keystone-sda.ch / STF (Luca Bruno)
L'entrata dell'ospedale di Brescia, la seconda provincia più colpita con 1588 casi.
ITALIA
12.03.20 - 18:210
Aggiornamento : 18:52

Altri 2651 casi. E i morti sono ormai più di 1000

Le cifre dell'ultimo aggiornamento della Protezione civile italiana sul coronavirus

Nella tre regioni più colpite gli ospedali sono occupati quasi esclusivamente da persone malate per il Covid-19.

ROMA - L'Italia registra un nuovo pesante bilancio quotidiano sul fronte coronavirus. Come riferito nel consueto bollettino dalla Protezione Civile, nel Paese si contano infatti 2651 casi in più di ieri. Ma soprattutto il numero di vittime per Covid-19 ha superato la soglia del migliaio: i morti sono infatti 1016.

Le persone guarite sono salite a 1254. Si contano poi 6650 persone ospedalizzate e 1153 ricoverate in terapia intensiva.

Complessivamente, i casi positivi dall'inizio dell'epidemia in Italia sono 15113 dei quali 12839 ancora attivi. In Lombardia, la più colpita in assoluto, si contano al momento 6896 casi. I tamponi effettuati in tutto il Paese sono oltre 86000.

Ospedali "riservati" per il coronavirus - Gli ospedali delle tre regioni italiane più colpite dall'epidemia (Lombardia, Emilia Romagna e Veneto) sono praticamente diventati strutture per il solo Covid-19. Il sindacato dei medici ospedalieri Anaao ha lanciato l'allarme per il Veneto: «Nonostante i decreti che tengono la gente in casa, nella nostra regione l'attività ambulatoriale per visite differibili prosegue normalmente con conseguente sovraffollamento nelle sale d'attesa». Nel pomeriggio, la Regione ha deciso di chiudere gli ambulatori per le prestazioni non urgenti.

Mosca chiude all'Italia - La situazione italiana ha portato anche la Russia a correre ai ripari. Da domani - riferisce l'Ats citando la Tass - Mosca vieterà temporaneamente l'ingresso ai cittadini italiani e agli stranieri provenienti dall'Italia. Il divieto non sarà applicato agli equipaggi degli aerei, ai membri delle delegazioni ufficiali, a chi è in possesso di permesso di residenza e ai cittadini dei Paesi membri dell'Unione eurasiatica, ovvero Kazakistan, Bielorussia e Armenia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
10 ore
Il coronavirus era già in mezzo mondo, prima di Wuhan
Un team cinese pensa che la prima trasmissione tra esseri umani possa aver avuto luogo nel subcontinente indiano
STATI UNITI
10 ore
Donald Trump si prepara alla prima intervista, Melania pensa a un libro
Il presidente degli USA dovrebbe parlare per la prima volta dopo la sua non rielezione domani (alle 16 ora svizzera).
ARGENTINA
11 ore
«Riesumate Maradona, voglio scoprire se è mio padre»
Il 19enne Santiago Lara è figlio di una modella morta anni fa in giovane età. «Non voglio soldi, solo la verità», dice.
FOTO
FRANCIA
13 ore
Disordini alla Marcia per le libertà
Manifestazione pacifica per quasi tutto il giorno, fino all'arrivo alla Bastiglia
ITALIA
16 ore
Alluvione in Sardegna, tre morti
L'area più flagellata dal maltempo è quella della provincia di Nuoro
FRANCIA / ITALIA
16 ore
Piste chiuse: proteste e timori di una mazzata economica
Centinaia di persone hanno manifestato a Gap, mentre una ricerca ipotizza una perdita di fatturato fino al 70% in Italia
FRANCIA
18 ore
Dopo un mese i negozi "non essenziali" sono stati riaperti
I commercianti dovranno rispettare un nuovo protocollo sanitario rafforzato
ITALIA
19 ore
Tredicesime più leggere a causa del Covid
Tre miliardi in meno nelle gratifiche natalizie degli italiani
ARGENTINA
20 ore
Selfie con il cadavere di Maradona, condotte varie perquisizioni
La procura penale di Buenos Aires ha aperto un fascicolo
AUSTRALIA
22 ore
Tre vittime di pedofilia citano in giudizio anche il Papa
Secondo il loro avvocato è un modo per mettere il Vaticano di fronte alle proprie responsabilità
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile