Keystone
Geng Shuang, portavoce del Ministero degli Esteri cinese.
CINA / STATI UNITI
20.04.20 - 22:330

Pechino risponde alle accuse: «Il nemico è il coronavirus, non siamo noi»

Il Portavoce del Ministero degli Esteri cinese ha risposto al polverone di critiche dirette al proprio Paese

PECHINO - La Cina, finita sotto la pressione internazionale a causa delle accuse di presunte omissioni di informazioni e per la cattiva risposta alla pandemia del coronavirus, passa ora al contrattacco.

«Il nemico è il virus, non siamo noi», ha infatti dichiarato il Portavoce del Ministero degli Esteri Geng Shuang in risposta all'ipotesi sollevata dal Presidente statunitense Donald Trump di inviare un team in Cina per indagare sull'origine della crisi, ventilando anche misure punitive in caso di responsabilità da parte di Pechino.

«L'influenza H1N1 scoppiata negli Stati Uniti nel 2009 si è diffusa in 214 Paesi e regioni, uccidendo quasi 200'000 persone, qualcuno ha chiesto un risarcimento agli Stati Uniti?» ha inoltre aggiunto il Portavoce, rivolgendosi direttamente agli Usa.

Tra le tesi che si sono riaffacciate nei giorni scorsi c'è anche quella dell'errore umano all'origine del Covid-19 rilasciato-fabbricato da un laboratorio di virologia di Wuhan, la città focolaio della pandemia. «La sua origine è una questione scientifica, dovrebbe vedere impegnati ricercatori ed esperti sanitari e non essere politicizzata», ha sottolineato Geng, per il quale scienziati ed esperti di gran parte del mondo sono in generale convinti della mancanza di prove che indichi un'origine in laboratorio.

Pechino, inoltre, ha esortato i politici americani come Peter Navarro, advisor sul commercio della Casa Bianca, a «smettere di diffondere voci inseguendo il gioco dell'incolpare altri e a concentrarsi sulla lotta alla pandemia negli Usa». Navarro, parlando domenica alla Fox, ha denunciato che la Cina «è passata da esportatore netto di dispositivi di protezione individuale a grande importatore netto». In sostanza, nel pieno della crisi, ha fatto incetta «per ragioni umanitarie» di materiale medico nel mondo e ora «sta facendo affari». Geng ha affermato che la Cina ha fornito finora agli Usa 1'864 miliardi di mascherine, 29 milioni di tute protettive e 4'410 ventilatori polmonari.

La Cina ha poi respinto la richiesta dell'Australia, aggiuntasi ai Paesi dubbiosi sull'operato di Pechino, tra cui Francia, Gran Bretagna e Germania, di aprire un'indagine che tenga conto anche delle battute iniziali della pandemia. Una richiesta, secondo Geng, irrispettosa verso «gli enormi sforzi e sacrifici del popolo cinese» nella lotta al Covid-19.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
SSG 1 anno fa su tio
tutti o quasi a dar contro alla Cina (giusto o sbagliato) però dopo di corre a comprare il made in china per avere tutto e subito. Magari sarebbe meglio comprare una sola cosa nostrana, ma che si aiuta il commercio locale piuttosto che comprarne 10 senza sapere cosa c'è dietro.
volabas 1 anno fa su tio
@SSG Anche molto vero
volabas 1 anno fa su tio
E' partito dalla cina? E allora volenti o nolenti siete i responsabili, cinesi del menga.
tazmaniac 1 anno fa su tio
Falso e ignorante. la suina di cui parla arriva dal Messico, non dagli Stati Uniti. E si è trattato di un caso più unico che raro. Voi con i vostri schfiosi mercati di pipistrelli, serpenti e quant'altro, ne avete provocate già 2 negli ultimi 20 anni...chiudere subito quello scempio, se volete mangiarvi pipistrelli ed affini, fatelo pure, ma andate da soli a prenderveli e a decidere se cuocerli o meno. Trogloditi.
VECCHIOTTO 1 anno fa su tio
Dai non litigate! il virus l'ha creato la Greta per dimostrare che si può vivere in un mondo meno inquinato!
RV50 1 anno fa su tio
Non che per "caso" dietro tutto questo ci sia lo zampino della CIA ??? non sarebbe la prima volta che "codesto" gruppo in altre occasioni abbia a che fare con tutto questo..... il problema Cina stava pesando sull'amministrazione Trump e con quel personaggio che attualmente si trova alla presidenza non darei niente per scontato....Questa é solo una mia ipotesi e spero che tale resti ; altrimenti ci sarebbe molto da pensare per un prossimo futuro...piccoli grandi uomini come quelli che credono di essere Dio in terra sono alquanto pericolosi e viscidi
seo56 1 anno fa su tio
@RV50 È più facile che ci sia il zampino dei russi. Con i cinesi sono gli unici a guadagnarci da questo sfacelo.
D1AB0L1K 1 anno fa su tio
Ci sono troppe cose oscure in questa vicenda...certo che se per un errore umano muoiono più di 200000 persone e si ferma tutto...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
2 ore
L'Italia senza mascherine (forse) dal 28 giugno
Il comitato tecnico-scientifico sembra orientato verso un allentamento anticipato
SUDAFRICA
8 ore
Non sono diamanti, ma cristalli di quarzo
Il valore delle "pietre misteriose" scoperte in Sudafrica crolla quindi drasticamente
GIAPPONE
11 ore
Vaccini a rilento, in Giappone si punta ora sulle aziende
L'iniziativa ha preso il via oggi. Toyota vaccinerà 80'000 persone. Rakuten 60'000.
FOTO
INDIA
14 ore
Arrivano i monsoni. E centinaia di corpi potrebbero finire nel Gange
Il numero di sepolture sulle sponde del fiume sacro è esploso a causa della pandemia
GERMANIA
16 ore
Euro 2020: Allianz Arena illuminata di arcobaleno contro Orbán e le sue leggi «omofobe»?
Lo chiede il Consiglio comunale di Monaco in occasione di Germania-Ungheria. Troppo politico?
STATI UNITI
18 ore
Maxi-incidente in autostrada, morti 9 minorenni e un 29enne
Tragico il bilancio di un tamponamento di massa avvenuto in Alabama
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
19 ore
Un'oasi verde sul fiume Hudson: ecco Little Island
La nuova attrazione "fluttuante" è costata 260 milioni di dollari e ospita decine di specie di piante
PORTOGALLO
1 gior
A Lisbona il 60% dei casi di Covid è di variante Delta
L'impennata dei contagi è legata all'apertura ai turisti (britannici) ma il vaccino sembra stia limitando i danni
STATI UNITI
1 gior
Al di là dei successi all'estero, la vera sfida di Biden si gioca tutta in casa
E Putin fa molta meno paura dei repubblicani al Senato, dove rischia di insabbiarsi. E c'è scontento anche fra i dem
BELGIO
1 gior
Ritrovato senza vita dopo un mese il soldato "negazionista"
Il 46enne, classificato come potenziale terrorista, si era dato alla macchia dopo aver rubato armi da una base militare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile