keystone-sda.ch / STF (Vincent Thian)
GERMANIA
04.02.20 - 16:450
Aggiornamento : 17:23

Coronavirus: Germania, Francia e Regno Unito invitano i connazionali a lasciare la Cina

I rispettivi ministeri degli esteri segnalano possibili difficoltà di spostamento e restrizioni nell'assistenza medica oltre al rischio di contagio

BERLINO - I governi tedesco, britannico e francese hanno suggerito ai loro connazionali presenti in Cina di lasciare il Paese a causa dell'epidemia di coronavirus.

«I consolati generali a Wuhan e Chongqing sono chiusi, se vi trovate in Cina e siete in grado di partire, dovreste farlo», si legge in una nota del Ministero degli esteri britannico, in cui si aggiunge che «le persone più anziane e quelle con problemi clinici pre-esistenti rischiano maggiormente» di contrarre il virus. «Alcune compagnie aeree sono ancora operative, ma nelle prossime settimane potrebbe essere più difficile partire», sottolinea lo scritto.

Anche le autorità francesi rivolgono un consiglio simile ai cittadini dell'Esagono in Cina. In considerazione dell'evolversi dell'epidemia di coronavirus e «a titolo precauzionale», la Francia raccomanda ai suoi connazionali, «in particolare alle famiglie, che non hanno ragioni fondamentali di restare in Cina, di allontanarsi momentaneamente dal Paese». Lo si legge nei "Consigli ai viaggiatori" del sito del Quai d'Orsay.

Berlino rende attenti anche sul tema del'assistenza medica, sottolineando tra l'altro che «le enormi richieste» nei confronti del sistema sanitario cinese «possono portare a restrizioni» delle cure. Il rischio per i viaggiatori tedeschi è valutato come «elevato» in particolare nella provincia di Hubei. Il Ministero degli esteri ricorda infine che le «crescenti restrizioni» nella normale mobilità - dai viaggi in treno ai voli - potrebbero rendere poi impossibile partire.

Per quanto riguarda i cittadini svizzeri, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) si limita a sconsigliare di recarsi nella provincia più colpita dall'epidemia, quella di Hubei, molte aree della quale sono peraltro isolate e irraggiungibili. Per chi si reca nelle restanti regioni della Cina, l’UFSP raccomanda di: adottare buone misure di igiene personale come lavarsi regolarmente le mani; starnutire o tossire in un fazzoletto o, in mancanza, nella piega del gomito; evitare possibilmente il contatto con persone affette da sintomi respiratori; evitare possibilmente i grandi assembramenti di persone; attenersi alle istruzioni e alle raccomandazioni locali.

I viaggiatori svizzeri di ritorno dalla Cina che entro 14 giorni dal rientro sviluppino disturbi respiratori o febbre devono consultare un medico. È tuttavia importante informarlo già al telefono di essere rientrati da poco dal Paese asiatico e non recarsi direttamente in studio. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
21 min
Su Facebook tornano i post sponsorizzati di carattere politico
Dopo il silenzio post-votazioni americane, saranno ancora visibili: «Monitoreremo costantemente»
AMERICA DEL SUD
1 ora
La «terza ondata» investe il Brasile, record di decessi e proteste contro Bolsonaro
La variante amazzonica ha messo in ginocchio il sistema sanitario nazionale
MONDO
3 ore
Una buona parte di quelli che stanno investendo nei Bitcoin non sanno cosa siano
Uno su tre non ne ha proprio idea, e più dell 80% non ne è davvero sicuro. Ma allora perché tutti ne comprano?
ISLANDA
3 ore
Più di 18'000 terremoti in una settimana, si attende un'eruzione
«Ormai ho perso il conto di quante scosse ho sentito» ci racconta l'appassionato di geologia Marco di Marco
AUSTRALIA
4 ore
17enne ucciso da una cubomedusa
Nonostante il trasporto d'urgenza in ospedale, il giovane è spirato dopo qualche giorno
NUOVA ZELANDA
4 ore
Violenta scossa in Nuova Zelanda, ora si teme per l'onda di tsunami
Il sisma di grado 7.2 ha svegliato tutta l'isola nella notte. Le autorità: «Chi è sulle coste si sposti in alto»»
REGNO UNITO
6 ore
«Monopolio» nell'App Store? Apple di nuovo nei guai
Un'indagine è stata aperta dall'autorità di antitrust britannica
ITALIA
7 ore
Da mezzanotte la Lombardia sarà "arancione scuro"
L'ordinanza è stata firmata dal Presidente della Regione Attilio Fontana
CINA
7 ore
Curare il Covid con la medicina tradizionale cinese? Pechino ci crede
Approvati 3 farmaci per trattare i sintomi e che sarebbero già stati utilizzati durante le prime fasi della pandemia
UNIONE EUROPEA
9 ore
L'Europa (infine) pensa allo Sputnik
Al via la revisione del siero russo da parte dell'Agenzia europea per i medicinali
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile