Keystone (archivio)
L'incidente è avvenuto nel poligono militare di Nyonoksa.
RUSSIA
22.11.19 - 20:260

Un'arma che «non ha analoghi al mondo» avvolta nel mistero

Il Cremlino mantiene il massimo riserbo sull'attrezzatura che ha provocato l'incidente nucleare a Nyonoksa lo scorso mese d'agosto

di Redazione
ats/ansa

MOSCA - Resta avvolto nel più fitto mistero l'incidente nucleare avvenuto l'8 agosto nel poligono militare di Nyonoksa, nel nord della Russia. Il Cremlino continua a mantenere il massimo riserbo sull'arma che ha provocato la micidiale esplosione, ma Vladimir Putin ha assicurato che è un'arma che «non ha analoghi al mondo» e ha promesso che «verrà perfezionata».

Gli esperti ritengono che si tratti di un missile da crociera a propulsione nucleare. Le ipotesi sono tante, ma la più gettonata è quella del Burevestnik: un nuovissimo siluro che non avrebbe limiti di gittata. La parte russa però finora ha solo fatto sapere che l'incidente si è verificato durante il test di un motore missilistico atomico. E anche questa è in realtà una versione a cui non tutti credono.

La deflagrazione di quest'estate ha ucciso cinque ingegneri nucleari e due militari, facendo temporaneamente aumentare il livello delle radiazioni nella zona. Il presidente russo ha consegnato, in una cerimonia al Cremlino, dei riconoscimenti ai familiari delle vittime spiegando che «ognuno di loro ha fornito un contributo inestimabile al rafforzamento dello Stato russo», inoltrandosi subito in un terreno che conosce bene: quello dell'orgoglio nazionale.

«Stiamo parlando di armi progettate per garantire sovranità e sicurezza alla Russia nei decenni a venire», ha detto, sottolineando che «tali tecnologie uniche» sono «oggi la più importante e affidabile garanzia di pace sul pianeta». Poi è arrivata la promessa, fatta direttamente alle vedove della tragedia della scorsa estate: «Certamente perfezioneremo quest'arma nonostante tutto».

Secondo l'agenzia atomica russa Rosatom, gli ingegneri avevano completato un test su una piattaforma offshore del poligono navale sul Mar Bianco quando è scoppiato un incendio e il motore missilistico è esploso scaraventando i tecnici in acqua. Il bilancio ufficiale è di sette morti e sei feriti.

La tragedia è stata gestita in maniera inadeguata, facendo tornare alla mente i tentativi sovietici di insabbiare le reali conseguenze di un incidente nucleare infinitamente più grave come quella di Chernobyl. Subito dopo l'esplosione, Mosca aveva infatti assicurato che il livello delle radiazioni non era aumentato. Ma nel giro di quattro giorni è stata costretta ad ammettere che nella città di Severodvinsk, a 47 chilometri dal poligono, era invece salito di 16 volte.

Per quel che riguarda la «misteriosa arma» di Putin, è possibile che si tratti di uno dei "super missili" che il leader del Cremlino presentò l'anno scorso al mondo come capaci di penetrare qualsiasi difesa antimissilistica. C'è chi pensa che l'esplosione sia stata causata dal missile da crociera anti-navi Zirkon, in grado di viaggiare a otto volte la velocità del suono, e chi dal drone-siluro sottomarino Poseidon. L'ipotesi più condivisa è però quella del Burevestnik - Skyfall secondo la dicitura Nato - un razzo che in teoria non avrebbe limiti di gittata e prende nome dalla procellaria, un uccello marino che vola sfidando le tempeste.

Un alto funzionario del Dipartimento di Stato Usa, Thomas DiNanno, ha però un'altra versione: l'incidente non sarebbe avvenuto durante un esperimento ma in un'operazione di recupero di un missile dal fondo del mare dopo un test finito male.

Comunque siano andate le cose, Putin continua a puntare molto sulle armi e ha annunciato che nei prossimi anni le forze russe investiranno sempre di più in intelligenza artificiale in modo da produrre robot da combattimento e droni, ma anche armi laser e ipersoniche.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Bayron 7 mesi fa su tio
Ha parlato il buffone Putin!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
48 min
George Floyd ha ripetuto 20 volte «Non riesco a respirare»
È quanto emerge dalle trascrizioni dei video girati dalle telecamere indossate dagli agenti
STATI UNITI
2 ore
Tutti quelli un po' strani che si sono candidati presidente
L'ultimo di questa (sorprendentemente) lunga schiera di personaggi sopra le righe è il rapper Kanye West.
MONDO
3 ore
Coronavirus, oltre 12 milioni di contagi accertati nel mondo
Gli Stati Uniti hanno superato quota tre milioni
STATI UNITI
3 ore
United Airlines potrebbe tagliare 36mila posti di lavoro
Il piano scatterebbe il 1° ottobre, il primo giorno dopo la fine degli aiuti pubblici (che non consentono di licenziare)
MONDO
4 ore
Nel 2019 sono aumentati i milionari
La Svizzera occupa la settima posizione della speciale classifica, guidata dagli Stati Uniti
ITALIA
4 ore
Improvvisa una "bancarella della droga" sul marciapiede: arrestato
L'uomo era pronto a vendere ai passanti 26 dosi di sostanze stupefacenti
MONDO
12 ore
Il coronavirus corre nei Balcani
L'aumento quotidiano dei nuovi contagi prosegue soprattutto in Romania e Serbia
FOTO
REGNO UNITO
13 ore
Londra, una gru è caduta sopra un'abitazione
Il bilancio dell'incidente è di un morto e quattro persone ferite
ITALIA
15 ore
Terrore sul bus: chiesti 24 anni per Ousseynou Sy
Nel marzo del 2019 aveva dato fuoco un mezzo con a bordo 50 allievi di seconda media
STATI UNITI
16 ore
United Airlines: a rischio 36'000 posti di lavoro
Attualmente la società perde 40 milioni di dollari al giorno. La misura potrebbe scattare in assenza di una ripresa
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile