Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (WAEL HAMZEH)
LIBANO
28.04.20 - 10:110

Scontri per il carovita: un morto

Manifestazioni nella città portuale di Tripoli. L'esercito è intervenuto per disperdere i dimostranti.

TRIPOLI - Violente proteste e scontri tra manifestanti ed esercito si sono verificati nelle ultime ore a Tripoli, nel nord del Libano, e nelle cittadine della sua periferia settentrionale nel contesto dell'esasperazione popolare per il carovita e la corruzione politica.

L'agenzia governativa libanese Nna parlava inizialmente di sei feriti e di diversi distributori automatici e sedi di banche danneggiati sia a Tripoli sia nelle località vicine. Un giovane libanese è morto stamani in ospedale a seguito delle lesioni riportate.

L'esercito è intervenuto per disperdere i dimostranti, che hanno lanciato bombe carta e bottiglie incendiarie. Tripoli è da mesi uno degli epicentri delle proteste popolari scoppiate senza precedenti nel paese a ottobre scorso.

Dopo che domenica scorsa un ordigno esplosivo aveva danneggiato la sede di un istituto di credito nella cittadina meridionale di Bint Jbeil, la rabbia popolare si è scagliata a Tripoli contro le banche, percepite come responsabili del rincaro dei prezzi dopo aver deciso di limitare da novembre scorso il prelievo dei dollari statunitense.

La valuta americana è stata fino all'autunno scorso e per più di 20 anni usata in ogni tipo di transazione commerciale alla pari della lira libanese. Questa nel corso di pochi mesi ha visto crollare il suo valore (da 1'500 a 4'000 lire per un dollaro). A marzo, il governo ha ufficialmente ammesso il default finanziario del paese.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
TAGIKISTAN
1 ora
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
8 ore
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
13 ore
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
16 ore
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
ITALIA
19 ore
Berlusconi sempre in ospedale (e di pessimo umore)
Pochissime le visite, ma segue gli sviluppi dell'elezione del presidente della Repubblica
FRANCIA
23 ore
Quel triangolo viola voluto dal Reich
La storia di Simone Arnold e della sua famiglia, per far luce sulle persecuzioni tedesche dei testimoni di Geova
MEDIO ORIENTE
1 gior
La neutralità della "Svizzera dell'Arabia" è sotto attacco
L'Oman si definisce neutrale, e intende tentare di risolvere qualsivoglia conflitto con colloqui di pace e diplomazia
GERMANIA
1 gior
Diversi governi hanno sfruttato la pandemia per opprimere i diritti umani
«Molti leader hanno usato la pandemia di Covid-19 come pretesto per ridurre la supervisione e la responsabilità»
ITALIA
1 gior
Quirinale, niente di fatto anche oggi
Le schede bianche sono state la costante anche della seconda votazione
GERMANIA
1 gior
Il 18enne che ha sparato ai compagni «avrebbe potuto fare una strage»
«Le persone devono essere punite» aveva scritto al padre via Whatsapp, pochi minuti prima
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile