NASA/JPL-Caltech
Una rappresentazione degli Asteroidi troiani di Giove.
STATI UNITI
15.05.20 - 21:310

La missione della NASA: colpire un asteroide per deviarlo dal proprio percorso

Una missione con lo scopo di comprendere la possibilità di deviare un asteroide, allontanandolo dal nostro pianeta

La prima prova di un tale impatto causerà una pioggia di meteoriti (artificiali), che ha alzato il dibattito sui detriti presenti nell'orbita terrestre

WASHINGTON - Un test, un tentativo pratico per scoprire se siamo in grado di deviare un asteroide da un impatto catastrofico con il nostro pianeta.

È lo scopo della missione "Double Asteroid Redirection Test" (DART) della NASA, pianificata a cavallo tra il 2021 e il 2022. L'idea è quella di lanciare una navicella nello spazio e schiantarla contro un asteroide con un'energia equivalente a tre tonnellate di dinamite, per fargli cambiare il proprio percorso.

L'obiettivo della NASA si chiama Didymos, una coppia di asteroidi che viaggia insieme intorno al sole. DART punta a colpire il più piccolo dei due (chiamato Didymoon), che misura circa 150 metri di diametro e orbita attorno all'asteroide più grande.

L'impatto dovrebbe cambiare l'orbita di Didymoon in modo abbastanza ampio da essere rilevato dai telescopi sulla Terra. Se avrà successo, la missione potrebbe confermare che la migliore difesa dell'umanità contro l'arrivo di un asteroide è quella di scaraventarlo in un'altra orbita lontana dal nostro pianeta.

La missione è al centro del dibattito in questo momento a causa di un articolo pubblicato sulla rivista The Planetary Science Journal, e ripreso dal Ny Times, che indica che l'impatto con l'asteroide potrebbe produrre la prima pioggia di meteoriti artificiale, ovvero causata dalle attività umane nello spazio. Da un lato, l'osservazione di tale pioggia permetterebbe agli scienziati di studiare la composizione degli asteroidi vicini alla Terra, d'altra parte, potrebbe essere pericolosa perché aumenterebbe la quantità di detriti spaziali attorno al nostro pianeta.

Secondo Aaron Boley, astronomo dell'Università della British Columbia, le future attività umane nello spazio, come l'estrazione mineraria di asteroidi vicino alla Terra o gli ulteriori test di difesa planetaria, potrebbero liberare diverse quantità di materiale che finirebbe nell'orbita terrestre.

In questo senso, la missione DART potrebbe essere un'opportunità per capire come determinate modifiche alle tempistiche del lancio sarebbero in grado di evitare che i detriti raggiungano la Terra, creando un precedente fondamentale per delle attività future più pulite e più sicure. 

Tuttavia, la NASA sostiene che la tempistica dell'impatto è dettata da fattori come la dinamica orbitale e la comunicazione con la Terra, e la data prevista permette anche una visualizzazione ottimale da parte degli osservatori dalla Terra, e non sarebbe quindi possibile riprogrammarla senza compromettere la missione.

Il Dr. Paul Wiegert, autore dello studio e professore di astronomia alla University of Western Ontario, sostiene che le future missioni riguardanti gli asteroidi dovrebbero tenere in considerazione la questione dei detriti, così come le missioni più vicine alla Terra dovrebbero pianificare meglio la gestione dei rottami spaziali che lasciano in orbita. Infatti, l'elevato numero di flussi di meteoriti che verrebbero rilasciati nel sistema solare potrebbe diventare un pericolo concreto in un futuro non troppo lontano.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
MIM 1 anno fa su tio
Questi hanno letto troppe storie di Zio Paperone del fumetto Topolino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AUSTRALIA
1 ora
È finito il lockdown più lungo del mondo
Gli abitanti dello Stato di Victoria da oggi possono lasciare la propria abitazione. Levato anche il coprifuoco
STATI UNITI
4 ore
I resti umani sono quelli di Brian Laundrie
Il corpo trovato ieri in una riserva naturale della Florida è quello dell'ex-fidanzato, e assassino, di Gabby Petito
STATI UNITI
5 ore
Un morto e un ferito sul set, a sparare è stato Alec Baldwin
Il dramma sarebbe legato a una pistola usata sul set che avrebbe dovuto essere caricata a salve
Corea del Sud
13 ore
Per i sudcoreani Squid Game è tutti i giorni
La serie Netflix non si discosta poi tanto dalla realtà: i sudcoreani hanno un debito pro-capite pari a 44'000 dollari
UNIONE EUROPEA
15 ore
Senza vaccino e Green pass il Covid dilaga
L'incubo della pandemia è tornato soprattutto nelle nazioni a bassa percentuale di vaccinati e con poche restrizioni.
Germania
16 ore
Volevano formare un gruppo di mercenari, arrestati due soldati tedeschi
Cercavano di assoldare 150 soldati e avevano tentato di contattare l'Arabia Saudita per avere un sostegno economico
MONDO
19 ore
Come per l'influenza, il freddo influisce anche sul Covid
È quanto emerge da uno studio quantitativo dell'Istituto di Barcellona per la salute globale.
ITALIA
22 ore
Boom di certificati medici per dribblare il "green pass"
Dall'entrata in vigore dell'obbligo, lo scorso 15 ottobre, le cifre sono decollate. Quella delle vaccinazioni molto meno
AUSTRALIA
1 gior
Un milione per ritrovare Cleo Smith
L'ipotesi della polizia è che sia stata rapita: la cerniera della tenda era troppo alta per la bambina
STATI UNITI
1 gior
Trovati resti umani e oggetti appartenenti al fidanzato di Gabby Petito
Bisognerà attendere l'autopsia per stabilire se il corpo appartiene veramente a Brian Laundrie, scomparso da 37 giorni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile