keystone-sda.ch (LI KE)
Nell'ultimo mese in Cina non si è praticamente registrato alcun decesso per Covid-19.
CINA
15.05.20 - 11:490
Aggiornamento : 14:00

Un mese praticamente senza morti per Covid-19 in Cina

L'ultimo decesso è stato comunicato dalla Commissione sanitaria nazionale il 15 aprile

PECHINO - È praticamente da un mese che la Cina non segnala decessi a causa della pandemia di coronavirus. Il bilancio ufficiale parla di 4633 morti.

L'ultimo decesso è stato comunicato dalla Commissione sanitaria nazionale il 15 aprile, quando il bilancio parlava di 3342 vittime. Il 17 aprile poi Wuhan, la megalopoli della provincia di Hubei in cui si è inizialmente manifestato il coronavirus, ha corretto a sorpresa il bilancio, con altri 1290 decessi che non erano stati fino ad allora registrati e che hanno portato il totale - solo in questa città - a 3869 morti.

In tutto il gigante asiatico il bilancio complessivo è così salito a 4632 morti. Il 27 aprile poi è stato aggiornato a 4633 vittime, dopo che è stato rivisto il numero dei decessi a Pechino. Anche oggi la Commissione sanitaria nazionale ha confermato quest'ultimo bilancio.

La Cina rivendica trasparenza - La Cina rivendica "trasparenza" nella gestione delle prime fasi dell'epidemia di coronavirus e afferma di non aver mai impedito visite di esperti dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nei laboratori di Wuhan durante la loro presenza in Cina a gennaio e febbraio scorsi.

«Gli esperti dell'Oms non hanno fatto richiesta di visitare laboratori specifici (il riferimento è al laboratorio P4 di Wuhan) durante la loro permanenza a Wuhan, quindi non è esatto dire che la Cina si è rifiutata di portarli in certi laboratori», ha dichiarato un funzionario del Dipartimento internazionale della Commissione sanitaria nazionale, Li Mingzhu, in dichiarazioni riportate dal China Daily.

Pechino - ha ribadito, citato dall'agenzia ufficiale Xinhua - sostiene il ruolo di guida dell'Oms nella battaglia globale contro la Covid-19. «Abbiamo condiviso informazioni sulla pandemia con l'Oms e la comunità internazionale in modo aperto, trasparente e responsabile sin dall'inizio dell'epidemia», ha insistito Li durante una conferenza stampa a Pechino organizzata dal Consiglio di Stato.

Gli esperti dell'Oms, ha detto, «hanno visitato strutture mediche, anche laboratori», e hanno avuto «contatti intensi» con esperti cinesi durante una visita a Wuhan tra il 20 e il 21 gennaio. Poi, ha proseguito, dal 16 al 24 febbraio la Missione congiunta Oms-Cina ha «cercato di comprendere la situazione dell'epidemia» nella Repubblica Popolare, la «risposta, le terapie, la relativa ricerca scientifica» con visite sul campo a Pechino e nelle province di Sichuan, Guangdong e Hubei, dove si trova Wuhan. «Gli esperti - ha concluso Li - hanno offerto suggerimenti validi e costruttivi sulla prevenzione e il controllo dell'epidemia per la Cina e il resto del mondo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
2 ore
Cardiochirurgo con sintomi causa un maxi focolaio
Il professionista ha continuato a visitare e a operare, ora tutti i contagiati sono in isolamento
STATI UNITI
2 ore
La terza dose neutralizza la variante Omicron
Uno studio condotto da Pfizer lo dimostra. Aumenterebbe gli anticorpi fino a 25 volte
MONDO
LIVE
Omicron «potrebbe avere un impatto importante sulla pandemia»
Il vaccino non dovrà mai essere somministrato con la forza, secondo l'Onu.
GIAPPONE
6 ore
Un miliardario alla conquista della ISS
Yusaku Maezawa ha finanziato totalmente il viaggio turistico nello spazio.
MONDO
10 ore
I vaccini sono efficaci con Omicron? «Non c'è alcuna ragione per dubitarne»
Secondo Pfizer la terza dose sarebbe in grado di neutralizzare la variante
BANGLADESH
12 ore
Studente ucciso, condannate a morte 20 persone
Il ragazzo fu aggredito a colpi di mazza nel 2019 per aver criticato il governo
GERMANIA
1 gior
Dalla paura alla strage, così si è svolto il dramma di Brandeburgo
Una coppia e i loro tre bambini sono stati trovati morti in casa nel fine settimana
EGITTO
1 gior
Patrick Zaki sarà scarcerato (ma non assolto)
La conferma oggi da parte delle autorità egiziane che confermano come il processo si farà, ma a febbraio 2022
STATI UNITI
1 gior
Quel processo da 50 miliardi al sedicente creatore dei Bitcoin
Si è tenuto a Miami e ha visto sul banco degli imputati un informatico australiano 46enne che sostiene di averli creati
LE FOTO
FRANCIA
1 gior
L'esplosione e poi il crollo, in piena notte
All'origine del crollo, informano i pompieri, potrebbe esserci stata una fuga di gas
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile