Keystone (archivio)
SVEZIA
19.11.19 - 14:540
Aggiornamento : 16:41

Assange, Stoccolma archivia le accuse di stupro

Gli elemente emersi nell'indagine preliminare sono risultati insufficienti. La decisione della magistratura svedese è suscettibile di ricorso

STOCCOLMA - Era stato anticipato nelle scorse ore proprio da WikiLeaks e ora è stato ufficializzato: le accuse di stupro a carico di Julian Assange sono cadute. La conferma arriva direttamente da Stoccolma, dove il pubblico ministero svedese ha comunicato alla stampa la decisione di archiviare l'inchiesta preliminare.

La procuratrice svedese Eva-Marie Persson - come riportano i media internazionali - ha reso noto che non ci sono sufficienti elementi probatori per una condanna. L’inchiesta aperta nei confronti di Assange - che si trova attualmente in carcere nel Regno Unito - riguardava presunti fatti risalenti al 2010. La decisione della magistratura svedese può essere impugnata.

«La ragione della decisione di archiviare il caso è che gli indizi si sono considerevolmente indeboliti a causa del lungo arco di tempo trascorso dagli eventi in questione», ha detto Persson - citata dall'ATS -, aggiungendo tuttavia di ritenere che la presunta parte lesa abbia presentato «una ricostruzione degli eventi coerente, ampia e dettagliata».

Il fondatore di Wikileaks, che si è sempre proclamato estraneo alle accuse, ha evitato per sette anni l'estradizione in Svezia, trovando rifugio nel 2012 all'interno dell'ambasciata dell'Ecuador a Londra. Dopo essere stato consegnato alle autorità britanniche, il 48enne Assange ad aprile è stato condannato a 50 settimane di carcere per avere infranto i termini della libertà vigilata.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
MIM 7 mesi fa su tio
Tornerà più forte di prima, e questo fa molta paura a qualcuno con la coscienza sporca.
sedelin 7 mesi fa su tio
Era ora! Ed è ora di liberarlo dalla prigione dove lo stanno uccidendo lentamente perché ha detto scomode verità.
Daniel Mandelli 7 mesi fa su fb
Ma va che strano teh... 😆 non si era capito già da anni...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile