Keystone
MONDO
20.03.20 - 00:040
Aggiornamento : 08:07

Quei rimedi per il Covid-19 che funzionano ma...

Dall'antimalarico all'antifluenzale made in Japan, ci sono e sono incoraggianti, ma hanno le loro controindicazioni.

PARIGI/TOKYO - Visto che per una cura ad hoc sarà necessario aspettare ancora parecchio, i medici alle prese da settimane con il coronavirus stanno sperimentando diverse soluzioni più o meno innovative con risultati anche sorprendenti. Due in particolare si sono distinte per efficacia anche se, per ora, il loro uso è confinato a un numero limitato di casi.

Il farmaco per la malaria che "azzera" il Covid-19 - Utilizzato per la prima volta in Cina, poi in Corea del Sud e infine anche in Europa il medicamento che viene di solito impiegato per trattare la malaria, l'idrossiclorochina, è il soggetto di un recente studio francese che ne testimonia l'efficacia.

Stando ai ricercatori il suo utilizzo, nel 75% dei casi, è stato in grado di cancellare tutte le tracce del virus in sei giorni, quando la carica virale media è di circa 20 giorni. Il farmaco, riporta l'articolo pubblicato sull'International Journal of Antimicrobial Agents e ripreso da Le Figaro, va somministrato in combinazione con gli antibiotici contro la polmonite.

Sebbene si tratti di buone nuove non mancano i dubbi: il primo è che lo studio riguarda un numero limitato di casi (24) e il secondo è che l'idrossiclorochina - anche se è un farmaco di uso relativamente comune - può avere problemi d'interazione con altri farmaci comunemente usati nelle terapie intensive e, se mal dosato, può avere effetti collaterali anche gravi.

L'antinfluenzale giapponese dall'efficacia sorprendente - Prodotto in Giappone per trattare l'influenza il Favipiravir (realizzato dalla sussidiaria di Fujifilm Toyama Chemical) si è dimostrato un inatteso quanto efficace alleato dei medici per la lotta al coronavirus.

I primi a testarne l'uso sono stati i dottori cinesi che lo hanno usato sul campo a Wuhan e Shenzen (per un totale di 340 pazienti) con risultati incoraggianti. Oltre a essere estremamente sicuro, il farmaco è riuscito a far sparire la carica virale in 4 giorni di media.

La scoperta ha portato le azioni di Toyama Chemical a impennare con un +14,7% nella giornata di giovedì. Il Favipiravir è utilizzato ora anche in Giappone.

A frenare l'entusiasmo ci ha pensato però il ministro degli Esteri giapponese, che ha reso pubblici i risultati dalla sperimentazione: «Lo abbiamo somministrato a un'ottantina di pazienti, e purtroppo non funziona così bene nei casi più gravi, quando il virus si è già moltiplicato».

Altro problema: come riporta il Guardian, la produzione su larga scala del Favipiravir necessita il nullaosta governativo, che potrebbe arrivare all'incirca per maggio. Ma solo se i risultati dello studio verranno provati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
2 ore
Ergastolo per i boss stragisti, ecco perché «è incostituzionale»
La Consulta ha depositato l'ordinanza con cui ha affermato l'incompatibilità della misura ideata da Giovanni Falcone
MONDO
3 ore
«La pandemia poteva essere evitata»
Lo si legge in un rapporto che analizza la risposta iniziale al contagio.
STATI UNITI
4 ore
Elon Musk: la sregolata vita di un genio eccentrico
Dal dottorato lampo alle gaffe, ai mille progetti, ritratto di un imprenditore tanto ammirato quanto criticato.
ISRAELE
8 ore
«Stiamo andando verso una guerra su vasta scala»
Continuano gli scontri tra Israele e il movimento palestinese Hamas. Fuoco su Gaza, Tel Aviv e Beersheba.
STATI UNITI
9 ore
Strage di Atlanta, l'accusa vuole la pena di morte
La procuratrice distrettuale, Fani Willis, intende perseguire Robert Aaron Long anche per crimini d'odio
CITTÀ DEL VATICANO
9 ore
«Qualcuno ha sparato al Papa». I retroscena quarant'anni dopo
Il 13 maggio 1981 il tiratore scelto Ali Agca colpiva con due proiettili il pontefice Giovanni Paolo II
FOTO
REGNO UNITO
15 ore
Arresti alla manifestazione contro il brevetto del vaccino AstraZeneca
L'azienda si difende: «Siamo orgogliosi che il nostro vaccino rappresenti il ​​98% di tutte le forniture a Covax»
GERMANIA
18 ore
Centri vaccinali tedeschi alle prese con quanti saltano la "fila": «Sono sempre più aggressivi»
Danno informazioni false per rientrare in un gruppo prioritario: «Purtroppo continua a non essere un'infrazione».
BIRMANIA
20 ore
100 giorni dopo, la «brutale repressione» non si ferma
L'ONU ha oggi nuovamente denunciato «la violenza persistente» in corso nel paese
INDIA
23 ore
I corpi nel Gange, un'altra triste "foto" dall'India
Stando agli abitanti, sarebbero stati gettati in acqua per via dell'impossibilità di cremarli
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile