Keystone
GERMANIA
22.04.20 - 16:320

Tutti gli Stati tedeschi introducono l'obbligo di indossare la mascherina

Bisognerà indossare la protezione naso-bocca sui mezzi di trasporto pubblici e nei negozi

Mancava solo lo Stato di Brema, la misura entrerà in vigore da lunedì 27 aprile

BERLINO - Tutte le regioni tedesche hanno deciso di introdurre l'obbligo di indossare la mascherina sui trasporti pubblici e nei negozi.

Nella lotta contro un'ulteriore diffusione del coronavirus, nel timore principale di una seconda ondata, le persone in tutti gli Stati federati tedeschi devono ora prepararsi ed essere pronte a indossare le mascherine igieniche a partire da lunedì 27 aprile.

L'ultimo stato della Germania mancante, Brema, ha oggi infatti annunciato l'obbligo di indossare una protezione per coprire la bocca ed il naso in determinate circostanze. La legge verrà votata venerdì ed entrerà in vigore da lunedì. La conferma arriva da un portavoce del Governo dello Stato nel nord del Paese al portale Spiegel.

Con Brema, l'obbligo di mascherina di protezione varrà in tutti i 16 Länder federali. L'obbligo si applica al traffico locale e allo shopping, quindi mezzi pubblici, supermercati e negozi, con molte poche eccezioni.

Solo nella capitale tedesca Berlino e nello Stato di Brandeburgo, esclusa Potsdam, la protezione della bocca e del naso sarà obbligatoria a partire da lunedì solo sui mezzi di trasporto pubblico. D'altra parte, quando si visitano i negozi l'uso delle maschere è «fortemente raccomandato» ai cittadini.

In generale, i negozi e i supermercati non dovranno fornire maschere per le persone che si presentano senza. I clienti dovranno assicurarsi di portare sempre con sé una protezione per la bocca e il naso. Anche maschere in tessuto fatte in casa o, in caso di emergenza, sciarpe o foulard sono sufficienti se coprono il naso e la bocca.

A chi non rispetta l'obbligo non è consentito l'accesso ai negozi e ai mezzi pubblici. Per il momento non sarebbe prevista anche una multa.

Secondo le ultime stime, in Germania ci sono stati 146'800 casi di Covid-19, e 4'969 decessi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-18 1 anno fa su tio
Ma chi l’ha detto che una mascherina va buttata ogni tot ore? Io le appendo e dopo due o tre giorni di stagionatura la riutilizzo, il COVID-19 , sempre che esista, muore prima. Se ognuno smettesse di sputacchiare in giro il problema, sempre che di problema si tratti, sarebbe già risolto. La questione invece è che ci vogliono contagiare piano piano un po’ tutti così da far funzionare bene il settore sanitario, le casse AVS e le case anziani che riprendono ad avere letti a sufficienza.
MIM 1 anno fa su tio
@F/A-18 Certo che ci vogliono contagiare tutti pian piano, è questo il modello scelto dalla Svizzera. State chiusi e uscite al nostro comando e chi diciamo noi. In questo modo vi hanno messo nel sacco, anche grazie alla fobia che ha fatto presa facilmente nella popolazione ticinensis. I letti di cura intensa preparati (ottimo, niente da dire, complimenti a tutti) sono subito apparsi in soprannumero. Per le mascherine, quelle usa e getta (quelle azzurre che si vedono in giro) non devono superare le 2-3 ore di utilizzo continuo. Lo dicono i produttori e gli esperti sanitari, ed è così.
sedelin 1 anno fa su tio
certo! é l'obbligo che rende la questione problematica. si toglie la libertà e la responsabilità individuale per imporre, come si fa nei paesi totalitari. l'arroganza non consiste nel "credersi diversi" ma nell'affrontare i temi con obblighi e/o divieti.
sedelin 1 anno fa su tio
@sedelin RISPOSTA a spank77 (le risposte vanno sempre a finire nel posto sbagliato! :( )
vulpus 1 anno fa su tio
Mi sembra una polemica inutile. Visto che sono disponibili ,ognuno le utilizza e basta. Non ci sono poi così tante occasioni di incrociare persone a poca distanza. Sì nei negozi, ma non penso che la gente vada tutti i giorni nei negozi. O che le persone passino tutta la giornata sui mezzi pubblici. Ci sono ben altre decisioni, in corso che preoccupano in Ticino e forse meno nel resto del paese. Questa pseudo commissione del cantone che spinge a far riaprire le scuole, senza aver conoscenza delle problematiche che trascina questa operazione, sia nell'ambito delle scuole vere e proprie, sia nelle mense che nei trasporti. Abbiamo due prese di posizioni contrarie e importanti: i sindaci delle città sono molto prudenti e anzi contrari a imbarcarsi in tale avventura. (tranne Bellinzona, ma quì ci sono situazioni politiche particolari). Ma a chi continua a portare come giustificazione che vanno a lavorare e non sanno dove piazzare i figli, non devono dimenticare che dopo un mese il problema si ripresenta. C'è poi una indicazione importante di un numero notevole di medici e pediatri che raccomandano vivamente di non riaprire.
Maxy70 1 anno fa su tio
Bene! Almeno se i Germanici iniziano a prendere le cose sul serio, vuol dire che effettivamente è una cosa seria (!!!), non come quando sono i Ticinesi a frignare! Da attendersi che oltre Gottardo sosterranno il Ticino, invece di trattarci da visionari. Ricordiamo che la mortalità in Ticino, in rapporto ai contagiati è DOPPIA della media Svizzera.
sedelin 1 anno fa su tio
POVERACCI!
spank77 1 anno fa su tio
@sedelin Sei sicuro che sono loro I Poveracci...da Svizzero dico che ne ho abbastanza di questa arroganza Svizzera di credersi diversi o un passo Avanti dagli altri… Nei luoghi chiusi dove distanza non è possibile (come ieri all'apertura dei centri giardinaggio, tipo Black Friday...), treni, bus....: - Francia: consigliata - Germana: obbligatoria - Belgio: obbligaroria -Austria: Obbligatoria -Svizzera (al centro di queste nazioni): non obbligatoria, non consigliata Se questa non è credersi "diversi" dagli altri….
sedelin 1 anno fa su tio
@spank77 u tio certo! é l'obbligo che rende la questione problematica. si toglie la libertà e la responsabilità individuale per imporre, come si fa nei paesi totalitari. l'arroganza non consiste nel "credersi diversi" ma nell'affrontare i temi con obblighi e/o divieti
Mag 1 anno fa su tio
A tutti quelli che si "immolano" all'inno della "mascherina obbligatoria": voi ovviamente sapete che se le mascherine non vengono cambiate ogni 5 ore, vengono toccate con le mani (se non sugli elastici), vengono appoggiate da qualsiasi parte, vengono tenute al collo, in testa, col naso di fuori, poi non sono più utilizzabili quali Dispositivi Individuali di Protezione, vero? Voi ovviamente sapete bene cosa sia l'ipercapnia, vero?! Buffoni!
Lucadue 1 anno fa su tio
La mascherina io la indosso per cortesia. Non so se sono asintomatico né se lo sono gli altri, so che se mi va uno starnuto o un colpo di tosse non spando goccioline.
fakocer 1 anno fa su tio
Occorre mettere un puntino sugli "i". La distanza sociale per esempio distanzia il sottoscritto uperari che lavura sett dì per pochi denari da quella leggiadra fanciulla che fa strage di allenatori a suon di milioni, nel qual caso la mascherina non entra nel contesto dei metri di separazione. La distanza fisica è la definizione precisa ed indiscutibile, inizia dalla maschera bucco-nasale e si completa con le quattro mura di casa. Finirà male? Spero non sìano i posteri a dar l'ardua sentenza, Finirà bene? Tutt'e quanti a cantare "Una mattina mi sono alzatooo... e più non c'era l'invasor!
MEO 1 anno fa su tio
Uuhhhh!
miba 1 anno fa su tio
Quando scarseggiavano il loro uso non era poi così importante. Poi sono arrivate in gran quantità ed ora vige l'obbligo della mascherina.... Dove finisce la verità e comincia l'ipocrisia?
Mag 1 anno fa su tio
@miba La domanda corretta sarebbe: dove inizia e finisce l'ipocrisia? L'ovvia risposta: l'ipocrisia è dappertutto.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LE IMMAGINI
EUROPA
2 ore
Dove non piove, brucia: fiamme in Turchia, Grecia, Italia
L'Europa mediterranea nella stretta dei roghi: le alte temperature non danno tregua ai pompieri.
ITALIA
4 ore
Balzo dei contagi negli uomini under 40: «È l'effetto Europei»
È l'analisi contenuta nell'ultimo rapporto di aggiornamento Epidemia COVID-19 dell'Istituto superiore di sanità
ITALIA
6 ore
Botte a un passante perché pensavano fosse un ladro, denunciati tre svizzeri
Credevano avesse rubato loro uno zainetto, ma in realtà non c'entrava nulla
REGNO UNITO
7 ore
Rischio Delta, gli esperti consigliano il vaccino alle donne in gravidanza
Le future mamme ricoverate hanno maggiori probabilità di contrarre la polmonite
CINA
9 ore
Il virus torna a circolare in Cina
I contagi, dovuti alla variante Delta, si sono già diffusi in cinque province e almeno 13 città
TURCHIA
14 ore
Una famiglia sterminata dai vicini
Sette persone uccise in un attacco legato ai diritti di pascolo. Ma sullo sfondo tensioni razziali
SPAGNA
1 gior
Salva la bimba di 2 anni trovata vicino ai genitori morti
Sono stati gli abitanti della zona a chiamare la polizia, allertati dall'auto in fiamme.
ITALIA
1 gior
La Delta in Lombardia: «Zero decessi tra i vaccinati»
Il coordinatore della campagna vaccinale Bertolaso: «È il punto su cui bisogna insistere. Il vaccino è fondamentale»
GERMANIA
1 gior
Test negativo obbligatorio (da domenica) per entrare in Germania
L'entrata sarà consentita anche a chi può dimostrare di essere vaccinato completamente o di essere guarito dal Covid
MONDO
1 gior
Anche la migliore di sempre può crollare
Invincibile ma fragile. Il caso di Simone Biles ha riportato i riflettori sul problema della salute mentale nello sport
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile