Keystone
MYANMAR
24.05.20 - 20:350

«Fermata la persecuzione dei Rohingya»

La Birmania ha assicurato all'Aja di aver messo fine a ogni atto persecutorio contro la minoranza musulmana.

Il rapporto risponde a una richiesta fatta dalla Corte penale lo scorso gennaio quando il tribunale ha accolto un'istanza di "genocidio" depositata dal Gambia.

NAYPIDAW - La Birmania assicura di aver messo fine a ogni atto persecutorio contro la minoranza musulmana dei Rohingya in un rapporto depositato presso la Corte penale internazionale (Cpi) dell'Aja, che aveva raccomandato alla Birmania di dimostrare di voler tutelare la minoranza dopo aver iniziato un'indagine per "genocidio".

Nel rapporto il governo birmano afferma di aver ordinato ai militari di far cessare ogni atto di violenza, vietando loro di distruggere le prove e proibendo anche l'odio etnico. I contenuti del documento sono stati anticipati da una fonte, che ha chiesto l'anonimato, del ministero degli esteri birmano all'agenzia di stampa turca Anadolu.

Il rapporto, dice la fonte, riporta tre direttive impartite in aprile dal presidente Win Myint ai militari, accusati dagli osservatori di essere gli autori delle violenze, che hanno obbligato alla fuga nel vicino Bangladesh oltre 750.000 Rohingya, e del governo locale dello stato di Rakhine. La prima direttiva impone di non distruggere prove eventuali di genocidio, la seconda d'impedire a chiunque di compiere atti di violenza e atti di genocidio contro i Rohingya e la terza d'impedire i discorsi d'odio nei loro confronti.

Il rapporto depositato risponde alla richiesta della Corte penale alla Birmania di dimostrare di voler proteggere la minoranza, dopo che lo scorso gennaio il tribunale ha accolto un'istanza di "genocidio" depositata dal Gambia: accusa che la Birmania nega, come ha voluto assicurare di persona la leader de facto Aung San Suu Kyi, volata all'Aja lo scorso dicembre.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
2 ore
Green Pass per i lavoratori, via libera all'unanimità
La misura entrerà in vigore a partire dal 15 ottobre
ITALIA
4 ore
Berlusconi respinge la visita psichiatrica: «Lesiva della mia onorabilità»
Il leader di Forza Italia respinge la richiesta dei giudici milanesi: «Si proceda in mia assenza»
AFGHANISTAN
8 ore
La fuga di Ghani? Ha rovinato l'accordo con i talebani
Lo sostiene il rappresentante speciale Usa Zalmay Khalilzad
FOTO
Francia
9 ore
Personale sanitario: sospesi in 3'000 perché senza vaccino
L'entrata in vigore della misura ha generato diverse manifestazioni anti-pass. Decine le richieste di dimissioni
Francia
12 ore
Temporali nel sud, nove morti
Nonostante le condizioni meteorologiche avverse, in molti avevano comunque deciso di andare al mare
MALI / FRANCIA
13 ore
È stato neutralizzato il capo jihadista Al-Sahrawi
Al-Sahrawi era a capo dello Stato islamico del Gran Sahara, sulla sua testa c'era una taglia da 5 milioni
VATICANO
13 ore
Papa Francesco, i cardinali No Vax...e quello infetto
Bergoglio ha dichiarato che si tratta di una minoranza e che «bisogna aiutarli», poiché «hanno paura»
STATI UNITI
15 ore
Assume un killer per farsi uccidere, ma sopravvive
Un legale della Carolina del Sud voleva che il figlio incassasse l'assicurazione sulla vita da 10 milioni
STATI UNITI
1 gior
Bambini affetti da Covid-19, è boom a settembre
Rari i ricoveri, ma gli esperti mettono in guardia: «Bisogna studiare le conseguenze a lungo termine»
ITALIA/SVIZZERA
1 gior
L'accoltellatore di Rimini «a carico» della Svizzera?
Il governo italiano chiede a Berna di accogliere il somalo che ha aggredito quattro donne e un bambino, sabato sera
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile