Keystone
Una scuola chiusa a Genova
ITALIA
07.03.20 - 12:200

La chiusura delle scuole causa disagi per 5 milioni di genitori italiani che lavorano

Nella vicina penisola tutte le lezioni sono sospese almeno fino al 15 marzo prossimo.

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ROMA - La chiusura delle scuole è una misura invocata da alcuni anche in Ticino al fine di rallentare la diffusione del nuovo coronavirus. In Italia, dove su tutto il territorio nazionale le lezioni sono state sospese almeno fino al 15 marzo, il provvedimento non manca tuttavia di causare molti disagi.

Secondo una stima della Fondazione studi dei consulenti del lavoro italiana, più di 5 milioni di lavoratori dipendenti e autonomi potrebbero infatti subire conseguenze negative per quanto riguarda la loro organizzazione familiare. Conciliare l'attività occupazionale con la cura a tempo pieno dei congiunti, soprattutto dei figli minori, è infatti una sfida. Analizzando le caratteristiche della platea dei 5,1 milioni di occupati interessati dalle iniziative per arginare l'avanzata del coronavirus, sulla base dei dati Istat «2 milioni 697.000 sono donne e 2 milioni 442.000 uomini», «349.000 sono genitori single e 4 milioni 790.000 coppie con entrambi i genitori occupati e con almeno un figlio con meno di 15 anni di età».

Il gravame della gestione degli allievi costretti a rimanere a casa, si legge, interesserà principalmente la platea femminile, ovvero «sia le mamme single (302.000 contro i 47.000 papà soli) sia le lavoratrici dipendenti (2 milioni 234.000 contro un milione 809.000 addetti), ancora oggi costrette a dover scegliere tra la vita professionale e quella familiare in assenza di misure che favoriscano una vera conciliazione dei tempi di vita e di lavoro». Sempre in base alle cifre dell'Istituto di statistica, argomentano i professionisti, nel 2019 vi sono state 2 milioni 797.000 donne nella Penisola, corrispondenti al 14,5% del totale della popolazione femminile tra i 15 e 64 anni, che hanno «gettato la spugna», rinunciando, cioè, del tutto a trovare un impiego per l'impossibilità di ottenere un aiuto in ambito domestico.

«Un dato estremamente elevato, se comparato al resto d'Europa, dove, al contrario, soltanto l'8,2% della platea femminile non lavora per motivi familiari, e in forte crescita negli ultimi anni (tra 2016 e 2019 il numero delle inattive per tali motivi è aumentato di 619.000 unità), registrando un incremento del 28,4%», si legge nel rapporto.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 anno fa su tio
serve a nulla, anzi crea numerosi altri problemi.
seo56 1 anno fa su tio
No comment!
Norvegianviking 1 anno fa su tio
@seo56 Commenta invece. Se non l'avessero fatto e anche un solo caso fosse emerso nelle scuole apriti cielo. Si tratta di una situazione al limite, per me hanno fatto bene. Certo per alcune famiglie è un problema, ma tutti troveranno una soluzione, è nell'isola dell'italiano l'arte di arrangiarsi. Anche nelle difficoltà. Anzi sopratutto.
Bayron 1 anno fa su tio
@seo56 É l’Italia dove tutto è il contrario di tutto. Si chiudono le scuole e si aprono i porti...
seo56 1 anno fa su tio
@Norvegianviking Chiudono le scuole, tribunali e aprono i porti. Funzionano a pieno regime le metropolitane, stazioni, treni ecc. dimmi tu se non è incoerenza questa...
Norvegianviking 1 anno fa su tio
@seo56 Tu cosa faresti ? Vuoi bloccare del tutto un paese ? Come ti muovi se non hai l'auto ? Dove vieni curato se hai altre patologie che non sia questo virus ? Cosa mangi se i supermercati chiudono ? Prova a vedere se lo facessi in Ticino. Tutto chiuso tutto fermo ? Sopravviveresti ?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Ripulire le strade "razziste", il sogno americano di Alex
Si punta il dito perfino contro le vie dedicate a Cristoforo Colombo
ITALIA
7 ore
Dallo sballo allo stupro, Ghb la droga che dilaga
Disinibire ma anche sedare fino quasi al coma, perché questo stupefacente non è mai stato così popolare
STATI UNITI
10 ore
Milioni di guanti sporchi venduti come nuovi
In Thailandia esiste un mercato nero dei guanti per uso medico, che vengono semplicemente ridipinti
GERMANIA
12 ore
Tragico incendio a Reisbach, quattro morti tra cui una giovane incinta e il suo bambino
I soccorritori hanno tentato di salvare il bimbo che aveva in grembo con un parto cesareo, ma senza successo
ITALIA
14 ore
Berlusconi contro le elezioni anticipate: «Sarebbe irresponsabile»
Per l'ex premier è importante il sostegno interpartitico a Draghi, per l'uscita dalla crisi sanitaria ed economica
STATI UNITI
16 ore
Qualcuno ha giocato con la pistola di Baldwin
Dei membri della troupe avevano usato proiettili veri per divertirsi fuori dal set. Lo ha scoperto la polizia
CANADA
17 ore
Container in mare e fiamme, è allarme tossico
Le acque burrascose hanno fatto perdere dei container alla nave, sulla quale è poi scoppiato un incendio
STATI UNITI
20 ore
«Non puntare mai un'arma di scena contro un altro essere umano»
Alec Baldwin non avrebbe dovuto avere sotto tiro qualcuno, secondo l'esperto di armi sui set Bryant Carpenter
COLOMBIA
22 ore
Arrestato il nuovo Escobar
«La più grande operazione del secolo» in Colombia. In manette il narcotrafficante Usuga
STATI UNITI
1 gior
Era compito di una ventenne al primo incarico controllare le armi sul set
La ragazza è la figlia del celebre armaiolo Thell Reed, famoso ad Hollywood.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile