Keystone (archivio)
ITALIA
20.11.19 - 11:010
Aggiornamento : 12:46

Il Ponte Morandi è «a rischio crollo», spunta un report del 2014

Il documento è stato ignorato per anni da Atlantia e Aspi e ora è finito nelle mani della Guardia di finanza

di Redazione
ats ans

GENOVA - Nel registro digitale di Atlantia, azienda italiana attiva nel settore delle infrastrutture autostradali e aeroportuali, è stato trovato un documento che svela il rischio crollo per il ponte Morandi di Genova. Finora i dirigenti di Autostrade per l'Italia (Aspi) hanno dichiarato ai magistrati che per il viadotto nessun rapporto di Spea (società delegata al monitoraggio della rete autostradale) aveva messo in allarme per il pericolo di crollo.

Il documento è stato sequestrato dalla Guardia di finanza. Quel «documento di programmazione del rischio», stilato dall'Ufficio rischio di Autostrade è passato dai vari consigli di amministrazione (cda) sia di Aspi che di Atlantia. Dal 2014 al 2016 per il Morandi si parla di «rischio crollo», dal 2017 la dicitura diventa «rischio perdita stabilità». Lo scrive La Repubblica.

Secondo fonti di Atlantia e Aspi l'attestato viene presentato ai cda per informare gli azionisti e per programmare gli interventi, ma anche per chiedere consulenze tecniche a ditte esterne: nell'autunno del 2017 il Centro elettrotecnico sperimentale italiano (Cesi, multinazionale italiana che si occupa di prove e certificazioni nel campo dell'ingegneria, dell'innovazione e della consulenza per il settore elettrico, civile e ambientale) segnalò problemi sugli stralli corrosi e suggerì controlli trimestrali mirati, applicazione di sensori: indicazioni disattese secondo l'indagine.

I magistrati che indagano sul crollo del viadotto, avvenuto il 14 agosto del 2018 causando 43 vittime, vogliono capire perché il progetto di consolidamento del ponte (retroffiting) soltanto nel febbraio del 2018 sia stato sottoposto alla valutazione del provveditorato delle opere pubbliche e nel giugno sia giunto al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (Mit) nonostante il "rischio crollo" fosse stato già certificato quattro anni prima. I lavori sarebbero dovuti iniziare nell'autunno del 2018. Del documento sequestrato in cui si parla del rischio crollo aveva parlato nei giorni scorsi anche Il Secolo XIX.

Magistrati e investigatori chiedono ai 73 indagati di omicidio e disastro colposo plurimi come mai il ponte venisse classificato con voto inferiore a 50 (oltre questo livello si applicano misure di limitazione al traffico o chiusure), quindi con rischio basso. Le intercettazioni agli atti dell'inchiesta evidenziano che i monitoraggi di Spea erano edulcorati per evitare limitazioni e per risparmiare sugli interventi.

C'è un altro dato che fa riflettere gli investigatori: dal 2014 in poi le polizze assicurative sul viadotto genovese erano aumentate notevolmente.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
KilBill65 8 mesi fa su tio
Strano non ho piu' sentito nulla sulla famiglia Benetton!!!....Mi pare siano proprietari delle autostrade e di tutto compreso….Ma la cosa che fa strano il governo Italiano che se lo vende a un gruppo di stilisti!!!....Vuol dire che sono alla canna del gas!!!.....
anndo76 8 mesi fa su tio
@KilBill65 magari lo avessuro venduto !! lo hanno REGALATO, che e' diverso, e i furbi hanno solo aumentano i prezzi per ripagare il prestito delle banche. Mafiosi di emme....
francox 8 mesi fa su tio
Dio, che schifo. Ci vorrebbe la pena di morte.
anndo76 8 mesi fa su tio
@francox e, aggiungerei, anche la tortura da vivo !!!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
1 ora
Google Play Music chiuderà i battenti a ottobre
Gli utenti avranno tempo fino a dicembre per trasferire le proprie librerie musicali su YouTube Music o altrove
LIBANO
1 ora
«Da solo il Libano non ce la fa, distruzione e desolazione ovunque»
Bechara Boutros Raï invoca l'aiuto del mondo. Il Paese è già piegato: «Vi abbiamo regalato l'alfabeto».
LIBANO
2 ore
«Non c'era solo nitrato di ammonio»
La Ue attiva la protezione civile, Macron domani sarà in Libano
ITALIA
3 ore
Ryanair «viola le norme anti Covid-19»
Se la compagnia non porrà rimedio Enac imporrà «la sospensione di ogni attività di trasporto negli scali nazionali»
FOTO
LIBANO
5 ore
Beirut, un pericolo noto da oltre 6 anni
Il carico che ha alimentato la devastante esplosione si trovava nell'hangar dal settembre del 2013
REGNO UNITO
5 ore
Le fa la proposta... bruciando casa
Un uomo di Sheffield ha esagerato con le candele per realizzare una proposta di matrimonio
FOTO E VIDEO
LIBANO
7 ore
Beirut, il giorno dopo: «Vivi per miracolo»
Fonti della Difesa Usa smentiscono Trump e affermano che al momento non ci sono elementi per parlare di attentato
GIAPPONE
7 ore
L'oro sale sempre più su
In un anno le quotazioni sono salite del 33%
STATI UNITI
8 ore
Istanza di bancarotta per Virgin Atlantic negli Usa
La società aveva ricevuto il mese scorso 1,5 miliardi di dollari di aiuti per mantenere la solvibilità
FOTO
LIBANO
8 ore
Esplosione a Beirut: oltre 100 morti. «Abbandonate la città»
A causare il disastro sarebbe stato un incendio in un deposito dove erano stipate 2'750 tonnellate di nitrato di ammonio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile