keystone-sda.ch (Richard Tsong-Taatarii)
"Non riesco a respirare": le ultime parole di George Floyd
+18
STATI UNITI
27.05.20 - 14:590

Scontri con la polizia per l'uccisione di George Floyd

In migliaia sono scesi in strada a Minneapolis per protestare per la morte dell'ennesimo afro-americano disarmato.

MINNEAPOLIS - Negli Stati Uniti, la rabbia per la morte di un'altra persona afroamericana uccisa senza motivo durante un fermo di polizia ha portato migliaia di dimostranti in strada a Minneapolis, dove si sono registrati scontri con le forze di sicurezza.

Radunatisi per protestare per l'uccisione del 46enne Goerge Floyd avvenuta lunedì, i manifestanti hanno sfilato pacificamente dal luogo dell'omicidio al Dipartimento di polizia del terzo distretto. Qui, però, la tensione è presto sfociata in violenza. 

Come riporta lo Star Tribune, i dimostranti hanno danneggiato l'edificio e alcune auto di servizio e hanno lanciato pietre e bottiglie alla volta degli agenti in tenuta antisommossa. La polizia ha risposto con l'impiego di gas irritanti, granate stordenti e proiettili di gomma. I manifestanti si sono dispersi poco dopo le 21 (le 4 di mercoledì mattina in Svizzera).

Il video del fermo di Floyd che, disarmato, lamenta di non riuscire a respirare a causa del ginocchio di un agente che gli preme sul collo per tenerlo a terra ha suscitato grande indignazione negli Stati Uniti. Quattro poliziotti sono stati immediatamente licenziati, ma i dimostranti chiedono pene esemplari. Il sindaco di Minneapolis, Jacob Frey, ha affermato che il fatto di essere afro-americano «non dovrebbe equivalere a una condanna a morte».

keystone-sda.ch (CRAIG LASSIG)
Guarda tutte le 22 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile