Caritas Baby Hospital
Aliah e i due figli malati davanti al Caritas Baby Hospital
+7
PALESTINA
08.04.20 - 23:010

La battaglia quotidiana di una mamma, tra sopravvivenza, matrimoni tra consanguinei e figli malati

Aliah ha potuto ricostruirsi una vita solo una volta trovato un porto sicuro.

Ora si batte affinché nessuno possa passare quello che ha vissuto lei.

DURA - La storia di Aliah è solo una delle tante che potrebbero essere raccontate, perché come lei sono numerose le donne che in tutto il mondo sono vittime delle loro stesse famiglie e delle convenzioni sociali radicate. 

Oggi Aliah ha 57 anni, ma nella vita ne ha passate tante. Di Dura, una cittadina del sud della Cisgiordania, all'età di 22 anni ha sposato suo cugino. I primi due figli sono nati sani, mentre ha perso gli altri pochi mesi dopo la nascita, senza che i medici capissero il motivo. Anche i successivi tre figli sono nati malati. Disperata, si è rivolta al Caritas Baby Hospital, non senza prima aver dovuto affrontare un impervio cammino insieme ai figli. «La situazione politica di quei tempi mi ha costretto a percorrere molti chilometri a piedi, da una collina all'altra per trovare un autobus diretto a Betlemme» ricorda Aliah. 

La diagnosi fu «acidemia metilmalonica», un difetto genetico del metabolismo incurabile, che se non trattato può rivelarsi letale. Colpisce anche i reni, occhi e cervello, e a causa dei problemi legati alla vista i bambini di Aliah non hanno potuto frequentare la scuola. 
Ma soprattutto la malattia è causata dal matrimonio tra consanguinei. Venuto a conoscenza del fatto, il marito, nonché cugino di primo grado, ha abbandonato la moglie e i bambini, non accettando il responso. Di lì a poco si è risposato con un'altra donna, e si è sempre rifiutato di pagare gli alimenti. «La malattia, l’avrei ancora potuta sopportare, ma la cosa peggiore era che tutti si erano messi contro di me: il mio ex marito, la sua famiglia e la mia famiglia. Per tutti ero io l’unica responsabile della situazione, mentre siamo entrambi portatori di questo gene». 

Aliah si è trovata così totalmente abbandonata a se stessa, ma ha trovato un rifugio sicuro proprio presso la struttura Caritas Baby Hospital di Betlemme, dove ancora oggi vengono seguiti i due figli (il terzo è morto alcuni anni fa), nonostante siano ormai maggiorenni. E grazie all'incoraggiamento delle operatrici sociali, Aliah ha potuto attivarsi contro le convenzioni sociali fortemente radicate, prendendo così in mano la propria vita. Contro la volontà dell'ex marito è riuscita a fare in modo che i due figli sani si sposassero al di fuori della famiglia. E ha anche cominciato a coltivare il proprio orto, piantando menta, spinaci e cetrioli, allestendo anche una serra su un fazzoletto di terra di sua proprietà. Oggi riesce a sostenersi con quello che produce, guadagnando 300 franchi al mese. 

Curare i due figli ammalati è la missione della sua vita. Ma non solo: Aliah nel tempo che le rimane si impegna a sensibilizzare il vicinato, e anche presso il Caritas Baby Hospital, segnalando i possibili rischi derivanti dai matrimoni tra consanguinei. «Vorrei che nessuno passasse quello che ho vissuto io». 

L’associazione Aiuto Bambini Betlemme con sede a Lucerna finanzia e gestisce il Caritas Baby Hospital di Betlemme in Cisgiordania. L’ospedale cura annualmente 50'000 piccoli pazienti, in ambulatorio o in clinica. Ogni bambino viene assistito, senza distinzione di provenienza sociale o religiosa. Il concetto di cura coinvolge strettamente nel processo di guarigione anche i genitori; la struttura dispone inoltre di Servizi sociali qualificati. Con i suoi 250 dipendenti locali, il Caritas Baby Hospital è un importante datore di lavoro nella regione. Oltre a essere uno dei cardini della sanità palestinese, è anche in prima linea nella formazione di medici e infermieri pediatrici.

Caritas Baby Hospital
Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Come l'ombra di Jeffrey Epstein potrebbe salvare Ghislaine Maxwell
Conclusa la prima settimana di processo facciamo un riassunto e tentiamo di capire come potrebbero andare le prossime
INDONESIA
4 ore
Eruzione del Semeru, i morti sono almeno 13
Le operazioni di soccorso proseguono. Estratte dalle macerie 10 persone vive. Quasi una sessantina i feriti
REGNO UNITO
13 ore
Feste nonostante le restrizioni: Boris Johnson segnalato alla polizia
La Metropolitan Police sta valutando le segnalazioni di due parlamentari laburisti
GERMANIA
20 ore
Trovati cinque cadaveri all'interno di un'abitazione
Il fatto è avvenuto a Königs Wusterhausen, a sud di Berlino: si tratta di due adulti e tre bambini
Stati Uniti
1 gior
Incriminati i genitori del killer di Oxford
La scuola li aveva convocati per esprimere alcune preoccupazioni. Irreperibili per alcune ore, sono stati arrestati
Italia
1 gior
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
1 gior
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
1 gior
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
1 gior
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
2 gior
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile