keystone-sda.ch / STF (WAEL HAMZEH)
Carlos Ghosn terrà una conferenza stampa il prossimo 8 gennaio per fornire la sua versione dei fatti.
LIBANO
02.01.20 - 10:180
Aggiornamento : 11:40

Ghosn: Ankara vuole vederci chiaro, Parigi dice "no" all'estradizione

L'ex presidente di Nissan, fuggito dai domiciliari, sarebbe arrivato a Beirut passando per la Turchia

di Redazione
ats ans

BEIRUT / PARIGI / ANKARA - La Francia «non estraderà» l'ex presidente e CEO del gruppo Nissan-Renault Carlos Ghosn se arriverà nel Paese. Lo ha annunciato il segretario di Stato all'economia Agnes Pannier-Runacher. Nel frattempo la Turchia ha aperto un'indagine.

Ghosn, che si trovava ai domiciliari a Tokyo in attesa di processo per frode fiscale, è fuggito pochi giorni fa in direzione del Libano, violando lo status di libertà vigilata. I media libanesi avevano riferito che Ghosn era atterrato all'aeroporto di Beirut con un jet privato proveniente dalla Turchia e ora quest'ultimo Paese vuole vederci chiaro. Secondo i media turchi, alcune persone sono già state arrestate ed interrogate.

A Beirut, il prossimo 8 gennaio, Ghosn terrà una conferenza stampa per fornire la sua versione dei fatti che lo hanno portato all'arresto per frode fiscale, malversazione e abuso di fiducia aggravata nel novembre del 2018 a Tokyo, dove ha trascorso 130 giorni in carcere prima di essere rilasciato su cauzione, sotto strettissima sorveglianza delle autorità nipponiche e con il divieto di parlare alla stampa e di lasciare il Paese. Restano avvolte dal mistero le circostanze della sua fuga.

Ghosn, 65 anni, ha la nazionalità libanese e il Libano non estrada i suoi connazionali. Si è sempre dichiarato innocente, parlando di un colpo di stato messo in atto dai vertici Nissan. Nell'aprile scorso ha lasciato il carcere di Tokyo dietro pagamento di una cauzione da quattro milioni di euro.

Nel frattempo l'ufficio della presidenza libanese ha smentito le notizie di alcuni media secondo le quali il presidente Michel Aoun aveva accolto Ghosn all'aeroporto di Beirut. "Non è stato accolto dal presidente e non l'ha mai incontrato", ha fatto sapere un funzionario. Stando ai suoi documenti di viaggio, Ghosn è entrato in Libano con un passaporto francese.

L'ex presidente e CEO di Nissan era stato autorizzato dalla giustizia giapponese a mantenere in suo possesso un secondo passaporto francese, con il quale presumibilmente sarebbe entrato in Libano. Lo rivela il canale pubblico Nhk, spiegando che l'ex numero uno della Nissan-Renault possedeva due passaporti francesi per ragioni che non si conoscono, trattenuti entrambi dal suo avvocato, insieme a quello libanese, fino allo scorso mese di maggio, quando Ghosn riuscì a ottenere la restituzione di uno dei due documenti francesi per ragioni legali. Il documento doveva essere conservato in una cassaforte chiusa a chiave.

Intanto, le autorità nipponiche hanno perquisito l'abitazione dell'ex tycoon e recuperato le immagini delle telecamere di sorveglianza per studiare l'esecuzione del piano di fuga messo in atto e l'eventuale esistenza di complici.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 anno fa su tio
"sotto STRETTISSIMA sorveglianza delle autorità nipponiche".... come é potuto accadere che sia riuscito a fuggire?
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
11 ore
La Cina pone «sfide sistemiche» che preoccupano la Nato
I Paesi dell'Alleanza richiamano Pechino a una maggiore trasparenza e al mantenimento degli impegni presi.
RUSSIA
13 ore
«Non abbiamo l'abitudine di assassinare le persone»
Vladimir Putin ha parlato a ruota libera in un'intervista, tra accuse, risposte ed ironia
STATI UNITI
15 ore
Covid, è in arrivo un nuovo vaccino
È di facile conservazione e le reazioni avverse sembrano essere meno frequenti e meno gravi
REGNO UNITO
17 ore
La variante Delta preoccupa e il Regno Unito ritarda il ritorno alla normalità
La decisione, già presa, verrà confermata oggi da Johnson. L'obiettivo è limitare al massimo una possibile terza ondata
FOTO
GIAPPONE / STATI UNITI
17 ore
Le ceneri di Tojo, un mistero durato oltre 70 anni
L'ex primo ministro giapponese fu condannato a morte per crimini di guerra e giustiziato nel 1948
CINA
20 ore
La Cina risponde al mondo: «Non politicizzate l'origine del virus»
Secondo Pechino, i politici di USA e altri Paesi «fanno accuse irragionevoli contro la Cina»
NEPAL
21 ore
Manca ossigeno, mancano vaccini: al Nepal «serve aiuto urgente»
L'appello di Amnesty International è rivolto sia ai leader locali che alla comunità internazionale
ITALIA
22 ore
La Lombardia saluta il giallo
Altre 6 Regioni italiane accolgono il bianco e salutano gran parte delle restrizioni
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
1 gior
L'invasione della magicicada negli USA, «anche al cioccolato»
L'insetto dagli occhi rossi ha conquistato 15 Stati, e anche una pasticceria del Maryland
MONDO
1 gior
Ecco come è finito il G7 in Cornovaglia
I sette grandi fanno fronte (scomposto) contro le "autocrazie"
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile