keystone-sda.ch / STF (Andrea Comas)
+8
SPAGNA
06.12.19 - 19:510
Aggiornamento : 20:53

«Un anno di scioperi, ma nulla è cambiato»

È una Greta Thunberg delusa ma non rassegnata quella che ha parlato da Madrid, dove è in corso la Conferenza sul Clima: «Non c'è una soluzione sostenibile»

di Redazione
ats ans

MADRID - «Stiamo scioperando da un anno ma chi governa ignora ancora la crisi climatica» e «non c'è una soluzione sostenibile». Delusa ma non rassegnata, Greta Thunberg parla alla stampa, dopo essere arrivata a Madrid dove è in corso la Conferenza sul clima. Nove ore di viaggio in treno da Lisbona. «Andiamo avanti con la nostra azione», avverte seria auspicando «sinceramente che dalla Cop25 venga fuori qualcosa di concreto».

Attesa in stazione da uno sciame di giornalisti, telecamere e microfoni da tutto il mondo, la giovane attivista svedese - che è accompagnata dal padre - scortata dalla polizia è scesa con sotto braccio il cartello con la scritta "Sciopero per il clima" che porta sempre con sè: dalle manifestazioni solitarie del venerdì cominciate nell'agosto 2018 davanti al parlamento svedese a quelle assieme al movimento di giovani di tutto il mondo da lei ispirati Fridays for future. Ironica, ha twittato ai suoi oltre tre milioni di follower di essere arrivata in Spagna aggiungendo ironicamente: «Credo che nessuno mi abbia vista».

C'è stato anche chi ha avuto da ridire su questo viaggio che non sarebbe stato "a zero emissioni", come invece fatto in barca a vela per raggiungere gli Usa e tornare, in quanto per 200 chilometri la locomotiva sarebbe stata a diesel.

Greta ha fatto prima un salto nel quartiere fieristico che ospita la Conferenza delle parti dell'Onu sui cambiamenti climatici (Cop) che si conclude il 13 dicembre e dove si è festeggiato lo "Young and Future Generations Day", un tema molto sentito quest'anno vista la mobilitazione dei ragazzi sul tema del clima. Dopo, la conferenza stampa nel centro sociale e culturale "La Casa Encendida" assieme ad altri tre attivisti sul palco dove ha catalizzato l'attenzione (tanto che Greta ha chiesto ai giornalisti di non fare domande solo a lei). Nel tardo pomeriggio si è unita ai giovani alla stazione Achoa per la "marcia del venerdì" sul clima.

Greta è ormai un simbolo globale ed è tra i personaggi più gettonati anche sull'app per incontri amorosi Tinder, dove è sbarcata in massa la Generazione Z. I ragazzi sotto i 25 anni sono la maggioranza sulla piattaforma dove mostrano una notevole attenzione alle tematiche green.

Alla Cop c'è molta attesa per il suo intervento, che sembra in agenda lunedì nell'ambito di un evento dell'Unesco. Nel settembre scorso, Greta e altri 15 ragazzi provenienti da 12 Stati del mondo hanno presentato uno storico reclamo al Comitato Onu sui Diritti dell'Infanzia per protestare contro l'inazione dei governi di fronte alla crisi del clima sostenendo che il fallimento degli Stati nell'affrontare la crisi costituisca una violazione dei diritti dei bambini e degli adolescenti.

Obiettivo è incoraggiare un'azione urgente per ridurre il riscaldamento globale e mitigare l'impatto della crisi climatica. Come in altre occasioni, dalla Cop 24 in Polonia al summit sul clima del settembre scorso all'Onu, la sedicenne con la sindrome di Asperger dovrebbe nuovamente scuotere i 196 Paesi partecipanti chiedendo un'azione urgente.

Si sta intanto concludendo la prima settimana di negoziazioni in cui gli sherpa cercano punti di accordo sui vari dossier per preparare i documenti da sottoporre nella seconda settimana ai ministri e capi di stato o di governo affinchè arrivino a un'intesa.

I nodi principali del negoziato iniziano ad emergere con le prime divergenze importanti sul tema del "Loss&Damage" cioè le perdite e i danni subiti dai Paesi più poveri che chiedono contributi a quelli ricchi mentre proseguono i negoziati informali sui meccanismi di mercato (previsti dall'articolo 6 dell'Accordo di Parigi del 2015) in modo da evitare il "doppio conteggio" delle riduzioni di emissioni di gas serra. C'è poi il tema della trasparenza.

Madrid affollata per Fridays for future - «Madrid affollata dalla manifestazione per la #COP25. Non vogliamo girare le spalle ai leader che ci stanno rubando il futuro ignorando la crisi climatica. Il movimento per la giustizia climatica è più grande e più vicina che mai! Siamo inarrestabili». È un tweet (vedi sotto) di Fridays for future Germany rilanciato da Greta Thunberg nel quale si vede un breve video che ritrae una folla di giovani che manifesta per il clima.

keystone-sda.ch (KIKO HUESCA)
Guarda tutte le 12 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 8 mesi fa su tio
Non la sopporto più!!
Bayron 8 mesi fa su tio
Che palle sta bamboccia! Lei, i falsi ecologisti e le sardine hanno proprio rotto..
Dioneus 8 mesi fa su tio
@Bayron Eccomi caro :) mi piace vederti rosicare, intensificheremo gli sforzi ;)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
2 ore
«Quasi 300mila morti entro dicembre»
È la (nefasta) stima dei ricercatori dell'Universita di Washington che invitano la popolazione a usare la mascherina.
FOTO
LIBANO
2 ore
Beirut, ospedali già pieni per il Covid. Poi l'esplosione
Il Libano sta vivendo una grave crisi sanitaria. E il sistema era già sotto pressione a causa della pandemia
LIBANO
3 ore
Scattano le manette per il direttore del porto di Beirut
Hassan Koraytem è tra le 16 persone arrestate ieri nell'inchiesta sulle esplosioni che hanno devastato la capitale.
STATI UNITI
4 ore
Trump mette al bando TikTok: «Questioni di sicurezza nazionale»
Il presidente americano ha firmato un decreto che obbliga la cinese ByteDance a vendere le proprie partecipazioni.
MESSICO
4 ore
«Vorremmo solo sapere che stai bene»
Al momento ci sono ancora oltre 9mila persone scomparse nello stato messicano di Jalisco
FOTO
LIBANO
15 ore
Un esercito di volontari per ripulire Beirut dalle macerie
Viaggio attraverso la capitale libanese devastata in cerca della forza per tornare alla normalità
ITALIA
18 ore
Infermiere gli ruba la tessera del bancomat e fa acquisti per 7'000 euro mentre lui muore di Covid-19
È successo in un ospedale del Bergamasco, a scoprirlo le sorelle del defunto. In casa sua trovata la merce
FRANCIA
20 ore
Laboratori chiusi per ferie: e i tamponi chi li fa?
Anche chi lavora nel sanitario ha diritto alle ferie, ma c'è ora carenza di personale per effettuare i tamponi richiesti
LIBANO
22 ore
«È come se volessero che morissimo»
Gli investigatori hanno posto agli arresti domiciliari vari membri delle autorità portuali.
GERMANIA
23 ore
Lufthansa sempre più giù: persi altri 1,5 miliardi
Per un totale di 3,6 miliardi nella prima metà dell'anno e malgrado le misure di risparmio. A rischio 22'000 posti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile