Keystone
Diversi i fattori da tenere in considerazione.
REGNO UNITO
14.12.19 - 18:540

Brexit: tempi duri per turisti e studenti europei

Il premier britannico Boris Johnson è già al lavoro per portare il Regno fuori dall'Ue alla scadenza del 31 gennaio 2020

di Redazione
ats ans

LONDRA - Dopo aver sventolato per settimane il suo slogan elettorale "Get Brexit Done" (la Brexit sia concretizzata), il premier britannico Boris Johnson è già al lavoro per portare il Regno fuori dall'Ue alla scadenza del 31 gennaio 2020: per gli europei il risultato del voto di giovedì scorso, che ha regalato al primo ministro un'ampia maggioranza a Westminster di fatto scongiurando un'uscita senza accordo con Bruxelles, segnerà l'inizio della fine di un'era. A partire dal turismo, oltre all'istruzione e alla sanità, per citare i settori più in vista.

Il turismo - La libera circolazione tra l'Ue e il Regno Unito, infatti, dovrebbe diventare solo un ricordo già dall'anno prossimo - o al massimo dal 2021, ancora non è chiaro. Addio alla semplice carta d'identità: per entrare nel Paese servirà il passaporto biometrico con relativo nullaosta elettronico in stile statunitense (il cosiddetto ESTA), che darà la possibilità di soggiornare nel Regno fino a un massimo di tre mesi.

La telefonia - Sempre in tema di turismo, resta da vedere se il cosiddetto roaming verrà abolito o meno. Per il momento i quattro principali operatori telefonici britannici - EE, O2, Three e Vodafone - hanno detto che intendono mantenere lo status quo.

Le università - Quanto alle rette universitarie, nulla cambia per l'anno accademico 2020-2021, come annunciato dal governo lo scorso 28 maggio: fino ad allora gli studenti europei saranno ancora equiparati a quelli britannici e continueranno a pagare le attuali 9250 sterline l'anno (poco più di 12'000 franchi al cambio attuale). Le cose dovrebbero cambiare a partire dal 2021-2022, quando gli europei dovranno sborsare le stesse somme pagate ora dai loro coetanei extraeuropei, che attualmente per l'università di Cambridge vanno da un minimo di 21'168 sterline a un massimo di 55'272 sterline (per la facoltà di medicina).

La cittadinanza - I 3,2 milioni di cittadini europei che oggi vivono e lavorano nel Regno Unito potranno rimanere, ma dovranno comunque fare domanda entro il 30 giugno 2021 per essere ammessi al cosiddetto EU Settlement Scheme. A quel punto, a seconda dei loro requisiti, riceveranno lo status di "settled" (che dà diritto a rimanere nel Paese a tempo illimitato e a chiedere la cittadinanza) o "pre-settled" (che permette di rimanere nel Regno per ulteriori cinque anni e poi di richiedere lo status di "settled").

La sanità - Passando alla sanità, il sito del governo britannico raccomanda ai cittadini dell'Unione - oltre a quelli di Svizzera, Liechtenstein, Norvegia e Islanda - di portare con sé la tessera europea di assicurazione malattia mentre sono in visita nel Regno Unito: la tessera, si legge nel sito, sarà valida finché il Paese non uscirà formalmente dall'Ue. Dopo quella data la copertura sanitaria di questi cittadini dipenderà dagli accordi bilaterali che Londra firmerà con i vari Paesi.

Commenti
 
anndo76 1 mese fa su tio
libere scelte votate democraticamente dal popolo Inglese. nel bene e nel male . giusto che sia cosi la democrazia
Benedetto Craco 1 mese fa su fb
Palle
dan007 1 mese fa su tio
in America anche con l’esta ci sono milioni di stranieri senza permesso che hanno solo la possibilità di delinquere ho lavorare in nero sottopagati
vulpus 1 mese fa su tio
Gli inglesi non hanno nulla da imparare dall'UE. Continueranno a vivere eggreggiamente, adattandosi alla situazione. Quante nazioni vivono bene anche se non sono nell'unione. E l'UE avrà sempre bisogno degli inglesi. Basta diffondere pure destabilizzanti
jena 1 mese fa su tio
-1... avanti il prossimo... italia, austria o polonia
Ade Gheiz 1 mese fa su fb
È sempre stato così, prima di questa ue. Quindi è solo una seccatura in più. Tanti numeri portano anche mediocrità. Certe cose bisogna meritarsele
Piero Solcà 1 mese fa su fb
🇪🇺 UE è finita 😍😍😍
Franco Massaccesi 1 mese fa su fb
Lo stesso discorso vale per gli inglesi che vanno a svernare nel sud Europa, 3 mesi e via...
Bayron 1 mese fa su tio
Ma basta seminare inutili paure. Cambierà poco o niente. L’Inghilterra ha solo da guadagnarci . La Svizzera dovrebbe seguirla a ruota abbandonando la libera circolazione e ripristinando di conseguenza le frontiere.
Stefano Casalinuovo 1 mese fa su fb
Mi ride il culo per tutti gli italiani ignoranti pro Brexit.
Francesco Sergio 1 mese fa su fb
Lavapiatti europei
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AUSTRALIA
44 min
Precipita aereo antincendio, tre morti
Le vittime sono cittadini statunitensi impegnati nelle operazioni di spegnimento dei roghi nel Nuovo Galles del Sud
CANADA
58 min
Multa di 196,5 milioni di dollari a Volkswagen
Un tribunale di Toronto si è espresso contro il colosso automobilistico tedesco sul caso Dieselgate
AUSTRALIA
2 ore
Australiani senza pace. Prima gli incendi, poi la pioggia, ora i ragni
La situazione meteo degli ultimi giorni ha creato le condizioni ideali per il proliferare dei ragni dei cunicoli, fra i più velenosi al mondo. Gli esperti invitano alla prudenza
CINA
11 ore
Da Wuhan non si parte più
Bloccati treni e aerei per contrastare la diffusione dell'epidemia di coronavirus
REGNO UNITO
11 ore
Brexit: sì finale del Parlamento all'accordo
È così stata aperta definitivamente la via all'uscita del paese dall'Unione europea
STATI UNITI
12 ore
Tesla supera Volkswagen: ora vale più di cento miliardi di dollari
La casa automobilistica di Elon Musk è seconda al mondo per valore, dopo Toyota
ITALIA
14 ore
Di Maio si dimette dalla guida dell'M5S: «Ho portato a termine il mio compito»
In un discorso a Roma, il capo politico del movimento ha confermato la sua scelta di fare un passo indietro
STATI UNITI
15 ore
In Florida le iguane cadono dagli alberi
Colpa del freddo: non è la prima volta e le autorità consigliano alla popolazione cosa fare
ITALIA
16 ore
Venezia e l'acqua alta: Mose in funzione a partire dal 30 giugno
A ipotizzarlo sono i commissari del Consorzio Venezia Nuova. Le paratoie potrebbero scattare con maree superiori ai 140 cm, come quelle che hanno allagato la città in novembre
FOTO
FRANCIA
16 ore
Gloria sommerge i Pirenei: «Oggi è il giorno più difficile»
La tempesta, che ha già provocato vittime in Spagna, prosegue la corsa attraverso la Francia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile