keystone-sda.ch / STF (STEPHANIE LECOCQ)
REGNO UNITO
24.04.20 - 22:140

Senza il Covid-19 «avrebbero vissuto in media 10 anni in più»

Il calcolo effettuato sulle vittime italiane da uno studio dell'Università di Glasgow

GLASGOW - Ogni giorno vediamo crescere il bilancio, sempre più impressionante, di vittime provocate dalla pandemia di Covid-19. Secondo uno studio effettuato dai ricercatori dell'Università di Glasgow c'è però un altro indicatore che potrebbe misurare meglio la durezza dell'impatto di questo flagello ed è riassumibile con una domanda: quanti anni di vita ha cancellato il coronavirus alle sue vittime?

Per trovare una risposta, i ricercatori scozzesi hanno preso in esame i dati delle vittime registrate in Italia (che è attualmente il secondo Paese più colpito al mondo, con quasi 26mila decessi). E hanno scoperto che se le persone decedute non avessero contratto il Covid-19 avrebbero potuto vivere, in media, circa 10 anni in più.

«Dato che la maggioranza delle persone morte con il Covid sono anziane e affette da malattie pregresse, alcuni hanno pensato che il numero di anni persi a causa della malattia fosse relativamente basso», ha spiegato il dottor David McCallister, a capo del team di ricerca. Le cifre invece suggeriscono una differenza che «appare simile a quelle di alcune cardiopatie coronariche».

Lo studio - in attesa di revisione paritaria - è stato pubblicato sulla piattaforma Wellcom Open Research e i suoi risultati, ha sottolineato McAllister, «sono importanti affinché i governi e la popolazione non sottovalutino gli effetti del Covid-19 sulle persone colpite».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mag 7 mesi fa su tio
Gli studi inutili (arraffafondi) si moltiplicheranno esponenzialmente al fine di riversare sibillinamente sempre più denaro e potere nella big pharma.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LUGANO
23 min
Il peso delle parole quando si parla di violenza sulle donne
Quanto sono sensibili i mass media nell'utilizzare i termini appropriati senza finire per ferire le vittime?
ITALIA
7 ore
Il lockdown totale «non ha più senso»
La posizione del professor Ranieri Guerra dell'Oms sull'evoluzione della seconda ondata, in Italia e in Europa
ITALIA
13 ore
Covid, l'Italia supera i 50mila decessi
Le vittime nelle ultime 24 ore sono state 630. Quasi 23mila i nuovi contagi
STATI UNITI
14 ore
Covid nei bambini? Solo il 4% dei test è positivo
Lo rivela uno studio su vasta scala pubblicato dalla rivista JAMA Pediatrics
STATI UNITI
15 ore
Trump vorrebbe un'alleanza anti cinese
Lo riferisce il Wall Street Journal. L'intesa informale sarebbe volta a contrastare le pressioni commerciali di Pechino.
ITALIA
16 ore
Italia verso un inverno senza discese sulla neve, ma le regioni non ci stanno
La Lombardia: «Mentre si scierà in Svizzera, in Austria e in Francia secondo il Governo qui dovrà essere tutto chiuso».
MONDO
17 ore
Il Covid non ha pulito l'aria
Gas serra e polveri sottili continuano ad aumentare, al contrario di come inizialmente si era sperato
ITALIA
17 ore
Vigili urbani fanno sesso nell'auto di servizio
La coppia ha però dimenticato di spegnere la radio e la centrale ha sentito tutto. Ora i due sono sotto inchiesta
REGNO UNITO
19 ore
200 milioni di dosi del vaccino Oxford-AstraZeneca pronte per la fine dell'anno
I 20 centri di produzione sparsi per il mondo ne potranno sfornare fino a 200 milioni al mese
ITALIA
19 ore
Quei milioni di italiani messi in ginocchio dal coronavirus
Incertezza, buste paghe magre o svanite nel nulla, il triste bilancio al di là del Covid-19
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile