Keystone (archivio)
Troppo presto per tornare sui banchi di scuola?
NUOVA ZELANDA
21.04.20 - 10:430

Le scuole possono riaprire: per il governo il rischio è basso

Via libera dal 29 aprile in Nuova Zelanda. I servizi per l'infanzia però non ci stanno

WELLINGTON - In Nuova Zelanda le scuole potranno riaprire a partire dal prossimo 29 aprile. Nel Paese oceanico - che conta poco meno di 5 milioni di abitanti - l'ondata epidemica sta facendo segnare un deciso rallentamento, con il numero di casi positivi attivi in diminuzione dal 9 aprile.

A partire da ieri, il livello di allerta è stato declassato da quattro a tre. E secondo un documento pubblicato dal Ministero della salute neozelandese - che prende in considerazione alcune esperienze estere -, la chiusura delle scuole e, più in generale, delle strutture preposte ad accogliere i bambini avrebbe avuto un impatto minimo nel ridurre il tasso di contagio da Covid-19. «Lo scenario migliore suggerisce una riduzione del 2-4%».

Per questo motivo - considerando «l'incertezza dei benefici effettivi della chiusura delle scuole» e «il gravoso impatto» della misura «a livello sanitario, educativo, economico e sociale» - il governo della Nuova Zelanda intende rivedere le restrizioni imposte a tutti i livelli del sistema scolastico, favorendo «un approccio più mirato», con aggiustamenti delle misure in corso d'opera.

Inutile dire che quanto espresso dal Ministero ha incontrato la forte opposizione dell'Early Childhood Council (la maggiore organizzazione cappello del settore, a cui fanno capo circa 1'300 servizi dell'infanzia nel Paese) che suggerisce ai propri associati - come si legge sul New Zealand Herald - di mantenere le porte chiuse anche partire dal 29 aprile.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
fromrussiawith<3 1 anno fa su tio
La Nuova Zelanda è un gioiello di nazione, non deve appartenere ad un gruppo di nazioni per sentirsi grande, e il coronavirus è stato (per ora) gestito in modo eccellente, anche se il paese beneficia del fatto che sia un isola e ben più facile (?) da monitorare chi entra ed esce, poi sarà un caso interessante quando fra un pò li arriverà l'inverno. Se la Svizzera avesse detto no alla libera circolazione probabilmente avrebbe anch'essa 1400 casi e l'1,5 % di tasso di mortalità, e allora non solo avrebbe potuto aprire le scuole ma evitare di chiudere parte dei settori economici. Tuttavia anche in Europa ci sono nazioni che hanno eccelso chiudendo i confini come finlandia, danimarca, alcuni dell'europa dell'est... e la svizzera può benissimo paragonarsi all'Austria +- stessa popolazione, partiti con un numero simili di casi, ma la svizzera ha ora il doppio di casi ed una mortalità ben piu alta; l'Austria credo sia state ben più proattiva e veloce della Svizzera
francox 1 anno fa su tio
@fromrussiawith<3 Condivido. Lo dicono gli esperti. Lo dicono i numeri. Eppure uno dei paesi più ricchi del mondo, il nostro, espone i cittadini al virus più di quello che fanno gli altri paesi vicini. Non sono d'accordo neanche un pò.
fromrussiawith<3 1 anno fa su tio
@fromrussiawith<3 Anzi, NZ addirittura 0.9% di mortalità e 400 casi negli ultimi 15 giorni vs 7000 casi negli ultimi 15 giorni della CH
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ISRAELE
1 ora
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
1 ora
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
3 ore
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
STATI UNITI
5 ore
Cosa è successo quel giorno sul set di “Rust”
Tanta maretta nella troupe, un aiuto regista superficiale e molto stress dietro a quelle riprese finite in tragedia
STATI UNITI
9 ore
Ripulire le strade "razziste", il sogno americano di Alex
Si punta il dito perfino contro le vie dedicate a Cristoforo Colombo
ITALIA
16 ore
Dallo sballo allo stupro, Ghb la droga che dilaga
Disinibire ma anche sedare fino quasi al coma, perché questo stupefacente non è mai stato così popolare
STATI UNITI
19 ore
Milioni di guanti sporchi venduti come nuovi
In Thailandia esiste un mercato nero dei guanti per uso medico, che vengono semplicemente ridipinti
GERMANIA
21 ore
Tragico incendio a Reisbach, quattro morti tra cui una giovane incinta e il suo bambino
I soccorritori hanno tentato di salvare il bimbo che aveva in grembo con un parto cesareo, ma senza successo
ITALIA
22 ore
Berlusconi contro le elezioni anticipate: «Sarebbe irresponsabile»
Per l'ex premier è importante il sostegno interpartitico a Draghi, per l'uscita dalla crisi sanitaria ed economica
STATI UNITI
1 gior
Qualcuno ha giocato con la pistola di Baldwin
Dei membri della troupe avevano usato proiettili veri per divertirsi fuori dal set. Lo ha scoperto la polizia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile