IP
+2
ITALIA
27.04.20 - 06:000

Una “spesa sospesa” lasciata a chi ha davvero bisogno

Usciti dal supermercato lasciare fuori qualcosa per chi è in difficoltà, una bella iniziativa pensata per i più deboli

di Redazione
Irene Panighetti

BRESCIA - Generosità e solidarietà spontanea sono alla base della “spesa sospesa”, un’iniziativa che negli ultimi giorni si è diffusa in tutto il territorio bresciano (ma non solo), prendendo il nome dalla tradizione napoletana del “caffè sospeso”, ovvero un caffè pagato e lasciato da consumare ad un cliente sconosciuto e indigente.

Oltre alle realtà religiose (dalle chiese ai numeri centri islamici distribuiti in tutta quella che è la più estesa provincia lombarda), i protagonisti sono i piccoli esercenti di alimentari, qualche supermercato e gli organi istituzionali di partecipazione diretta dei cittadini (quali i Consigli di quartiere e i Punti comunità).

Soggetti che hanno posizionato un carrello della spesa fuori dal proprio negozio o in certi punti di riferimento territoriale dove tutti possono mettere dei prodotti, così come tutti possono prelevarne, all’insegna del motto «Chi può metta, chi ne ha bisogno prenda».

La risposta è stata subito ottima, anche perché la crisi economica si sta facendo sentire anche nella zona che è sì ancora la più ricca d’Italia, ma che presenta oggi un diffuso impoverimento, dovuto al fermo o al rallentamento delle attività lavorative.

Da segnalare che a Brescia, città insieme a Bergamo, dove si è verificato il maggior numero di morti da coronavirus, sono molti gli immigrati che donano cibo e beni di prima necessita a tutti e non solo alle persone della stessa provenienza geografica.

Certo, in occasione dell’inizio di un inedito Ramadan a porte chiuse, per ora chi ha usufruito del regalo è stato in maggior parte di origine non italiana, ma non esclusivamente: anche anziani e disoccupati si sono presentati ai carrelli, non solo per ritirare ma anche per portare, magari una semplice scatoletta di fagioli, ma che per chi è in difficoltà rappresenta comunque un dono prezioso.

 

IP
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
7 ore
Non sei vaccinato? Non fai la spesa
In Assia ogni rivenditore potrà scegliere se far rispettare la regola del 2G o del 3G
REGNO UNITO
10 ore
«Sono scioccato, era un amico e un uomo gentile»
Il premier ha commentato l'aggressione che ha portato alla morte del suo collega di partito Amess
REGNO UNITO
13 ore
Essex, deputato accoltellato a morte da uno sconosciuto
David Amess, 69 anni, è stato colpito più volte dal suo aggressore. La polizia ha già arrestato un 25enne
LE FOTO
ITALIA
15 ore
«No Green Pass!», «Libertà!», in seimila a protestare al porto di Trieste
Nonostante i disagi, per il momento le operazioni portuali proseguono, ha confermato il Presidente della regione
AFGHANISTAN
16 ore
Tre esplosioni in moschea, un'altra strage di sciiti
Un altro massacro tra i fedeli sciiti: la preghiera del venerdì è ormai nel mirino dei terroristi
STATI UNITI
18 ore
Uccise un'amica nel 2000, condanna a vita per il milionario Robert Durst
Vent'anni dopo il delitto, l'ormai 78enne è stato condannato al carcere a vita
KENYA
21 ore
Uccisione dell'atleta Agnes Tirop, arrestato il marito
L'uomo, unico sospettato dell'omicidio, stava tentando di lasciare il Paese. È stato arrestato a Mombasa
ITALIA
1 gior
Senza il Green Pass si prospetta un venerdì nero
Da venerdì in Italia per lavorare bisogna mostrarlo, sono previsti disagi e forse anche scaffali vuoti nei supermercati
FOTO
NORVEGIA
1 gior
«È una persona gravemente malata»
Alcuni conoscenti raccontano la storia del 37enne danese, che ieri ha ucciso cinque persone utilizzando arco e frecce.
MONDO
1 gior
La lunghissima "lista nera" di Facebook
Nell'elenco ci sono più di 4'000 fra individui, gruppi e organizzazioni che i vertici del social considerano pericolosi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile