alcun modo. Non vi e stato da parte mia alcun intervento».

«Il testo del Fatto - conclude il governatore - infatti, in maniera consapevole e capziosa omette di dire chiaramente che la Regione Lombardia attraverso la stazione appaltante Aria SpA non ha eseguito nessun pagamento per quei camici e l'intera fornitura e stata erogata dall'azienda a titolo gratuito. Ho anche dato mandato a miei legali di diffidare immediatamente Report dal trasmettere un servizio che non chiarisca in maniera inequivocabile come si sono svolti i fatti e la mia totale estraneità alla vicenda».

La questione ha avuto uno strascico politico. «Nei prossimi giorni capiremo i risvolti relativi all'affidamento, senza gara pubblica, di una fornitura di camici da parte della Regione Lombardia a una società di cui risultano soci la moglie e il cognato del Presidente Fontana. Il presidente Fontana dovrà dire qualcosa su quanto accaduto. Si tratta di una vicenda imbarazzante e inopportuna. Sarà stato un malinteso, sarà che poi il mezzo milione (non miliardo) è stato stornato», afferma Simona Malpezzi, sottosegretaria ai Rapporti con il Parlamento.

«Fontana di faccia da parte» - «Il caso scoperto e sollevato da Report merita che sia fatta piena chiarezza, e lo chiediamo al presidente Fontana e all'assessore Caparini», dichiara il capogruppo del Pd in Regione Fabio Pizzul. «Fontana si faccia da parte. Adesso abbiamo anche donazioni a pagamento! Una 'gara non gara' avvenuta ad insaputa dei protagonisti ma per errore dei collaboratori e quindi, a quanto pare quella che doveva essere una donazione si è trasformata in acquisto per poi ritrasformarsi in donazione, magie che solo i leghisti possono fare nonostante intorno a loro ci fossero migliaia di morti», dice Massimo De Rosa, consigliere lombardo del M5s. «Quante balle dobbiamo ancora ascoltare? Quanti atti maldestri dobbiamo ancora vedere. Fontana dovrà riferire in Consiglio regionale sulla vicenda dei camici», gli fa eco Marco Fumagalli, capogruppo del M5S Lombardia.

«Totale solidarietà e sostegno al presidente Fontana. Sacrosanta la sua decisione di trascinare in tribunale gli autori dell'ennesimo attacco mediatico nei suoi confronti. Allo stesso modo ci auguriamo che la Rai non si renda a sua volta megafono dell'ormai evidente disegno politico studiato a tavolino per colpire il governatore della Lombardia e destabilizzare la guida di un'intera regione», dichiarano i parlamentari della Lega in commissione di Vigilanza Rai: Paolo Tiramani (capogruppo), Massimiliano Capitanio, Dimitri Coin, Igor Iezzi, Giorgio Maria Bergesio, Umberto Fusco e Simona Pergreffi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
tazmaniac 8 mesi fa su tio
Ridicoli giornalai sinistroidi, invidiosi di chi FA anzichè blaterare. 10% di quote... ma daiii, PD e 5stelle ne fanno di molto peggio se non ricordo male (e infatti, non ricordo male...), quindi muti, testa bassa e tornate nei buchi. Il popolo italiano, purtroppo è dal dopoguerra che continua a farsi infinocchiare da questi farabutti e purtroppo continuano a cadere nello stesso errore, peccato.
sedelin 8 mesi fa su tio
prova invio commento (problema con altro articolo)
sedelin 8 mesi fa su tio
@sedelin sto chiedendo lumi alla redazione: nessuna risposta :-(
sedelin 8 mesi fa su tio
@sedelin censura :-(((
anndo76 8 mesi fa su tio
be' fino a che si votano incapaci ( 5stelle e pd ) che non hanno mai lavorato un ora e NON mollano le sedie ( tornerebbero a fare i disoccupati o a vendere bibite allo stadio ) questi sono i risultati. Cercare altrove le "colpe" di un governo che si e' e si dimostra incapace ( il governo degli annuncio, chiacchere,conferme e smentite ) e intanto la gente, commerci e lavoratori sono in ginocchio....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Perché è importante che Robinhood stia pensando alla quotazione in borsa
L'app che nel 2020 ha sconvolto Wall Street potrebbe valere più di 30 miliardi, ma non è finita lì
FOTO
ITALIA
1 ora
Un nuovo tesoro a Pompei, e dalla terra sbuca un carro splendido
Si tratta di un cocchio da parata con decorazioni incredibili e che è salvo per un soffio
FOTO
ITALIA
2 ore
Nell'ultimo sabato in giallo, sui Navigli di Milano scatta il rave
Grande movimento, ma anche tanti controlli, nell'ultimo fine settimana prima che la Lombardia torni arancione
FOTO
BIRMANIA
3 ore
Manifestante uccisa da un colpo esploso dalla polizia birmana
Continua l'uso indiscriminato della forza da parte degli agenti per sedare i cortei di protesta in diverse città
ITALIA
6 ore
Sardegna prima in zona bianca: «Ma non è un "liberi tutti"»
Palestre e cinema aperti. L'assessore regionale alla Sanità, però, mette in guardia da un'eccessiva rilassatezza.
FOTO
FRANCIA
6 ore
All'asta un Van Gogh che non avete mai visto
“Scène de rue à Montmartre” era rimasto nascosto in una collezione privata e ci si aspetta sia venduto per milioni
STATI UNITI
9 ore
Vaccini anti Covid: picchi da record per le azioni dei produttori
Moderna e AstraZeneca hanno conosciuto i valori più alti degli ultimi cinque anni. Pfizer ci è andata vicina.
ITALIA
10 ore
«Truffa» milionaria ai danni di un imprenditore arabo: 42enne svizzero arrestato a Venezia
L'operatore finanziario avrebbe sottratto 126 milioni di euro. Era latitante.
BRASILE
13 ore
Il Brasile di fronte alla quarta ondata
L'OMS: «Che sia un monito per tutto il mondo, la pandemia non è finita e ogni rilassamento è pericoloso»
RUSSIA
13 ore
Dzerzhinsky non tornerà davanti al quartier generale dell'intelligence russa
È stato cancellato il referendum sul ripristino del monumento dedicato al fondatore del KGB
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile