Keystone
UNIONE EUROPEA
05.06.20 - 13:550
Aggiornamento : 14:20

L'area Schengen verso la normalità «entro fine giugno»

Parola della commissaria Ue Ylva Johansson, più complessa la situazione per quanto riguarda i paesi esterni

BRUXELLES - «Credo che torneremo al pieno funzionamento dell'area Schengen non più tardi di fine giugno». Lo ha detto la commissaria Ue dell'interno, Ylva Johansson, al termine della videoconferenza dei ministri dell'interno europei.

La commissaria ha sottolineato che per molti Paesi le restrizioni ai movimenti interni all'Ue saranno tolte già il 15 giugno, ma alcuni «dicono di non essere pronti a farlo» e di aver bisogno di valutare ulteriormente la situazione epidemiologica.

«Ho accolto molto favorevolmente il fatto che i Paesi membri stiano togliendo velocemente le restrizioni ai movimenti attraverso le frontiere interne dell'Ue. Gli sviluppi della situazione sono molto buoni e la situazione epidemiologica sta migliorando abbastanza rapidamente»", ha dichiarato Johansson, «Sono necessarie ancora delle misure» di sicurezza per contenere il virus, come il distanziamento sociale, ma «le autorità sanitarie sono chiare: non esiste più una giustificazione per mantenere in vigore le restrizioni dentro l'area Schengen», ha aggiunto la commissaria. 

Questione diversa per quanto riguarda le frontiere con i paesi extra-Schengen, con questi il blocco delle frontiere resterà in vigore almeno fino alla fine del mese.

Lo ha annunciato la presidenza croata al termine della videoconferenza dei ministri dell'interni europei: «Stiamo lavorando a una comunicazione che verrà approvata la prossima settimana», ha confermato Johansson.

«Se i controlli alle frontiere interne dell'Unione dovessero essere tolti entro la fine di giugno, dobbiamo considerare l'eliminazione graduale delle restrizioni ai viaggi non essenziali da Paesi terzi verso l'Ue a inizio luglio», ha detto Johansson.

TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
10 ore
La Cina pone «sfide sistemiche» che preoccupano la Nato
I Paesi dell'Alleanza richiamano Pechino a una maggiore trasparenza e al mantenimento degli impegni presi.
RUSSIA
12 ore
«Non abbiamo l'abitudine di assassinare le persone»
Vladimir Putin ha parlato a ruota libera in un'intervista, tra accuse, risposte ed ironia
STATI UNITI
14 ore
Covid, è in arrivo un nuovo vaccino
È di facile conservazione e le reazioni avverse sembrano essere meno frequenti e meno gravi
REGNO UNITO
16 ore
La variante Delta preoccupa e il Regno Unito ritarda il ritorno alla normalità
La decisione, già presa, verrà confermata oggi da Johnson. L'obiettivo è limitare al massimo una possibile terza ondata
FOTO
GIAPPONE / STATI UNITI
16 ore
Le ceneri di Tojo, un mistero durato oltre 70 anni
L'ex primo ministro giapponese fu condannato a morte per crimini di guerra e giustiziato nel 1948
CINA
19 ore
La Cina risponde al mondo: «Non politicizzate l'origine del virus»
Secondo Pechino, i politici di USA e altri Paesi «fanno accuse irragionevoli contro la Cina»
NEPAL
20 ore
Manca ossigeno, mancano vaccini: al Nepal «serve aiuto urgente»
L'appello di Amnesty International è rivolto sia ai leader locali che alla comunità internazionale
ITALIA
21 ore
La Lombardia saluta il giallo
Altre 6 Regioni italiane accolgono il bianco e salutano gran parte delle restrizioni
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
23 ore
L'invasione della magicicada negli USA, «anche al cioccolato»
L'insetto dagli occhi rossi ha conquistato 15 Stati, e anche una pasticceria del Maryland
MONDO
1 gior
Ecco come è finito il G7 in Cornovaglia
I sette grandi fanno fronte (scomposto) contro le "autocrazie"
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile