Archivio Depositphotos
Immagine generica.
STATI UNITI
03.06.20 - 20:150

Si rifiutano di servire i poliziotti: licenziati in 4

Caos anche nella ristorazione negli States, la vicenda vissuta da Condado Tacos fa discutere

COLUMBUS - Lunedì, almeno quattro dipendenti della catena Condado Tacos sarebbero stati licenziati per aver rifiutato di compiere un ordine effettuato dagli agenti della polizia stradale dell'Ohio.

La Condado Tacos è una catena di ristoranti messicani con sede in Ohio. In generale, i dirigenti si erano mostrati aperti verso le proteste, concedendo anche un periodo di tempo al personale per manifestare. Tuttavia, l'incidente avvenuto in una delle sedi ha lasciato molti dipendenti a disagio.

I rappresentanti del Condado Tacos coinvolto hanno confermato al portale Eater che nella filiale di Polaris si è svolto il fatto incriminato: i dipendenti si sono rifiutati di preparare l'ordine e hanno deciso di andarsene, in protesta, abbandonando il turno. Non hanno però confermato nessun licenziamento.

Nel frattempo, i post su Facebook e Twitter con diversi resoconti di ciò che è avvenuto nel negozio si sono moltiplicati. La storia più condivisa sostiene che i dipendenti siano stati licenziati per aver rifiutato di riempire 250 "Bud Boxes" (dei menù di Tacos) che erano stati «donati» al CPD (Columbus Police Department) da un «manager regionale».

Martedì è poi stato uno dei dipendenti coinvolti a contattare il portale americano per fare chiarezza sulla dinamica: alle 14 di lunedì avrebbero ricevuto un ordine di 500 tacos da parte delle forze dell'ordine. Consultatosi con i colleghi, il giovane ha ammesso di non essersi sentito a proprio agio nel fare quell'ordine dopo aver partecipato alle proteste negli ultimi giorni.

Secondo il racconto del dipendente, la direzione del negozio avrebbe acconsentito al personale che si fosse sentito a disagio di andarsene, senza perdere il lavoro. Tuttavia, a quel punto, un responsabile distrettuale della catena avrebbe informato che chiunque se ne fosse andato sarebbe stato licenziato. Ma mentre il personale salutava i colleghi, il responsabile ha cambiato il tiro, spiegando che non sarebbero stati licenziati, ma che andarsene sarebbe equivalso a dare le dimissioni.

Infine, il dipendente ha spiegato che tutti gli altri dirigenti non erano d'accordo con il capo distrettuale, e che è stata una decisione presa solamente dal distretto. 

La storia continua a far discutere sui social, e non si placano le opinioni sia di chi elogia il comportamento dei dipendenti sia di chi lo trova irrispettoso e poco professionale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 4 sett fa su tio
Fortunatamente di frustrati c’è ne sono pochi in giro.
Franco Barbato 4 sett fa su fb
« Tout le monde déteste la police ! »
lo spiaggiato 4 sett fa su tio
Penso che in molti ristoranti i dipendenti sputano nei piatti dei polotti... questi qua , rifiutandosi di servirli, sono stati più onesti... :-)))))
F/A-18 4 sett fa su tio
@lo spiaggiato Da come scrivi sembra prassi normale sputare nei piatti di chi non è gradito, in questo caso poliziotti ma magari anche chi respinge un piatto perché ha delle mancanze....
Opale Turchese 4 sett fa su fb
🤣🤣🤣🤣
Papy Krishnasamy 4 sett fa su fb
abbandonare la lavoro saranno meriti licenziare
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI / REGNO UNITO
8 min
Caso Epstein: l'FBI vuole parlare con il principe Andrea
Il figlio della regina Elisabetta torna nel mirino degli inquirenti per la sua, presunta, scarsa collaborazione
MONDO
1 ora
Twitter: «Volete il tasto modifica? Mettetevi la mascherina»
Il social lancia un appello per proteggersi dal coronavirus e promette in cambio una funzione a lungo richiesta
SERBIA
2 ore
Coronavirus: a Belgrado è di nuovo «emergenza»
Le autorità municipali hanno reintrodotto diverse restrizioni: orari d'apertura ridotti e mascherine sui mezzi pubblici
FRANCIA
3 ore
Il premier francese si dimette
Edouard Philippe ha rassegnato le dimissioni al presidente Macron, che le ha accettate
BIRMANIA
4 ore
Myanmar: salgono a 162 i morti in miniera
La tragedia è stata provocata dal distacco di una parte della montagna sovrastante.
STATI UNITI
6 ore
Covid, il triste primato americano
Anche le cifre in America Latina sono tornate a mostrare una netta tendenza al rialzo
SVEZIA
6 ore
Il Premier svedese chiede un'inchiesta sulla strategia anti-coronavirus
Sefan Lofven ha detto che la strategia intrapresa ha messo a nudo «le carenze» della Svezia
STATI UNITI
16 ore
Se le extension per i capelli arrivano dai campi di lavoro cinese
E sono fatte con veri capelli umani. Massiccio sequestro da parte delle autorità di New York
REGNO UNITO
16 ore
Nel Regno Unito 15'000 licenziamenti in 3 giorni
Toccati ristorazione, vendita e trasporto aereo. Anche Harrod's tagliera il 14% del personale
SERBIA
18 ore
Le elezioni serbe? «Da Paese antidemocratico»
Lo ha sostenuto Florian Bieber, Direttore degli studi sull'Europa sudorientale all'Università di Graz
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile