keystone-sda.ch / STF (Paul White)
SPAGNA
15.12.19 - 08:000
Aggiornamento : 09:00

Cop25: si tratta a oltranza. Gli ambientalisti: «È un fallimento»

La delegazione svizzera: «Meglio nulla che un pessimo accordo»

di Redazione
ats ans

MADRID - Nonostante la spinta di Greta Thunberg e della società civile e l'urgenza dettata dagli scienziati, i 196 Paesi del mondo più l'Ue stentano a trovare un accordo alla conferenza dell'Onu sul clima, definita la "Cop dell'ambizione". La conferenza doveva chiudersi venerdì e invece prosegue ad oltranza in mancanza di una intesa.

«È un fallimento» - Il primo documento sottoposto dalla presidenza del Cile all'attenzione delle parti è apparso troppo vago, tanto che la stessa presidenza si è messa al lavoro per riformularlo e far convergere le diverse istanze sui temi più combattuti. «Non è prevista una sospensione della Cop25 e si punta ad un accordo quanto prima», spiega il coordinatore della presidenza Andrés Landerretche. «È un fallimento», commentano gli ambientalisti.

I nodi più importanti da sciogliere sono tre: "Ambizione", mercato dei crediti di carbonio e gli aiuti per le perdite e i danni subiti dai Paesi vulnerabili. Serve uno sforzo dei Paesi più ricchi per impegni concreti sia nella riduzione dei gas serra sia nei finanziamenti ai Paesi vulnerabili, colpiti cioè dalle conseguenze del riscaldamento globale. Si corre il rischio che questa sia la Cop del rinvio, cioè che le questioni importanti vengano lasciate in sospeso e rimandate alla Cop26 del novembre 2020 a Glasgow.

"Ambizione" - L'Ambizione, come viene chiamata, è l'aumento da parte di ciascun Paese degli impegni nazionali (sottoscritti nel 2015 a Parigi) per il taglio di gas serra entro il 2030. Questi impegni (che devono essere in linea con l'innalzamento medio della temperatura globale di 1,5 gradi centigradi entro il 2100 rispetto al periodo preindustriale) vanno presentati alla Cop26.

Il problema è che i Paesi vulnerabili chiedono la garanzia che questi impegni siano formalizzati entro ottobre 2020 al segretariato dell'Unfccc (la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici), in modo da preparare un rapporto destinato alla Cop26 per capire se ci sia un fossato fra gli impegni trasmessi e quelli necessari per l'obiettivo del +1,5 gradi. Ci sono già 73 Paesi che li hanno definiti o hanno indicato l'intenzione di rafforzarli, altri undici hanno avviato il processo.

Mercato globale del carbonio - Il secondo dossier ancora senza soluzione riguarda l'articolo 6 dell'accordo di Parigi sulla regolazione del mercato globale del carbonio. C'è ancora divisione sul meccanismo di calcolo dei crediti (c'è chi vorrebbe un "doppio conteggio" sia a carico di chi vende sia di chi compra).

Aiuti per i Paesi vulnerabili - Il terzo è sulla revisione degli aiuti per i "loss and damage", contenuto nel cosiddetto Meccanismo internazionale di Varsavia. I Paesi vulnerabili chiedono 50 miliardi di dollari (grossomodo la medesima somma in franchi) all'anno fino al 2022, da aggiungere ai 100 miliardi all'anno al 2020 ed estesi almeno al 2025, per una ricostruzione e una ripresa economica. Ma gli Stati Uniti, nonostante abbiano avviato la pratica per uscire dall'Accordo di Parigi, si sono messi di traverso, perché non vogliono che ci sia alcuna richiesta di garanzie nei loro confronti.

Delegazione svizzera: «Meglio nulla che pessimo accordo» - La Svizzera ritiene troppo vaga la prima formulazione di un possibile accordo alla conferenza dell'Onu sul clima, in particolare in merito alla regolazione del mercato globale del carbonio.

«Sul mercato del CO2 è meglio che quest'anno non si raggiunga alcuna intesa piuttosto che ottenerne una pessima», ha affermato Franz Perrez, il capo della delegazione elvetica alla Cop25 di Madrid, interrogato nel telegiornale della televisione svizzerotedesca SRF. «Se prendiamo una decisione piena di scappatoie, non ce ne libereremo più», ha affermato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Bruno Walther 7 mesi fa su fb
dopo insultate greta , invece di questi pirloni....
Mirco Zabot 7 mesi fa su fb
Ottimo risultato invece a questa conferenza un capolavoro!
Bayron 7 mesi fa su tio
Bene!!! Alla faccia dei Gretini...
Nmemo 7 mesi fa su tio
La conferenza UNO sul clima ha fallito gli obiettivi. Per qualche Stato sussistono altre priorità vitali. Per la gente i camini che fumano sono pane.
Maurizio Roggero 7 mesi fa su fb
Che branco di buffoni....
Summerer 7 mesi fa su tio
"196 Paesi del mondo più l'Ue". Questo è un giornale svizzero! Non italiano! Quando scrivete evitate di copiare i giornali italiani!
Calotta Polare 7 mesi fa su tio
@Summerer Cos'è che ti irrita di questa definizione? La Svizzera è inclusa nei 196 Paesi del mondo citati. Si tratta comunque di un errore della Redazione perché l'UE semmai è parte dei 196 paesi del mondo. Non ne esistono 224.
streciadalbüter 7 mesi fa su tio
Comincia l`isterismo collettivo scatenato dal mostriciattolo svedese
Wunder-Baum 7 mesi fa su tio
Un po come Corea del Nord e Usa ! Tante parole, ma pochi fatti !
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
2 ore
«Quasi 300mila morti entro dicembre»
È la (nefasta) stima dei ricercatori dell'Universita di Washington che invitano la popolazione a usare la mascherina.
FOTO
LIBANO
2 ore
Beirut, ospedali già pieni per il Covid. Poi l'esplosione
Il Libano sta vivendo una grave crisi sanitaria. E il sistema era già sotto pressione a causa della pandemia
LIBANO
3 ore
Scattano le manette per il direttore del porto di Beirut
Hassan Koraytem è tra le 16 persone arrestate ieri nell'inchiesta sulle esplosioni che hanno devastato la capitale.
STATI UNITI
4 ore
Trump mette al bando TikTok: «Questioni di sicurezza nazionale»
Il presidente americano ha firmato un decreto che obbliga la cinese ByteDance a vendere le proprie partecipazioni.
MESSICO
4 ore
«Vorremmo solo sapere che stai bene»
Al momento ci sono ancora oltre 9mila persone scomparse nello stato messicano di Jalisco
FOTO
LIBANO
15 ore
Un esercito di volontari per ripulire Beirut dalle macerie
Viaggio attraverso la capitale libanese devastata in cerca della forza per tornare alla normalità
ITALIA
18 ore
Infermiere gli ruba la tessera del bancomat e fa acquisti per 7'000 euro mentre lui muore di Covid-19
È successo in un ospedale del Bergamasco, a scoprirlo le sorelle del defunto. In casa sua trovata la merce
FRANCIA
20 ore
Laboratori chiusi per ferie: e i tamponi chi li fa?
Anche chi lavora nel sanitario ha diritto alle ferie, ma c'è ora carenza di personale per effettuare i tamponi richiesti
LIBANO
22 ore
«È come se volessero che morissimo»
Gli investigatori hanno posto agli arresti domiciliari vari membri delle autorità portuali.
GERMANIA
23 ore
Lufthansa sempre più giù: persi altri 1,5 miliardi
Per un totale di 3,6 miliardi nella prima metà dell'anno e malgrado le misure di risparmio. A rischio 22'000 posti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile