Caritas Baby Hospital
Aliah e i due figli malati davanti al Caritas Baby Hospital
+7
PALESTINA
08.04.20 - 23:010

La battaglia quotidiana di una mamma, tra sopravvivenza, matrimoni tra consanguinei e figli malati

Aliah ha potuto ricostruirsi una vita solo una volta trovato un porto sicuro.

Ora si batte affinché nessuno possa passare quello che ha vissuto lei.

DURA - La storia di Aliah è solo una delle tante che potrebbero essere raccontate, perché come lei sono numerose le donne che in tutto il mondo sono vittime delle loro stesse famiglie e delle convenzioni sociali radicate. 

Oggi Aliah ha 57 anni, ma nella vita ne ha passate tante. Di Dura, una cittadina del sud della Cisgiordania, all'età di 22 anni ha sposato suo cugino. I primi due figli sono nati sani, mentre ha perso gli altri pochi mesi dopo la nascita, senza che i medici capissero il motivo. Anche i successivi tre figli sono nati malati. Disperata, si è rivolta al Caritas Baby Hospital, non senza prima aver dovuto affrontare un impervio cammino insieme ai figli. «La situazione politica di quei tempi mi ha costretto a percorrere molti chilometri a piedi, da una collina all'altra per trovare un autobus diretto a Betlemme» ricorda Aliah. 

La diagnosi fu «acidemia metilmalonica», un difetto genetico del metabolismo incurabile, che se non trattato può rivelarsi letale. Colpisce anche i reni, occhi e cervello, e a causa dei problemi legati alla vista i bambini di Aliah non hanno potuto frequentare la scuola. 
Ma soprattutto la malattia è causata dal matrimonio tra consanguinei. Venuto a conoscenza del fatto, il marito, nonché cugino di primo grado, ha abbandonato la moglie e i bambini, non accettando il responso. Di lì a poco si è risposato con un'altra donna, e si è sempre rifiutato di pagare gli alimenti. «La malattia, l’avrei ancora potuta sopportare, ma la cosa peggiore era che tutti si erano messi contro di me: il mio ex marito, la sua famiglia e la mia famiglia. Per tutti ero io l’unica responsabile della situazione, mentre siamo entrambi portatori di questo gene». 

Aliah si è trovata così totalmente abbandonata a se stessa, ma ha trovato un rifugio sicuro proprio presso la struttura Caritas Baby Hospital di Betlemme, dove ancora oggi vengono seguiti i due figli (il terzo è morto alcuni anni fa), nonostante siano ormai maggiorenni. E grazie all'incoraggiamento delle operatrici sociali, Aliah ha potuto attivarsi contro le convenzioni sociali fortemente radicate, prendendo così in mano la propria vita. Contro la volontà dell'ex marito è riuscita a fare in modo che i due figli sani si sposassero al di fuori della famiglia. E ha anche cominciato a coltivare il proprio orto, piantando menta, spinaci e cetrioli, allestendo anche una serra su un fazzoletto di terra di sua proprietà. Oggi riesce a sostenersi con quello che produce, guadagnando 300 franchi al mese. 

Curare i due figli ammalati è la missione della sua vita. Ma non solo: Aliah nel tempo che le rimane si impegna a sensibilizzare il vicinato, e anche presso il Caritas Baby Hospital, segnalando i possibili rischi derivanti dai matrimoni tra consanguinei. «Vorrei che nessuno passasse quello che ho vissuto io». 

L’associazione Aiuto Bambini Betlemme con sede a Lucerna finanzia e gestisce il Caritas Baby Hospital di Betlemme in Cisgiordania. L’ospedale cura annualmente 50'000 piccoli pazienti, in ambulatorio o in clinica. Ogni bambino viene assistito, senza distinzione di provenienza sociale o religiosa. Il concetto di cura coinvolge strettamente nel processo di guarigione anche i genitori; la struttura dispone inoltre di Servizi sociali qualificati. Con i suoi 250 dipendenti locali, il Caritas Baby Hospital è un importante datore di lavoro nella regione. Oltre a essere uno dei cardini della sanità palestinese, è anche in prima linea nella formazione di medici e infermieri pediatrici.

Caritas Baby Hospital
Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
53 min
Colin Powell è morto di Covid 19
L'ex Segretario di Stato americano aveva 84 anni lottava da tempo con la malattia
LE IMMAGINI
ITALIA
2 ore
Idranti e lacrimogeni, manifestanti sgomberati con la forza
Le operazioni al porto potranno riprendere senza rallentamenti, ma i lavoratori annunciano che lo scioperò continuerà
Stati Uniti
6 ore
I piloti degli aerei stanno perdendo la mano e fanno fatica a volare
Dopo la pandemia gli errori e il rischio di disastri aerei sono aumentati. Sotto la lente il caso degli Stati Uniti
Spagna
6 ore
«La prostituzione rende schiave le donne del nostro Paese»
Il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez ha fatto sapere domenica di voler abolire il sesso a pagamento
NUOVA GUINEA
8 ore
Pirati del mare, criminali armati fino ai denti
Agiscono perché agevolati dalla polizia corrotta e da chi detiene il potere. Ecco dove non andare mai per mare
REGNO UNITO
18 ore
Delta, zero restrizioni... e così i contagi oltremanica volano
Il Regno Unito registra in media 40mila nuovi casi al giorno. La situazione ospedaliera resta però sotto controllo
Cina
22 ore
La Cina vola intorno al mondo, ma nessuno lo sapeva
Il governo Biden teme un dispiegamento delle forze. Diversa la musica da Pechino: «Non stiamo attaccando nessuno»
ITALIA
1 gior
15enne uccisa da un colpo di fucile in casa, a sparare è stato il fratellino
Svolta nelle indagini nella tragica morte avvenuta ieri in un'abitazione del Bresciano
Francia
1 gior
Sessant'anni fa Parigi si svegliò nel sangue
Oggi la Francia commemora un massacro che pochi conoscono e sui cui bisogna fare ancora chiarezza
STATI UNITI
1 gior
L'assassino americano Robert Durst rischia di morire a causa dal coronavirus
Il 78enne, reso celebre per la sua clamorosa confessione nella serie tv “The Jinx”, era stato condannato all'ergastolo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile