Caritas Baby Hospital
Aliah e i due figli malati davanti al Caritas Baby Hospital
+7
PALESTINA
08.04.20 - 23:010

La battaglia quotidiana di una mamma, tra sopravvivenza, matrimoni tra consanguinei e figli malati

Aliah ha potuto ricostruirsi una vita solo una volta trovato un porto sicuro.

Ora si batte affinché nessuno possa passare quello che ha vissuto lei.

DURA - La storia di Aliah è solo una delle tante che potrebbero essere raccontate, perché come lei sono numerose le donne che in tutto il mondo sono vittime delle loro stesse famiglie e delle convenzioni sociali radicate. 

Oggi Aliah ha 57 anni, ma nella vita ne ha passate tante. Di Dura, una cittadina del sud della Cisgiordania, all'età di 22 anni ha sposato suo cugino. I primi due figli sono nati sani, mentre ha perso gli altri pochi mesi dopo la nascita, senza che i medici capissero il motivo. Anche i successivi tre figli sono nati malati. Disperata, si è rivolta al Caritas Baby Hospital, non senza prima aver dovuto affrontare un impervio cammino insieme ai figli. «La situazione politica di quei tempi mi ha costretto a percorrere molti chilometri a piedi, da una collina all'altra per trovare un autobus diretto a Betlemme» ricorda Aliah. 

La diagnosi fu «acidemia metilmalonica», un difetto genetico del metabolismo incurabile, che se non trattato può rivelarsi letale. Colpisce anche i reni, occhi e cervello, e a causa dei problemi legati alla vista i bambini di Aliah non hanno potuto frequentare la scuola. 
Ma soprattutto la malattia è causata dal matrimonio tra consanguinei. Venuto a conoscenza del fatto, il marito, nonché cugino di primo grado, ha abbandonato la moglie e i bambini, non accettando il responso. Di lì a poco si è risposato con un'altra donna, e si è sempre rifiutato di pagare gli alimenti. «La malattia, l’avrei ancora potuta sopportare, ma la cosa peggiore era che tutti si erano messi contro di me: il mio ex marito, la sua famiglia e la mia famiglia. Per tutti ero io l’unica responsabile della situazione, mentre siamo entrambi portatori di questo gene». 

Aliah si è trovata così totalmente abbandonata a se stessa, ma ha trovato un rifugio sicuro proprio presso la struttura Caritas Baby Hospital di Betlemme, dove ancora oggi vengono seguiti i due figli (il terzo è morto alcuni anni fa), nonostante siano ormai maggiorenni. E grazie all'incoraggiamento delle operatrici sociali, Aliah ha potuto attivarsi contro le convenzioni sociali fortemente radicate, prendendo così in mano la propria vita. Contro la volontà dell'ex marito è riuscita a fare in modo che i due figli sani si sposassero al di fuori della famiglia. E ha anche cominciato a coltivare il proprio orto, piantando menta, spinaci e cetrioli, allestendo anche una serra su un fazzoletto di terra di sua proprietà. Oggi riesce a sostenersi con quello che produce, guadagnando 300 franchi al mese. 

Curare i due figli ammalati è la missione della sua vita. Ma non solo: Aliah nel tempo che le rimane si impegna a sensibilizzare il vicinato, e anche presso il Caritas Baby Hospital, segnalando i possibili rischi derivanti dai matrimoni tra consanguinei. «Vorrei che nessuno passasse quello che ho vissuto io». 

L’associazione Aiuto Bambini Betlemme con sede a Lucerna finanzia e gestisce il Caritas Baby Hospital di Betlemme in Cisgiordania. L’ospedale cura annualmente 50'000 piccoli pazienti, in ambulatorio o in clinica. Ogni bambino viene assistito, senza distinzione di provenienza sociale o religiosa. Il concetto di cura coinvolge strettamente nel processo di guarigione anche i genitori; la struttura dispone inoltre di Servizi sociali qualificati. Con i suoi 250 dipendenti locali, il Caritas Baby Hospital è un importante datore di lavoro nella regione. Oltre a essere uno dei cardini della sanità palestinese, è anche in prima linea nella formazione di medici e infermieri pediatrici.

Caritas Baby Hospital
Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
15 min
George Floyd è morto per «asfissia»
La famiglia ha reso noto gli esiti della autopsia sul corpo del 46enne afroamericano.
ITALIA
1 ora
Riapertura della Lombardia: la parola chiave è «cautela»
I dati riguardanti il contagio fanno ben sperare in prospettiva degli allentamenti del prossimo 3 giugno.
STATI UNITI
2 ore
Ecco com'è volare sulla Crew Dragon, parola degli... astronauti!
La navetta di Space X “recensita” dall'equipaggio d'esperienza, una cosa che è piaciuta un sacco? Le tute
STATI UNITI
3 ore
Trump ai governatori: «Dovete dominare i manifestanti»
Lo avrebbe detto durante una videoconferenza con anche i capi delle polizie: «Sbatteteli tutti in galera per 10 anni»
MONDO
3 ore
L'OMS: «Per il coronavirus abbiamo perso più di 370mila persone»
Parola del direttore generale Ghebreyesus, e intanto in Congo si riaffaccia l'ombra dell'ebola
STATI UNITI
5 ore
Non ha agito contro Trump: Facebook in rivolta contro Zuckerberg
Cresce il malumore in azienda per la scelta del ceo di non censurare post del presidente che inciterebbero alla violenza
CINA / STATI UNITI
6 ore
Pechino ferma l'importazione di prodotti agricoli americani
Sullo sfondo ci sono le tensioni per le «ingerenze» degli Stati Uniti su Hong Kong.
STATI UNITI
7 ore
Facebook, 10 milioni per la giustizia razziale
La compagnia si unisce alle altre del settore hi-tech schierate a sostegno della comunità afroamericana
STATI UNITI
7 ore
George Floyd, almeno tre morti durante le proteste
Sono 110 gli agenti del Secret Service rimasti feriti nel corso del fine settimana
STATI UNITI
9 ore
Il figlio di George Floyd chiede che le proteste siano pacifiche
Quincy Mason Floyd dice di essere «toccato dall'affetto» ma invoca lo stop immediato delle violenze
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile